Arrival

Acquista su Ibs.it   Soundtrack Arrival   Dvd Arrival   Blu-Ray Arrival  
Un film di Denis Villeneuve. Con Amy Adams, Jeremy Renner, Forest Whitaker, Michael Stuhlbarg, Tzi Ma.
continua»
Titolo originale Arrival. Fantascienza, Ratings: Kids+13, durata 116 min. - USA 2016. - Warner Bros Italia uscita giovedý 19 gennaio 2017. MYMONETRO Arrival * * * - - valutazione media: 3,42 su 91 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   

Il senso del tempo Valutazione 4 stelle su cinque

di Writer58


Feedback: 51412 | altri commenti e recensioni di Writer58
domenica 5 febbraio 2017

Spoiler alert: nella recensione ci sono anticipazioni sulla trama e gli sviluppi del film.
Nel film di Villaneuve "Arrival", il tempo è il protagonista principale, un tempo non più unidimensionale, ma circolare, capace di abbracciare con un solo sguardo passato, presente e futuro. Circolarità che consente di estendere lo sguardo oltre ai limiti fisici imposti dai nostri sensi e dal nostro linguaggio, dalla nostra (limitata) civilizzazione.
Su questo crinale si svolge la vicenda narrata: dodici gigantesce astronavi aliene compaiono all'improvviso e  si posizionano in paesi diversi, dal Montana nel nord degli U.S.A  alla Cina, dal Pakistan, alla Russia, al Sudan. Rimangono in attesa, a pochi metri da terra, enormi strutture ovoidali e allungate che svettano come grattacieli di altri mondi sui paesaggi terrestri. All'interno delle astronavi, non c'è forza di gravità, si può camminare sulle pareti verticali.
I governi di tutto il pianeta sono in fibrillazione, vogliono sapere quali sono le intenzioni degli extraterrestri, se la loro presenza è ostile o pacifica, quali sono le ragioni del loro viaggio. Ma la interazione  è resa impossibile da formidabili ostacoli comunicativi. Per questa ragione, Louise, linguista di fama mondiale, interpretata da un’eccellente Amy Adams, viene reclutata dal governo statunitense e mandata insieme a Jan, fisico teorico, sulla scena. Deve riuscire a decodificare il linguaggio alieno, stabilire un vincolo comunicativo con loro. Si ritrova in un ambiente colmo di miliari e di frenesia, i governi delle principali potenze mondiali non si parlano tra di loro, alcuni paesi progettano di attaccare militarmente le astronavi.
Il film ricostruisce il percorso di avvicinamento tra Louise e le intelligenze E.T., un itinerario lento, faticoso, attraversato da paure primordiali e limiti connaturati alle nostre capacità espressive. Gli alieni (rappresentati come grandi creature simili a piovre giganti, eptapodi che si muovono dietro un vetro avvolti da una nebbia persistente) comunicano tramite pittogrammi circolari che vengono un po' per volta decrittati fino a comporre la frase inquietante "portiamo armi".
Non si tratta, tuttavia, di armi nel senso convenzionale del termine, ma di strumenti, un linguaggio che permette di apprezzare la circolarità del tempo, che li rende partecipi dei loro bisogni in relazione a quelli dell'umanità.
Louise diviene consapevole del loro linguaggio e accede a un orizzonte multidimensionale degli eventi . La conoscenza del futuro le permetterà di intervenire nel presente e di contribuire ad edificare un mondo meno ostile e diviso. Gli eventi che hanno segnato il suo passato (la perdita della figlia per una malattia incurabile) vengono in qualche modo rivisitati e ridefiniti dalle nuove conoscenze che ha acquisito, emergono dal suo passato anticipazioni inesplicabili (una figura di plastilina che rappresenta gli alieni plasmata dalla figlia, tra altri). La scena  del colloquio con il generale cinese è emblematica ed è molto efficace nel descrivere un evento futuro che "forgia" il passato e il  presente, lo modifica, come se il tempo fosse diventato un piano su cui è possibile muoversi avanti e indietro, come se ci fosse un feedback costante tra quello che siamo e quello che diventeremo.
Si respira nel film di Villaneuve un clima pensoso, lento, meditativo. Flash back e flash forward si alternano con un movimento simile al frangersi delle onde sul bagnasciuga. La presenza degli alieni diventa un escamotage  per compiere una riflessione sui destini dell'umanità e sulla necessità di una comunicazione che miri a condividere invece che creare nuove barriere e nuovi muri.
Omaggio metanarrativo al cinema e alle forme artistiche che sono linguaggi universali e che impastano passato, presente e futuro nel corso della narrazione, che estendono la prospettiva  e lo sguardo all'intero pianeta, "Arrival" richiama più "Solaris" che "Incontri ravvicinati del terzo tipo", almeno come impostazione di fondo. Come in "Solaris, il confronto con un'intelligenza aliena provoca modifiche profonde negli umani, attualizza l'ignoto che è in loro. Ma, a differenza di "Solaris", "Arrival" propone uno svolgimento meno drammatico e lacerante. Il linguaggio diventa strumento di  condivisione e la condivisione si traduce in un progetto di comunione che riesce ad abolire la tirannia del tempo.
Un esercizio di fantascienza concettuale stimolante, che ci sollecita a riflettere sulla nostra condizione.

[+] lascia un commento a writer58 »
Sei d'accordo con la recensione di Writer58?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
83%
No
17%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
tyler durden 76 sabato 13 maggio 2017
la figlia non l'aveva ancora persa...
100%
No
0%

Deve ancora accadere.

[+] lascia un commento a tyler durden 76 »
d'accordo?
luiross77 martedý 17 ottobre 2017
almeno su questo siamo daccordo.
0%
No
0%

Almeno su questo siamo d'accordo. A me Ŕ piaciuto molto anche il nesso con il metodo della scrittura e poi lo svolgimento narrativo del film cioŔ un cerchio. molto bello.

[+] lascia un commento a luiross77 »
d'accordo?

Ultimi commenti e recensioni di Writer58:

Vedi tutti i commenti di Writer58 »
Arrival | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Marzia Gandolfi
Pubblico (per gradimento)
  1░ | ashtray_bliss
  2░ | writer58
  3░ | eugenio
  4░ | laurence316
  5░ | peer gynt
  6░ | lgiulianini
  7░ | maurizio meres
  8░ | woody62
  9░ | andrea1974
10░ | robertalamonica
11░ | enricodanelli
12░ | elpanez
13░ | scarface9
14░ | riccardo tavani
15░ | cristian
16░ | deborahm
17░ | debrab
18░ | storyteller
19░ | maumauroma
20░ | djspesso
21░ | icutino
22░ | madmaxx081
23░ | mario nitti
24░ | maxscia
25░ | raysugark
26░ | elguape
27░ |
28░ |
29░ | marcoorlando
30░ | fede17
31░ | mtom83
32░ |
33░ | bda66
34░ | gianleo67
35░ | filippo catani
36░ | robertalamonica
37░ | trollipp
38░ | elfoscuro75
39░ | albydrummer
40░ | hollyver07
41░ | elpiezo
42░ | petrossi
43░ | filippotognoli
44░ | alexmanfrex
45░ | iuriv
46░ | una voce
47░ | pruno
48░ | cinefilorosso
49░ | nino e salvatore p.
50░ | nerone bianchi
51░ | mauro
52░ | alex62
Rassegna stampa
Emiliano Morreale
Premio Oscar (9)
London Critics (1)
Golden Globes (2)
BAFTA (10)


Articoli & News
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 |
Link esterni
Sito ufficiale
Facebook
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità