El Ardor

Film 2014 | Drammatico, Western 110 min.

Anno2014
GenereDrammatico, Western
ProduzioneArgentina, Brasile, Francia, USA
Durata110 minuti
Regia diPablo Fendrik
AttoriAlice Braga, Gael García Bernal, Claudio Tolcachir, Jorge Sesán, Iván Steinhardt Chico Díaz.
MYmonetro Valutazione: 2,50 Stelle, sulla base di 1 recensione.

Regia di Pablo Fendrik. Un film con Alice Braga, Gael García Bernal, Claudio Tolcachir, Jorge Sesán, Iván Steinhardt. Cast completo Genere Drammatico, Western - Argentina, Brasile, Francia, USA, 2014, durata 110 minuti. Valutazione: 2,50 Stelle, sulla base di 1 recensione.

Condividi

Aggiungi El Ardor tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 2,50
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO NÌ
Un film che si presenta come una caccia all'uomo condotta da un vendicatore solitario, omaggio, forse un po' stucchevole, al cinema di Sergio leone.
Recensione di Giancarlo Zappoli
martedì 20 maggio 2014
Recensione di Giancarlo Zappoli
martedì 20 maggio 2014

Misiones, Argentina. Nella foresta tropicale un piccolo nucleo di persone lavora alla raccolta ed essicazione del tabacco. Ci sono però interessi economici molto forti che vorrebbero impadronirsi dell'area. Vistisi opporre un rifiuto a cedere il terreno, i detentori dei suddetti interessi assoldano un gruppo di sicari perché eliminino coloro che non vogliono sottomettersi. Kaï, un uomo giovane che vive nella foresta, assiste all'attacco dei mercenari che rapiscono la bella Vania dopo averle assassinato il padre. Kaï li segue con l'obiettivo di liberare la ragazza ed eliminarli uno ad uno. Intanto nel folto della vegetazione si aggira un famelico giaguaro.
El ardor appartiene, è lo stesso regista ad affermarlo, a quella categoria di film che non vedrebbero mai la luce se un attore famoso non decidesse di aderire al progetto. E' quanto ha fatto Gael Garcia Bernal che è presente sia come produttore che come protagonista. Di fatto il film si presenta come una caccia all'uomo condotta da un vendicatore solitario. Un tema trattato innumerevoli volte dal cinema. Quello che ne sottolinea la specificità è il contesto ambientale. Fendrik ci tiene a specificare che situazioni come quella narrata qui si sono effettivamente verificate: contadini sono stati torturati per costringerli a firmare atti di cessione dei terreni e, dinanzi a un loro rifiuto, non si è avuto nessuno scrupolo ad ucciderli. In questo western nella giungla emerge con forza l'energia di una Natura che non vuole essere violentata. Kaï e il giaguaro sono due espressioni della stessa resistenza a un'economia sfrenatamente liberista che non ha alcun rispetto per l'equilibrio dell'ecosistema. Bernal offre la sua fisicità nervosa a un personaggio che si ammanta di un'aura da cavaliere della valle solitaria prima di ridiventare un tutt'uno con la Natura non risparmiandoci scene che costituiscono l'ennesimo (e forse un po' stucchevole) omaggio al cinema di Sergio Leone.

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati