Il colore del vento

Film 2010 | Documentario 75 min.

Anno2010
GenereDocumentario
ProduzioneItalia
Durata75 minuti
Regia diBruno Bigoni
Uscitagiovedì 14 aprile 2011
DistribuzioneTeodora Film
MYmonetro 2,69 su 4 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Bruno Bigoni. Un film Genere Documentario - Italia, 2010, durata 75 minuti. Uscita cinema giovedì 14 aprile 2011 distribuito da Teodora Film. - MYmonetro 2,69 su 4 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Il colore del vento tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Giornale di viaggio che rievoca una storia stratificatissima ed una contemporaneità imprevedibile. In Italia al Box Office Il colore del vento ha incassato 5,5 mila euro .

Consigliato nì!
2,69/5
MYMOVIES 2,50
CRITICA 2,88
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO NÌ
Uno 'ship movie' ambizioso che mette troppa carne al fuoco.
Recensione di Luca Marra
martedì 2 novembre 2010
Recensione di Luca Marra
martedì 2 novembre 2010

Di che colore è il vento? Se lo potrebbe chiedere l'ultimo documentario di Bruno Bigoni, diario di persone e di viaggio su una nave mercantile che solca il Mediterraneo. Più che road movie quindi "ship movie", perché la troupe stessa si è mossa sull'imbarcazione vettore di tutta la storia.
Barcellona, Tangeri, Sousse, l'isola di Lampedusa e Bari, la "perla dell'Adriatico" Dubrovnik, il Libano di Sidone e l'attracco finale a Genova. Di solito rotte di ricche crociere ma "per il colore del vento" sono anche sentieri marini di tragedie e speranze, cadute e risalite sulle note di "Crueza de Mä" di Fabrizio De Andrè. Ogni porto è una storia fatta di persone che fa parlare il mare, i suoi figli e le sue musiche con un picco di bellezza nell'episodio di Ivana, ragazza di Dubrovnik che vuole aggiornare il suo diario di bimba coi ricordi degli adulti rispetto al conflitto serbo-croato del '91.
La nave della storia di Bigoni e dei suoi protagonisti cammina spedita, alimentata dal forte sentimento e dalla sete di conoscenza. Le acque baciano o minacciano tutti i testimoni: coloro che hanno dovuto attraversarle stipati con ventimila passeggeri come Violeta o per altri che hanno dovuto difenderle come i croati. Ammirabile quindi la soluzione poetica di far diventare il Mediterraneo un protagonista plurisimbolico, ingombrante ma discreto, presente più nel suono della risacca che nelle numerose immagini che lo ritraggono. Attraversare il mare è bello ma pericoloso: "il colore del vento" quindi si scontra su un grande scoglio narrativo, cioè l'ambizione spropositata di raccontare tante storie e culture diverse in 75 minuti. Troppa carne al fuoco per il documentario che, tranne nel caso di Dubrovnik, affronta in modo molto veloce racconti dal potenziale grandissimo e sfruttati non a dovere. Un esempio su tutti il troppo rapido affresco di Genova e le sue prostitute cantate anche da De Andrè, sottofondo non solo musicale ma anche spirituale di questo colore (troppo ambizioso) del vento.

Sei d'accordo con Luca Marra?
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Davide Turrini
Liberazione

Che cos'è la libertà? Gaber, De André, Bakunin, tra i tanti, ne hanno dato una loro versione storica, variante in musica, declinazione ideale. Poi arriva Bruno Bigoni e comincia a viaggiare per il mar Mediterraneo con la sua macchina da presa. Dalla Catalogna al Marocco, dall'Albania alla Tunisia, da Dubrovnik a Genova. L'impresa non è da poco, basta non avere il desiderio di raccontare tutto, basta [...] Vai alla recensione »

Gianni Canova
Duellanti

Bel titolo Il colore del vento. Bello e intenso. Perché ci dice della volontà del regista Bruno Bigoni di fare un film su un qualcosa di eminentemente visivo come un colore, precisando però che si tratta di un colore indecidibile e indefinibile. Un colore che non si vede. Perché il vento - si sa - ha caso mai un suono, una voce, un ritmo, un’intensità.

Federico Pontiggia
Il Fatto Quotidiano

“Non sapeva nè leggere nè scrivere mio padre, ma è stato un buon maestro”. Parola di anziana anarchica catalana, che apre il documentario mediterraneo di Bruno Bigoni e ne fa anche da recensione: a vincere sulla forma è sicuramente il contenuto militante e appassionato, che sulle note di Creuza de Mà di De Andrè — è Mauro Pagani a firmare la colonna sonora - rintraccia migranti e speranze tra Lampedusa [...] Vai alla recensione »

Francesco Alò
Il Messaggero

Da dove vengono i protagonisti de «Il colore del vento», nuovo documentario del cineasta milanese Bruno Bigoni concentrato sulle acque del Mediterraneo? Forse «Da un posto dove la Luna si mostra nuda» (il mare), come cantava De Andrè nella canzone capolavoro «Crêuza de mä» (1984) colonna sonora del doc di Bigoni? Acqua. Le star de «Il colore del vento» non sono marinai schiavi di quel «padrone della [...] Vai alla recensione »

NEWS
GALLERY
martedì 12 aprile 2011
 

Un documentario sulla vita in mare, sulla gente dei porti, sulle tragedie e sulle storie che hanno segnato i luoghi che dal mare sono bagnati. Uno 'ship movie' che prende spunto dal disco "Creuza de mä" di Fabrizio De André e Mauro Pagani ma che, allargando [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati