The Rolling Stones Crossfire Hurricane

Film 2013 | Documentario,

Regia di Brett Morgen. Un film con Mick Jagger, Keith Richards, Charlie Watts, Ronnie Wood, Bill Wyman, Mick Taylor. Cast completo Genere Documentario, - USA, 2013, Uscita cinema lunedì 29 aprile 2013 distribuito da Microcinema. - MYmonetro 2,66 su 1 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi The Rolling Stones Crossfire Hurricane tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Ultimo aggiornamento giovedì 30 marzo 2017

Un imponente progetto che racconta la storia di un gruppo di ragazzi dei primi anni Sessanta ossessionati dal rock blues.

Consigliato nì!
2,66/5
MYMOVIES 2,50
CRITICA
PUBBLICO 2,82
CONSIGLIATO NÌ
Scheda Home
News
Critica
Premi
Cinema
Gli Stones raccontano se stessi tra autoindulgenza e materiale di repertorio.
Recensione di Gabriele Niola
lunedì 8 aprile 2013
Recensione di Gabriele Niola
lunedì 8 aprile 2013

Dal 1963 al 2013, i Rolling Stones compiono 50 anni di attività e si celebrano in un documentario che racconta i loro primi 30 anni. A partire dalla prima formazione, le cover blues e il successo devastante e immediato, passando poi per le prime canzoni originali, la scoperta come autori, i guai legali e un’immagine da ribelli continuamente rinforzata da media e polizia, il documentario racconta con rapidità anche la morte di Brian Jones e i fatti di Altamont.
I Rolling Stones secondo i Rolling Stones. Crossfire hurricane è un progetto prodotto da Mick Jagger in cui Charlie Watts, Ron Wood e Keith Richards hanno preso parte come produttori esecutivi, di fatto un ricamino su misura per l’immagine che la band oggi vuole veicolare di sè. Impossibile quindi attendersi qualcosa di interessante o anche solo di audace.
Brett Morgen mette la voce fuoricampo dei membri (presenti e passati) sopra il più classico materiale di repertorio: concerti, foto, apparizioni televisive, in modo che le prime aiutino nella lettura e nell’interpretazione delle seconde e le poche volte che si concede dei tocchi personali la sensazione è che siano fuori luogo. Non solo la storia della genesi e della maturazione del gruppo è raccontata senza una vera chiave e senza un atteggiamento realmente appassionato ma anche idee come le immagini raddoppiate, sfocate e al ralenti mentre si parla di un trip sotto acidi o le variazioni di montaggio, forzano la messa in scena canonica del documentario con risultati fastidiosi e puerili.
Molto più interessante allora è guardare la lettura che gli Stones hanno voluto operare di se stessi e della propria storia. Crossfire hurricane non si fa problemi ad omettere, sorvolare ed attutire conflitti ed asperità del gruppo ma soprattutto si concentra più sulla loro immagine mediatica che sulla musica, tanto che anche i brani scelti per fare da sottofondo, o per i brevi segmenti live, sono i più noti e utilizzati. L’obiettivo è grandissima apologia della prima fase della loro carriera, quella in cui erano percepiti, raccontati e mostrati sempre come i “cattivi ragazzi”. Con le loro voci fuoricampo Jagger e soci cercano un’impossibile rilettura della storia attraverso le immagini di repertorio, tentando di mutarne senso e significato con il senno di poi e un bonario atteggiamento paternalistico verso se stessi.
Sfruttando oltre alle immagini di repertorio quelle di qualità più elevata provenienti da One plus One, Gimme shelter e poi anche Shine a light (l’unico momento in cui i membri sono mostrati per come sono ora) Crossfire hurricane cancella tutto il brutto, l’opaco e l’appassito per celebrare i 50 anni della band ricordandone solo l’epoca d’oro (il racconto si ferma agli anni ‘80 con l’arrivo di Ron Wood), lucidata per apparire ancor più dorata.
Se è vero che l’effetto nostalgia e l’epica che il materiale di repertorio ben aggregato e ben messo in prospettiva storica sa indurre è una panacea per qualsiasi documentario mal concepito, questa volta appare come l’unica possibile salvezza di un progetto maldestro e autocelebrativo.

Sei d'accordo con Gabriele Niola?
Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

"I Beatles avevano scelto di fare i bravi. A noi che cosa restava? Fare i cattivi". Complesso vocale-strumentale britannico di musica pop-rock, formato da Mick Jagger, Keith Richards, Ron Wood, Charlie Watts, Brian Jones. Esordio ufficiale: 12 luglio 1962 al Marquee di Londra, cimentandosi in rivisitazioni del repertorio nordamericano di rock'n'roll e blues e portando alla ribalta malcontento e proteste sociali delle giovani generazioni. Nel 1965 cominciano a incidere canzoni originali finché nel 1966 esce "Aftermath", il 1° disco con tutti brani originali tra cui "Satisfaction" con cui s'impongono a livello mondiale. Tra varie peripezie, sgretolamenti, annunci di scioglimento, l'attività dei Rolling Stones continua per quasi mezzo secolo finché nel 2012, nel cinquantenario del 1° concerto, annunciano l'uscita di una nuova raccolta antologica, intitolata "GRRR!" con 48 brani storici e i 2 inediti "One More Shot" e "Doom and Gloom", registrati a Parigi durante l'estate. Nel film di Brett Morgen molte scene del documentario Gimme Shelter (1970) dei fratelli Maysles e Cocksucker Blues (1972) di Robert Frank. Distribuito da Microcinema.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO

THE ROLLING STONES CROSSFIRE HURRICANE disponibile in DVD o BluRay

DVD

BLU-RAY
€14,50 €24,50
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati