Caro diario

Acquista su Ibs.it   Soundtrack Caro diario   Dvd Caro diario   Blu-Ray Caro diario  
Un film di Nanni Moretti. Con Nanni Moretti, Silvia Nono, Renato Carpentieri, Antonio Neiwiller, Giulio Base.
continua»
Commedia, durata 100 min. - Italia 1993. - Lucky Red uscita lunedì 1 agosto 1994. MYMONETRO Caro diario * * * 1/2 - valutazione media: 3,77 su 29 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   
steffa lunedì 27 maggio 2019
semplicemente da vedere Valutazione 3 stelle su cinque
0%
No
0%

rivisto oggi dopo oltre 20 anni, a quell'epoca studiavo lettere e filosofia all'università ed era candidato a diventare un capolavoro intramontabile, devo ammettere invece che il film ha ceduto il passo ai tempi risultando oggi davvero di poco interesse ed a lunghi tratti noioso. Nulla a che vedere con i capolavori di Allen ad esempio che risultano ancora oggi molto attuali. Rimangono comunque celebri la prima parte in vespa e la scena della fuga da Panarea, anche se le ambientazioni sono troppo ricercatamente decadenti e poco piacevoli da rivedere. Film che bene o male resterà comunque nella storia del cinema italiano recente grazie a quello scossone che diede Moretti con i suoi film, forse col senno di poi un po troppo modaioli.

[+] lascia un commento a steffa »
d'accordo?
stefano capasso lunedì 1 aprile 2019
la necessità di uno spazio di solitudine Valutazione 3 stelle su cinque
0%
No
0%

In Caro Diario Nanni Moretti mette in scena tre storie della sua vita, e raccontate come tratte dal suo diario. Nella prima storia la vena autobiografica è data dalle riflessioni personali che emergono dalle visite in vespa per la citta di Roma; un episodio molto interessante anche la qualità della fotografia e per il dispositivo narrativo che vede il regista in sella alla sua vespa percorrere le strade di una Roma d’estate e per questo deserta. Nel secondo episodio predomina l’ironia, che emerge nel contatto con un collega scrittore trovato nell’isola di Stromboli dove egli stesso si rifugia per trovare pace e concentrazione. Nel terzo episodio la vena autobiografica è del tutto reale, in quanto si tratta del racconto della sua personale odissea alla ricerca di una cura per il prurito conclusasi con la diagnosi di un linfoma. [+]

[+] lascia un commento a stefano capasso »
d'accordo?
rob8 sabato 28 luglio 2018
stile ironico, originale come sempre Valutazione 3 stelle su cinque
0%
No
0%

Dopo la lacerante riflessione sulla crisi della sinistra italiana in Palombella rossa, Moretti si dedica nel nuovo film all’autobiografismo fin dal titolo. 
Ma lo fa a modo suo: realizza tre episodi di diverso tagilio ed intenzione, ma che nel parlare (e nello scrivere) di vicende personali, narrano in realtà il presente con il consueto sguardo lucido: su Roma e soprattutto sulla stele abbandonata in memoria di Pasolini ad Ostia; sulle isole Eolie e sull’invasione turistica che le aggredisce; sulla classe medica che non sa diagnosticare una grave malattia.
Il tutto con stile leggero ed ironico, originale come sempre.

[+] lascia un commento a rob8 »
d'accordo?
dariolodi domenica 24 settembre 2017
presuntuoso Valutazione 2 stelle su cinque
0%
No
0%

Non si capisce tanta ammirazione per Nanni Moretti: ha una voce impossibile, non sa recicitare, si prende troppo sul serio. C'è un abisso fra la storia è il suo svolgimento (in questo caso, le storie). Moretti è un campione di vuoto esibizionismo a favore di una morale terra terra. La proposta si regge su pilastri traballanti, tipo camouflage. La modestia dell'impianto di fondo rivela il desiderio di Moretti di far rivolgere l'attenzione conjtinuamente su di sè. Ne esce una figurina imbarazzante per presunzione, per estrema modestia concettuale. Qui un lavoro banale, con l'aggravante della palese finzione. L'attore è poco sopportabile, il regista lo è di più per incapacità narrativa. [+]

[+] lascia un commento a dariolodi »
d'accordo?
fabio57 giovedì 28 gennaio 2016
carino ma non tra i migliori di moretti Valutazione 3 stelle su cinque
0%
No
0%

Moretti gira il film più personale della sua carriera,forse potremmo dire il più narcisisista.Certo qui l'unico protagonista è proprio Moretti uomo,raccontato alla guida della sua vespa o alle prese con i suoi problemi di salute,insomma è sempre al centro della scena.Nel complesso la pellicola è scorrevole e frizzantina,però sembra girata con la mano sinistra.


[+] lascia un commento a fabio57 »
d'accordo?
minnie venerdì 3 aprile 2015
caro diario caro moretti! Valutazione 5 stelle su cinque
75%
No
25%

Nanni Moretti a Bari

Bisogna dire come premessa che il sesto Bif&est, svoltosi qui a Bari dal 21 al 28 marzo scorsi (e il prossimo si svolgerà dal 2 al 9 aprile, sempre ideato e diretto dall’attivissimo Felice Laudadio) è stato davvero una festa del cinema, con lezioni magistrali da parte di grandi come Jean Jacques Annaud, Costa-Gavras, Ettore Scola, Andrzej Wajda, Edgar Reitz, Margarethe von Trotta. Lettori di Mymovies, riuscite a immaginare la gioia di una cinefila come la sottoscritta al cospetto di tali giganti del cinema? E poi retrospettive dedicate a Francesco Rosi e a Fritz Lang e la conclusione, sabato, con il più giovane dei sette pilastri ovvero Nanni Moretti. Che ha trasformato la sua lezione magistrale, sabato 28, in un vero e proprio evento teatrale, regalando a chi era accorso a sentirlo in un Petruzzelli gremito, la lettura del diario di lavorazione di “Caro diario”, il suo film più personale, più intimo anche se quello imminente dedicato alla madre rischia di superarlo, che avevamo appena finito di vedere. Un film che rivisto a 22 anni dall’uscita, non ha perso nulla del suo smalto, della sua pungente ironia, della sua dolorosa verità.

Nanni ci ha sfogliato dunque il diario di quell’anno, dalla vigilia del primo ciak, il 21 febbraio 1993, dopo il periodo terribile della sua malattia: “Siccome non sono un miserabile, non ho filmato gli studi dei medici interpellati, ma le ricette sono tutte vere”. Ha raccontato della paura dell’elicottero, durante le riprese alle Eolie per l’episodio “Isole”. Ci ha fatto vedere anche un pezzo che poi è stato tagliato, quando a Vulcano Gerardo (interpretato da Renato Carpentieri) sorprende Mike Bongiorno, mitico protagonista della tv. In origine il film doveva comporsi di 4 capitoli, con Silvio Orlando nella parte di un regista in crisi creativa, “ma non c’entrava nulla quindi l’ho tolto”. E poi l’ha recuperato nel Caimano. Del resto lo stesso film, come ha spiegato Moretti a Jean Gili che lo intervistava sul palco, ha avuto una genesi un po’ casuale, perché inizialmente stava pensando a un altro soggetto poi si è concentrato sul diario, e ha voluto girarlo a casa sua (nel pezzo “I medici”), anche perché la malattia l’aveva segnato ma voleva raccontarla senza sadismo nei confronti del pubblico e senza autocompiacimento, ma con leggerezza, raccontando semplicemente i fatti, così com’erano avvenuti. Il cambio della colonna sonora in corso d’opera, la corsa a Bruxelles per ascoltare le musiche di Wim Mertens che però non gli piacquero: allora si rivolse, tornando a Roma, e incontrandolo al bar Marisa, a Nicola Piovani con cui l’intesa fu subito immediata. Il ricordo di attori e registi (come colui che interpretava il sindaco di Stromboli, Antonio Neiwiller, stroncato dalla leucemia proprio quell’anno a 45 anni o Federico Fellini, morto nel novembre del 1993, e che chiamava Moretti il Savonarola del cinema, il cammeo di Carlo Mazzacurati), l’ansia per la sceneggiatura da affrontare e preparare in poche ore, confessando che la scrittura è sì piacevole ma anche difficile e la corsa per far arrivare il film a Venezia. Non ce la fece però vinse come miglior regista a Cannes l’anno dopo, oltre a mietere numerosi altri premi. A una prima proiezione, la sorella e il fratello uscirono dalla sala piangendo, e in effetti il film risulta ancor oggi molto commovente ed efficace, soffuso della lieve malinconia morettiana. Del resto, ha spiegato ancora Moretti (chiamato simpaticamente “nonno Nanni” da alcune ragazze che vedevano la pellicola per la prima volta), un film non è un cruciverba di cui il regista deve dare la soluzione: ognuno lo interpreta a suo modo, ognuno lo interpreta a seconda delle sensazioni che sta vivendo in quel periodo. “Habemus papam” è una pellicola profetica, per esempio, quando uscì nessuno immaginava che un papa potesse dimettersi e allora Gili ha chiesto al regista di spiegare questo mistero: “E lasciamolo questo mistero”, ha replicato Nanni. Non si può, non si deve spiegare tutto: forse anche per questo Nanni Moretti si è sottratto alle domande del pubblico ma ha dato molto di più, ha svelato i retroscena di un capolavoro e gli applausi sono fioccati intensissimi. Caro Diario, caro  Moretti.

[-]

[+] lascia un commento a minnie »
d'accordo?
valentina s. mercoledì 18 maggio 2011
nanni e l'insostenibile leggerezza dell'essere Valutazione 5 stelle su cinque
100%
No
0%

scusate ma ho letto bene? "isole" sarebbe l'episodio più "disimpegnato e divertente"? be' allora ho una notizia per voi: "isole" non parla di un uomo in crisi d'astinenza da beautiful. non basta tenere le palpebre alzate per "vedere" e "sentire" un film. "Isole" è una metafora dell'esistenza, le varie diverse isole che compongono l'arcipelago delle eolie rappresentano ognuna una possibile scelta, un modo di vivere, una direzione. Nanni le visita tutte, la movimentata Panarea, la deserta Salina, l'affollata Stromboli. Dove si sente più a suo agio Nanni, dove vorrebbe vivere, per quale isola opterebbe? Per nessuna, perchè lui (e forse anche uno spettatore più sensibile del recensore....) si sente a suo agio "solo in mare, tra un'isola che ha appena lasciato ed un'altra che deve ancora raggiungere". [+]

[+] lascia un commento a valentina s. »
d'accordo?
giu/da(g) lunedì 21 febbraio 2011
film d'autore? Valutazione 3 stelle su cinque
48%
No
52%

Tre capitoli di un ipotetico diario di Moretti: una deriva situazionista in vespa per Roma, un viaggio per le isole Eolie per trovare la concentrazione in compagnia di Gerardo, studioso dell'Ulisse che si scopre teledipendente, un'odissea fra professoroni di medicina incapaci di diagnosticare l'origine di un misterioso prurito del Moretti medesimo. Rimbaud diceva "tanti egoisti si proclamano autori" e questo film ne è forse l'espressione concreta. Non si può non dire che sia un film scorrevole, leggero, intimo, ironico dove tutti potremmo in parte identificarci, con solari riprese delle varie isole e dei quartieri di Roma (notevole l'idroscalo con il malconcio monumento a Pasolini), ma va sottolineata la perenne sensazione che manchi qualcosa, che questo non sia un film, ma piuttosto una sua tesi, brillantemente esposta, ma priva di quel calore che possa renderla un'opera d'arte effettiva. [+]

[+] qualche considerazione (di francesco2)
[+] l'egoismo di rimbaud (di kronos)
[+] lascia un commento a giu/da(g) »
d'accordo?
kronos lunedì 14 giugno 2010
fresco e piacevole Valutazione 3 stelle su cinque
80%
No
20%

Nanni Moretti in scooter (anzi, Vespa!) tra le strade di una Roma estiva e assolata è divenuto l'icona di questo film e, tutto sommato, una specie d'immagine simbolo del popolare attore-regista. Come spesso capita i 'marchi di fabbrica' non nascono per caso: "Caro Diario" non è il film più importante di Moretti, ma sicuramente è il più fresco, personale e godibile. Partendo dalla propria autobiografia il regista riesce, soprattutto nel secondo e terzo episodio, a raccontare storie universali e comprensibili a tutti: la voglia d'evasione (impossibile?) dalla società dei consumi, la sofferenza, il rapporto con la malattia e i medici. Tre belle pagine di un diario in cui tutti ci possiamo riconoscere.

[+] una banalità assoluta (di noxex)
[+] lascia un commento a kronos »
d'accordo?
robibaggio martedì 16 febbraio 2010
precisazione palma d'oro Valutazione 4 stelle su cinque
100%
No
0%

la mia non è una recensione ma nuna precisazione. Nanni Moretti non ha vinto la "Palma d'oro" per Caro diario, bensì per La stanza del figlio. Per Caro diario ottenne un riconoscimento per la regia. Trattandosi di un film insigne della nostra cinematografia, mi sembrava una doverosa precisazione

[+] lascia un commento a robibaggio »
d'accordo?
pagina: 1 2 3 »
Caro diario | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Tiziano Sossi
Pubblico (per gradimento)
  1° | minnie
  2° | stefano capasso
  3° | rob8
  4° | giu/da(g)
  5° | barmario
Nastri d'Argento (2)
Festival di Cannes (1)
David di Donatello (4)


Articoli & News
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità