La buona uscita

Film 2016 | Commedia,

Anno2016
GenereCommedia,
ProduzioneItalia
Regia diEnrico Iannaccone
AttoriMarco Cavalli, Gea Martire, Andrea Cioffi, Enzo Restucci .
Uscitagiovedì 5 maggio 2016
DistribuzioneMicrocinema
MYmonetro Valutazione: 3,00 Stelle, sulla base di 1 recensione.

Regia di Enrico Iannaccone. Un film con Marco Cavalli, Gea Martire, Andrea Cioffi, Enzo Restucci. Genere Commedia, - Italia, 2016, Uscita cinema giovedì 5 maggio 2016 distribuito da Microcinema. Valutazione: 3,00 Stelle, sulla base di 1 recensione.

Condividi

Aggiungi La buona uscita tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Lucrezia è una donna libera che si è concessa il lusso di avere quasi 300 amanti occasionali, fregandosene della sua reputazione di "ninfomane" e godendo della sua fama di "femminone di prim'ordine".

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 3,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
Trailer in italiano

Impostazioni dei sottotitoli

Posticipa di 0.1s
Anticipa di 0.1s
Sposta verticalmente
Sposta orizzontalmente
Grandezza font
Colore del testo
Colore dello sfondo
0:00
/
0:00
Caricamento annuncio in corso
Il racconto di una Napoli fuori dallo stereotipo in cui miseria e ignobiltà coesistono in una relazione simbiotica.
Recensione di Paola Casella
martedì 3 maggio 2016
Recensione di Paola Casella
martedì 3 maggio 2016

Lucrezia è una donna libera che si è concessa il lusso di avere quasi 300 amanti occasionali, fregandosene della sua reputazione di "ninfomane" e godendo della sua fama di "femminone di prim'ordine". Il suo amante più assiduo è Marco, anche lui un uomo libero che si è potuto permettere la propria libertà grazie ad una ricchezza inestimabile e ha potuto conservare intatto il proprio ottimismo alla faccia della crisi grazie alla mancanza totale di scrupoli che quella crisi gliel'ha fatta cavalcare a suo vantaggio. Ora Lucrezia e Marco sono ad un punto di svolta: lei ha deciso di sposarsi con un uomo insulso e molto più giovane come antidoto alla solitudine e alla vecchiaia; lui deve organizzare la bancarotta fraudolenta della sua azienda e accettare la notizia che Lucrezia ha intenzione di essere fedele al neomarito.
Al suo debutto al lungometraggio dopo una serie di corti, fra cui quel L'esecuzione premiato con un David di Donatello nel 2013, Enrico Iannaccone (classe 1989) racconta una Napoli fuori dallo stereotipo, una città surreale in cui "o sole mio" non splende mai per lasciare il posto ad un chiaroscuro preapocalittico, e in cui miseria e ignobiltà coesistono in una relazione simbiotica. Il principale merito del film scritto e diretto da Iannaccone è proprio l'originalità, soprattutto nella creazione di due personaggi fuori dalla morale e dalle regole come Lucrezia e Marco. Sono originalissimi e davvero ben scritti i dialoghi, completamente privi di retorica e di luoghi comuni cinematografici, pieni di cattiveria e di ironia, assurdamente letterari eppure adatti a due personaggi la cui intelligenza non è mai messa in discussione, né mai sminuita per venire incontro ad un pubblico abituato all'appiattimento sistematico dei congiuntivi. Se l'enunciazione dei dialoghi è teatrale è perché teatrale è l'esistenza di Marco e Lucrezia, ed è totale la loro consapevolezza di recitare un ruolo in una vita che è "struttura scenica": certi dialoghi appartengono alla tradizione dell'assurdo beckettiano come alla napoletanità lunare di Pulcinella, e il mix linguistico che innesta qua e là termini inglesi e francesi con la svogliata condiscendenza con cui si pilucca da un buffet multietnico rispecchia (in forma teatralmente esagerata) quel modo tutto particolare di esprimersi che ha la classe agiata fra Toledo e Posillipo.
Anche la regia è originale, soprattutto nel modo di gestire gli spazi pubblici e privati, scoprendo angoli (e angolazioni) insolite anche per gli ambienti familiari (al pubblico), raccontando le geometrie spaziali come confini dell'anima e installazioni di arte contemporanea, stabilendo un mondo di privilegio sociale che si balocca con l'altrui miseria materiale. Gea Martire e Marco Cavalli servono a perfezione l'unicità dei loro personaggi, il loro registro surreale, la loro verbosa intelligenza e orgogliosa anomalia rispetto alle convenzioni, comprese quelle della recitazione e del cinema. Anche Andrea Cioffi nei panni del fratello minore di Marco incarna bene la meschinità e il cinismo di chi, oltre mancanza di scrupoli, non possiede una propria libertà interiore.
Ciò che difetta al film è il finale di una trama che ricorda da vicino il film francese Party Girl ma non ne ha la coerenza rispetto alla protagonista femminile, che nell'ultimo quarto del film tradisce la sua essenza trasformandosi in meschina vendicatrice di una morale che non ha mai seguito. Una contraddizione in termini, per un film intitolato La buona uscita.

Sei d'accordo con Paola Casella?

LA BUONA USCITA disponibile in DVD o BluRay su IBS

DVD

BLU-RAY
€12,99
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati