L'ufficiale e la spia

Acquista su Ibs.it   Dvd L'ufficiale e la spia   Blu-Ray L'ufficiale e la spia  
Un film di Roman Polanski. Con Jean Dujardin, Louis Garrel, Emmanuelle Seigner, Grégory Gadebois, Hervé Pierre.
continua»
Titolo originale J'accuse. Drammatico, Ratings: Kids+13, durata 126 min. - USA 2019. - 01 Distribution uscita giovedì 21 novembre 2019. MYMONETRO L'ufficiale e la spia * * * * - valutazione media: 4,11 su 66 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   
carloalberto venerdì 22 novembre 2019
essere per la verità Valutazione 5 stelle su cinque
78%
No
22%

 Con il suo J’accuse Roman Polanski ha voluto rendere omaggio al cinema di Alfred Hitchcock, in particolare penso ai film Il Delitto perfetto e Nodo alla gola, ricostruendo la nota storia di Dreyfus in sequenze che intrecciano, sin dall’inizio, le vicissitudini ed il carattere della vittima con le azioni del suo salvatore, il colonnello Picquart, concatenandosi in un contesto già compiuto, destinato ad evolversi in un finale prestabilito in cui il misfatto è svelato grazie ad un errore fatale del criminale che ha architettato malamente il piano delittuoso, e lasciando allo spettatore il compito di ripercorrere mentalmente l’ordito della trama per giungere, infine, ad una conclusione emotiva inaspettata che disorienta ed invita alla riflessione. [+]

[+] un convincente e complesso affresco storico/umano (di antonio montefalcone)
[+] lascia un commento a carloalberto »
d'accordo?
loland10 lunedì 25 novembre 2019
verità e falsità Valutazione 5 stelle su cinque
78%
No
22%

L’ufficiale e la spia” (J’accuse, 2019) è il ventitreesimo lungometraggio del regista-sceneggiatore polacco (naturalizzato francese) Roman Polanski.
Al ventitreesimo film arriva Il summa polanskiano: inchiesta, processo, falsità, verità, potere e corruzione. In poco più di due ore sono concentrate molte cose che aspetti e oltre delle cose che non aspetti perché non finisca l’atmosfera magica di un cinema che si usa poco o forse mai più.
Il cineasta imposta il tutto in modo classicheggiante, con forme e corpi che hanno movenze minimi. Il movimento è dentro lo schermo e la ripresa che combaciano in modo sincronistico e perfetto. [+]

[+] lascia un commento a loland10 »
d'accordo?
ghisi gr�tter mercoledì 27 novembre 2019
il potere della fine dell’ottocento Valutazione 4 stelle su cinque
67%
No
33%

Roman Polanski, a ottantasei anni, si conferma ancora una volta un ottimo regista con quest’ultimo film di impianto classico. Al di là delle polemiche su una presunta identificazione del regista, nell’ingiustamente accusato Dreyfuss, il film, con il titolo in italiano, “L’ufficiale e la spia”, riporta sullo schermo un fatto reale già rappresentato al cinema nel 1937 da Wiliam Dieterle in “Emile Zola” e nel 1958 da José Ferrer in “L’affare Dreyfuss”.

Il film è tratto dal romanzo omonimo del 2013 di Richard Harris, che ne ha curato anche la sceneggiatura assieme al regista. [+]

[+] lascia un commento a ghisi gr�tter »
d'accordo?
mirko giovedì 10 settembre 2020
ecco come si fa un film storico ! Valutazione 5 stelle su cinque
100%
No
0%

Sul finire dell’Ottocento un capitano ebreo dell’esercito francese viene dichiarato colpevole di tradimento. Spetta al neo capo dei servizi segreti far luce sull’accaduto. Appassionante cinepezzo da antologia, minuziosamente ambientato e dalla narrazione fitta, con delle performance incredibilmente credibili. Dall’omonimo romanzo di Robert Harris, che ha anche collaborato alla sceneggiatura. Si è aggiudicato il Gran premio della giuria a Venezia.

[+] lascia un commento a mirko »
d'accordo?
nadia meden domenica 8 dicembre 2019
la storia insegna....... Valutazione 5 stelle su cinque
60%
No
40%

Ho potuto assistere all' ultimo capolavoro Roman Polanski  " L'ufficiale e la spia ", un film accuratissimo ed elegante con un cast di attori molto, molto bravi tra i quali spiccano sicuramente Louis Garrel nei panni del Capitano Alfred Dreyfus  e Jean Dujardin  nei pani del Colonnello Picquart.  Il film tratta di una storia vera , meglio conosciuta come L' affare Dreyfus e si svolge in Francia alla fine del 1800, dove il Capitano dell' esercito Dreyfus viene giudicato colpevole di alto tradimento e "svestito militarmente " sulla pubblica piazza di fronte a tutto il Corpo Militare. Egli verrà destinato a prigionia sull' isola del Diavolo e gli verrà tolta anche la posssibilità di parlare. [+]

[+] lascia un commento a nadia meden »
d'accordo?
fabio 3121 sabato 22 maggio 2021
il bordereau che incastrò l''innocente dreyfus Valutazione 4 stelle su cinque
0%
No
0%

il film è basato sulla storia vera nota come "l'affare Dreyfus" che sconvolse l'opinione pubblica in Francia sul finire del 1800. Nel gennaio del 1895 il capitano dell'esercito francese Dreyfus viene degradato e condannato di alto tradimento per aver passato segreti militari ai tedeschi ed incarcerato nell'isola del diavolo. Un anno dopo il capitano Picquart viene posto a capo dei servizi segreti e, attraverso l'esame del bordereau - prova documentale del tradimento di Dreyfus - con altri documenti scritti dal maggiore Esterhazy, Picquart riapre il caso Dreyfus convinto dell'innocenza del suo ex allievo ebreo incastrato al posto della vera spia Esterhazy. [+]

[+] lascia un commento a fabio 3121 »
d'accordo?
elgatoloco lunedì 19 ottobre 2020
grande riscoperta dell''affaire dreyfus Valutazione 0 stelle su cinque
0%
No
0%

"J'accuse"(Roman Polansky, scritto con Robert Harris, da anni suo cosceneggiatore, autore anche del romanzo del 2013 da cui il tilm è tratto, 2019; il mtitolo è mutuat direttamente da un famoso pamplhket di Emile Zola)questo film ripropone il caso di Alfred Dreyfus, che a fine 1800 fu condannato quale"spia"dei Prussiani solo in quanto Ebreo e uomo di sinista(ma giustamente il film insiste sul primo aspetto, decisamente più centrale),  poi faticosamente riabilitato da Gegorges Picquard, ufficiale preposto alle indagin complessive di ordine "controspionistico". Il processo, però, durerà anni e porterà a una faticosa e solo parizlae riabilitazione, che non si conclude neppure quando Picquard, anni dopo, sarà ministro della difesa("della guerra", nella fizione del tempo). [+]

[+] lascia un commento a elgatoloco »
d'accordo?
paolp78 mercoledì 15 aprile 2020
giustizia e ragion di stato Valutazione 4 stelle su cinque
0%
No
0%

Pellicola di valore assoluto.
Impressionante la ricostruzione storica e la messa in scena della società dell'epoca, così minuziosa che lo spettatore ci si cala dentro completamente: la cura per i dettagli mi ha molto colpito.
Da sottolineare l'eccellente rappresentazione dell'ambiente ministeriale e militare francese, di cui si respira la ferrea disciplina a cui è improntato.
Polanski è magistrale nel mantenersi rigorosamente fedele alla vicenda storica e contemporaneamente a descriverne i fatti con una narrazione piacevole e molto scorrevole, come è richiesto nell'arte cinematografica.
Per la difficoltà di questa operazione e per il soggetto scelto, particolarmente impegnativo, ritengo questa pellicola la migliore tra quelle più recenti del grande regista, insieme con "Il Pianista" (film del 2002). [+]

[+] lascia un commento a paolp78 »
d'accordo?
felicity lunedì 6 aprile 2020
un saggio sul potere Valutazione 4 stelle su cinque
0%
No
0%

Da un episodio che ha prodotto una vastità di libri, ma poche storie al cinema, Polanski approda a un saggio sul potere e a un thriller dove coabitano racconto piano e tensivo, il dramma di un uomo e l'ottusa farsa, quasi somatica, gestuale, corporea, come dipinta più che filmata, di chi mente, falsifica, manipola, con una regia precisissima d'opera in costume che è anche un libero, individualistico film-puzzle, una stratificazione perfetta di segmenti narrativi che inclinano il senso insieme a ciò che la parola dice e nasconde.
Dreyfus è già tutto in quella bellissima, tremenda sequenza della degradazione militare che apre il film e sa schiudere già il Cinema. [+]

[+] lascia un commento a felicity »
d'accordo?
mardou_ venerdì 31 gennaio 2020
la vérité en marche Valutazione 4 stelle su cinque
0%
No
0%

 Espressioni quali " Affaire Dreyfus" o "Caso Rosenberg" sono usate comunemente quando si vuole indicare, come direbbe Gadda, un qualche pasticciaccio brutto che coinvolge per lungo tempo un paese, in cui qualcuno viene messo alla gogna con prove indiziarie spesso dalla nebulosa veridicità, ma che hanno un forte impatto sull'opinione pubblica.

L' accusa di tradimento e spionaggio a favore della Germania, mossa nei confronti del capitano alsaziano di origine ebraica Alfred Dreyfus, sulla base di documenti secretati e dell'inquinamento di prove inconfutabili, altro non fu che il più grave episodio di antisemitismo della Francia durante Terza Repubblica. [+]

[+] lascia un commento a mardou_ »
d'accordo?
pagina: 1 2 3 »
L'ufficiale e la spia | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
Festival di Venezia (2)
Nastri d'Argento (1)
Lumiere Awards (6)
Goya (1)
European Film Awards (4)
David di Donatello (1)
Cesar (15)


Articoli & News
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 |
Link esterni
#LUfficialeElaSpia
Shop
DVD
Uscita nelle sale
giovedì 21 novembre 2019
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
martedì 25 maggio
Roubaix, Une Lumière
martedì 11 maggio
Mi chiamo Francesco Totti
mercoledì 28 aprile
La prima donna
martedì 27 aprile
L'agnello
Imprevisti Digitali
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità