L'ufficiale e la spia

Un film di Roman Polanski. Con Jean Dujardin, Louis Garrel, Emmanuelle Seigner, Grégory Gadebois, Hervé Pierre.
continua»
Titolo originale J'Accuse. Drammatico, Ratings: Kids+13, durata 126 min. - USA 2019. - 01 Distribution uscita giovedì 21 novembre 2019. MYMONETRO L'ufficiale e la spia * * * * - valutazione media: 4,07 su 50 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   

essere per la verità Valutazione 5 stelle su cinque

di carloalberto


Feedback: 6047 | altri commenti e recensioni di carloalberto
venerdì 22 novembre 2019

 Con il suo J’accuse Roman Polanski ha voluto rendere omaggio al cinema di Alfred Hitchcock, in particolare penso ai film Il Delitto perfetto e Nodo alla gola, ricostruendo la nota storia di Dreyfus in sequenze che intrecciano, sin dall’inizio, le vicissitudini ed il carattere della vittima con le azioni del suo salvatore, il colonnello Picquart, concatenandosi in un contesto già compiuto, destinato ad evolversi in un finale prestabilito in cui il misfatto è svelato grazie ad un errore fatale del criminale che ha architettato malamente il piano delittuoso, e lasciando allo spettatore il compito di ripercorrere mentalmente l’ordito della trama per giungere, infine, ad una conclusione emotiva inaspettata che disorienta ed invita alla riflessione.
Nel Delitto perfetto c’è qualcosa che il criminale ha lasciato al suo posto, ma che non avrebbe dovuto trovarsi più lì, la chiave sotto lo zerbino, che qui diventa il documento segreto tenuto in cassaforte dal maggiore Henry. In Nodo alla gola l’elemento incriminante è sotto gli occhi di tutti, ma uno soltanto lo vede per quello che è, il laccio che è servito per strangolare l’amico qui diventa il testo autografo incorniciato che falsamente incolpava Dreyfus.
La firma che autentica l’omaggio è l’apparizione dello stesso Polanski, con baffoni asburgici, sullo sfondo di una scena tra gli invitati ad un ricevimento, come piaceva fare al “maestro del brivido”.
La sovrapposizione dei temi, propria di un film ispirato a vicende storiche, la questione dell’antisemitismo, le lotte politiche e lo strapotere dell’Esercito nella Francia dell’ultimo scorcio del XIX secolo e degli inizi del XX, pur costituendo la struttura del film non predominano soffocando il dramma, ma anzi donano il giusto colore agli ambienti ed il calore della vita vera ai protagonisti, impegnati in un duello a distanza, Dreyfus e Picquart. I due eroi combattono entrambi il mondo, ma da una prospettiva diversa e per una causa diversa, la vittima per difendere la propria vita ed il proprio onore, il salvatore per difendere il principio etico della Verità che travalica ogni obbligo sociale e ogni dovere di fedeltà e di coerenza derivante dall’appartenenza all’Esercito, alla Nazione, alla razza…
Nella scena finale, ricomposto il dramma storico, si riaffrontano i duellanti, ma ora le prospettive sono capovolte. Dreyfus invoca la modifica di una legge per affermare il principio etico dell’Equità, Picquart,  rientrato nei ranghi con il grado di generale, gli oppone la contingenza politica che impedisce in quel momento di cambiare una legge ingiusta. Gli obblighi sociali hanno ripreso il sopravvento e la rivoluzione per la Verità ha lasciato il posto alla gestione burocratica del potere.
La parabola umana di  Picquart diventa metafora di tutte le rivoluzioni.
Ma il finale emotivo inaspettato che coinvolge lo spettatore è dovuto all’antipatia che suscita il personaggio di Dreyfus, che invece di ringraziare colui che gli ha salvato la vita, va da lui per recriminare la sua mancata promozione al grado superiore. Polanski vuole dirci che al di là dell’antipatia, ovvero delle passioni e dei sentimenti che ci suscitano le persone o i popoli, occorre riflettere sulla pretesa che essi avanzano. In questo caso Dreyfus sta chiedendo ciò che gli spetta in virtù del principio etico di Giustizia e nient’altro. E di questo parla il film, di principi etici, di Verità, di Giustizia, di Equità, che superano la vicenda storica contingente del caso Dreyfus, che non appartengono soltanto alla storia della Francia del XIX o XX secolo, ma alla storia dell’uomo, al suo essere per la verità e che vale la pena riaffermare oggi, nel XXI secolo, come valori ormai obliati dal mondo contemporaneo.
 

[+] lascia un commento a carloalberto »
Sei d'accordo con la recensione di carloalberto?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
79%
No
21%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico

Ultimi commenti e recensioni di carloalberto:

Vedi tutti i commenti di carloalberto »
L'ufficiale e la spia | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
Festival di Venezia (2)
European Film Awards (4)


Articoli & News
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 |
Link esterni
#LUfficialeElaSpia
Uscita nelle sale
giovedì 21 novembre 2019
Distribuzione
Il film è oggi distribuito in 193 sale cinematografiche:
Showtime
  5 | Abruzzo
  1 | Basilicata
  4 | Calabria
11 | Campania
20 | Emilia Romagna
  6 | Friuli Venezia Giulia
23 | Lazio
  9 | Liguria
35 | Lombardia
  5 | Marche
  1 | Molise
10 | Piemonte
12 | Puglia
  5 | Sardegna
  6 | Sicilia
13 | Toscana
  4 | Trentino Alto Adige
  6 | Umbria
  1 | Valle d'Aosta
16 | Veneto
Scheda | Cast | Cinema | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità