Eldorado Road

Un film di Bouli Lanners. Con Bouli Lanners, Fabrice Adde, Philippe Nahon, Didier Toupy, Françoise Chichéry, Jean-Luc Meekers Titolo originale Eldorado. Drammatico, durata 85 min. - Francia, Belgio 2008. - Archibald Enterprise Film uscita venerdì 29 agosto 2008. MYMONETRO Eldorado Road * * 1/2 - - valutazione media: 2,97 su 13 recensioni di critica, pubblico e dizionari. Acquista »
Consigliato sì!
2,97/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (Italia)
 dizionari * * * 1/2 -
 critican.d.
 pubblico * * - - -
Trailer Eldorado Road
Il film: Eldorado Road
Uscita: venerdì 29 agosto 2008
Anno produzione: 2008
Yvan trova in casa un ladro. Attende per tutta la notte che il ladro esca da sotto il letto, quindi, anziché chiamare la polizia, colto da un impeto d'affetto, si offre di accompagnarlo dai suoi genitori, ai confini con la Francia.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
Un road movie belga intriso di tristezza e idiozia che prende in prestito dalla lezione americana i cieli da western e il mito della libertà
Marianna Cappi     * * * 1/2 -
Questo film è disponibile in versione digitale, scopri il miglior prezzo:
TROVASTREAMING

Yvan è un solitario e irascibile commerciante d'auto d'epoca che vive alla periferia di Liegi. Rientrando a casa, un giorno, sorprende un ragazzo che ha appena tentato di derubarlo. Paziente ma inflessibile, Yvan attende per tutta la notte che il ladro esca da sotto il letto, quindi, anziché chiamare la polizia, colto da un impeto d'affetto, si offre di accompagnarlo dai suoi genitori, ai confini con la Francia. Insieme, all'avventura, condividono e annullano le reciproche solitudini, almeno per il tempo del viaggio.
Ci voleva, pare, Bouli Lanners per convincerci che il Belgio è il territorio adatto per un road movie. Ci voleva per forza Bouli Lanners per interpretare Yvan e riempire di sfumature un percorso altrimenti silenziosissimo, a bordo di una Chevrolet del '79, in compagnia di un ragazzino tossicodipendente che non si leva mai il cappello ma sembra aver qualcosa lì sotto, nel cervello, che funziona e che potrebbe aiutarlo a vivere meglio, se solo lui gli desse l'opportunità di uscire allo scoperto. Ci voleva sempre Bouli Lanners per spacciare per un piccolo film, all'apparenza pressoché disabitato, un saggio di ottimo cinema.
Eldorado - che la versione italiana rinomina Eldorado Road - è un titolo sproporzionato e letteralmente fuori luogo, che richiama una terra mitica, nella quale la ricchezza non esiste e gli uomini vivono felici: nessuna associazione con le piatte lande della Vallonia o la periferia urbana, infestata dalla piaga della misera umana.
Eppure, finché girano le quattro ruote, mentre il paesaggio scorre fuori dal finestrino come scorrono i fotogrammi sullo schermo, Yvan e Elie si ritrovano a non mancare di nulla (nemmeno dei generi alimentari, sottratti ad un benzinaio noncurante) e a veder nascere un rapporto, il loro, dopo che si sono appena confessati di soffrire, ognuno a proprio a modo, per una serie di relazioni trascurate, perché, in fondo, erano sempre lontano quando era importante che fossero vicino. Ma il cinema - come la vita - è spazio e tempo: si possono coprire lunghe distanze, ma a volte non basta, a volte è troppo tardi.
Lanners prende in prestito dalla lezione americana i cieli da western e il mito della libertà per raccontarne l'altra faccia della medaglia, in un mélange di tristezza e idiozia che si fa amare per come rifugge snobismi e patetismi, appostati dietro l'angolo. Con il suo corpo pesante e l'espressione che scansa il sorriso, il sottofondo musicale hippy e il passato tragico, il suo personaggio ricorda un po' il John Goodman del Grande Lebowski ma l'America, qui, è solo un sogno, il Belgio è breve, il viaggio è già finito.

Stampa in PDF

TROVASTREAMING
ELDORADO ROAD
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
CHILI
-
-
iTunes
-
-
-
-
Non ci sono ancora frasi celebri per questo film. Fai clic qui per aggiungere una frase del film Eldorado Road adesso. »

INCONTRI | Dopo il successo ottenuto al Festival di Cannes arriva in Italia il nuovo film di Bouli Lanners.

Una pellicola fuori dal tempo

mercoledì 27 agosto 2008 - Marianna Cappi

Eldorado Road, una pellicola fuori dal tempo Presentato alla 40° "Quinzaine des Realisateurs" del Festival di Cannes 2008 Eldorado Road, dopo aver fatto incetta di premi, è ora "sulla strada" della distribuzione internazionale e sarà visibile in Italia a partire dal 29 agosto. Il regista belga Bouli Lanners non aveva intenzione, inizialmente, di interpretare il ruolo del protagonista, ma a un certo punto ha dovuto ammettere che la parte di Yvan, il collerico commerciante d'auto che si ritrova un ladro in casa e, invece di spaccargli il muso, lo accompagna in un lungo viaggio in macchina verso il confine francese, gli somigliava molto.

di Mariarosa Mancuso Il Foglio

Il Belgio non è solo fratelli Dardenne. Qualcuno – parlando di cinema, non stiamo gareggiando con i pregiudizi che il killer irlandese Colin Farrell sfodera nel film "In Bruges – La coscienza dell'assassino" – sa far tesoro di perfetti tempi comici. Applicati, in "Eldorado", alla più consunta delle situazioni: balordo incontra balordo, e insieme si mettono in viaggio a bordo di una Chevrolet del 1979, nel piattissimo paese cantato da Jacques Brel, inquadrato in cinemascope come una prateria western. »

Two Men on the Road, Together and Yet Alone

di Stephen Holden The New York Times

In “Eldorado,” a road movie that poignantly juggles absurdism and melancholy, the summertime landscape of the Wallonia region of Belgium is filmed to resemble a miniaturized American West. The soundtrack for this story of two mutually suspicious strangers who establish a tentative bond on a highway to nowhere echoes the twang of Ennio Morricone with a hint of parody. The unsettled weather — billowing clouds give way to thunderstorms before the sun returns, only to disappear again — reflects the movie’s tempestuous emotional climate and lends “Eldorado” a cosmic dimension. »

di Isabelle Regnier Le Monde

"Eldorado" : la Belgique, ses grands espaces, ses virées en Chevrolet La Belgique de Bouli Lanners ressemble aux grandes forêts du Canada. Plantée d'arbres immenses au feuillage sombre, traversée de larges rivières, peuplée de marginaux, elle sert de décor à un road-movie d'un nouveau type : absurde, tragique, cocasse et sentimental. Le film s'appelle Eldorado, comme la cité mythique sur laquelle se sont fracassés tant de destins. Il donne envie d'aimer son auteur. Au son d'un rock crépusculaire, le cinéaste livre son pays imaginaire à la contemplation, le temps d'une virée en Chevrolet à bord de laquelle deux blocs de solitude ont temporairement trouvé refuge pour se réchauffer l'un contre l'autre. »

Eldorado Road | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 |
Link esterni
Sito ufficiale
Shop
DVD
Uscita nelle sale
venerdì 29 agosto 2008
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità