Taxi Teheran

Acquista su Ibs.it   Dvd Taxi Teheran   Blu-Ray Taxi Teheran  
Un film di Jafar Panahi. Con Jafar Panahi Titolo originale Taksojuht. Drammatico, Ratings: Kids+13, durata 82 min. - Iran 2015. - Cinema uscita giovedì 27 agosto 2015. MYMONETRO Taxi Teheran * * * 1/2 - valutazione media: 3,61 su 40 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   
m. locatelli mercoledì 26 agosto 2015
la vita dentro un taxi Valutazione 5 stelle su cinque
78%
No
22%

"Taxi Teheran" è uno di quei film che ti fanno stare bene. Jafar Panahi è capace di raccontare un Paese intero dall'interno di un taxi. E lo fa con un grande senso dell'umorismo anche se cosciente di raccontare una terribile realtà: Panahi non può girare film, la giustizia iraniana lo ha condannato a 20 anni senza poter prendere in mano una cinepresa. Un regista che non può girare, un' artista che non può arrichire il mondo con il suo punto di vista rivoluzionario. Un assurdo che, invece, si è ripetuto tante volte nel corso della storia, in tanti posti diversi. [+]

[+] lascia un commento a m. locatelli »
d'accordo?
no_data venerdì 28 agosto 2015
il coraggio di un artista Valutazione 5 stelle su cinque
81%
No
19%

E un documentario? Un film di finzione? Un film di protesta? cos'è veramente "Taxi Teheran"? L'ultima opera di Jafar Panahì è soprattutto un regalo al cinema e alla gente che di cinema vive (e muore). Un regalo per tutti noi, cinefili, che amiamo la Settima Arte per quello che è: una forma di libera espressione. La giustizia iraniana ha proibito a Panahi di girare film per i prossimi 20 anni, pena la prigione. Ma lui non ci sta e gira lo stesso. E ci dimostra che non ci sono barriere che il pensiero libero non possa far cadere. 
[+]

[+] la grande bellezza (di ciuccella)
[+] lascia un commento a no_data »
d'accordo?
enzo70 sabato 29 agosto 2015
un film necessario per rompere il silenzio Valutazione 4 stelle su cinque
86%
No
14%

Un film coraggioso, ma il rischio non è condanna della critica, ma il carcere, quello vero, cui Jafar Panahi è stato già condannato, pena sospesa, ma divieto assoluto di fare un film, tipo Taxi Tehran. Il regista si mette alla guida di un taxi ed attraversa la città caricando l’umanità della città, dal nano commerciante di dvd illegali, al borseggiatore alla maestra elementare. In pratica due telecamere, una vede davanti, una dentro, la scelta del regista ha un significato anche simbolico. In questo film il regista iraniano sembra aver fatto sue le tecniche di racconto di Wenders, ma, oggettivamente, i rischi sono diversi. Sempre tenendosi al bordo delle tensioni della repubblica islamica, Panahi penetra le contraddizioni del regime iraniano, dai diritti civili delle donne, esemplare il testamento girato con un video in movimento dell’uomo morente a favore della moglie, alla censura, il decalogo del buon film recitato dalla nipote al discorso finale della donna con le rose. [+]

[+] lascia un commento a enzo70 »
d'accordo?
stefano capasso venerdì 28 agosto 2015
la forza delle idee Valutazione 4 stelle su cinque
88%
No
12%

Ho visto ieri Taxi Teheran, un docufilm di Jafar Panahi. Il regista stesso è conduttore di un taxi che gira per la capitale iraniana, raccogliendo testimonianze di passeggeri (parenti, amici e sconosciuti) sulla vita quotidiana che si svolge nel paese. Ed emergono curiosità, credenze e soprattutto, immancabili, le dure leggi, che il governo impone al popolo, limitando spesso la libera espressione e la possibilità di conoscenza di altre culture.

Ingegnoso ed interessante il dispositivo adottato dal regista, che piazza una telecamera sul cruscotto della sua automobile, e di lì usando tre inquadrature riesce a raccontare una storia importante. [+]

[+] lascia un commento a stefano capasso »
d'accordo?
flyanto mercoledì 2 settembre 2015
l' ennesima condanna di un paese assurdo Valutazione 3 stelle su cinque
86%
No
14%

 Finalmente Jafar Panahi, dopo la condanna inflittagli dal proprio paese, l'Iran, a non scrivere e filmare più per almeno venti anni ed un certo periodo di detenzione in carcere, nonchè il divieto più assoluto di lasciare la propria terra, consegna al pubblico l'ultima sua opera cinematografica che si rivela essere ancora una volta un documento estremamente interessante di sua denuncia.

Assuntosi come autista di un taxi lungo le strade di Teheran, Jafar Panahi incontra nelle corse che fa svariati personaggi appartenenti alle più differenti classi sociali. Proprio durante questi tragitti in macchina egli, a loro insaputa, filma i propri clienti registrandone anche i dialoghi da cui si evince piano piano la terribile condizione in cui vive il paese. [+]

[+] lascia un commento a flyanto »
d'accordo?
iltrequartista giovedì 6 luglio 2017
il coraggio di jafar Valutazione 3 stelle su cinque
100%
No
0%

Quando ingiustamente ti condannano, ma continui ad andare dritto per la tua strada,poco contano premi e nomination,hai già stravinto a livello personale e morale.
Jafar merita un nostro lungo applauso , per il coraggio dimostrato, e non basterebbero cinque stelle su un sito web a sottolineare quanto siamo dalla sua parte.
Finoa questo punto credo che siamo tutti d'accordo.
Su quest'opera cinematografica in quanto tale,non sento di condividere lo stesso entusiasmo.
La fotografia è eccellente,come l'idea del taxi che si aggira nella città per descriverne l'essenza e per interagire direttamente con il popolo,ma spesso si assiste ad una serie di lunghe scene scollegate a livello narrativo. [+]

[+] lascia un commento a iltrequartista »
d'accordo?
vanessa zarastro giovedì 3 settembre 2015
cinema come simbolo di libertà Valutazione 3 stelle su cinque
100%
No
0%

Vincitore dell’Orso d’Oro all’ultimo festival di Berlino, "Taxi Teheran" è un film iraniano diretto e interpretato da Jafar Panahi. Questo regista è stato condannato dal suo governo a non poter girare film per vent’anni perché ritenuto colpevole di fare propaganda anti-regime. Ciononostante Panahi riesce a girare in clandestinità. Ne è un esempio questo film in cui lui stesso si finge autista di un taxi collettivo e, fissata una telecamera sul cruscotto, e riprende tutti i personaggi che salgono sulla sua auto, e le loro conversazioni. Idea di per sé non originalissima poiché le confidenze ai tassisti hanno sempre stimolato la fantasia di registi più o meno impegnati politicamente. [+]

[+] lascia un commento a vanessa zarastro »
d'accordo?
maumauroma mercoledì 2 settembre 2015
viva il cinema,viva la liberta' Valutazione 4 stelle su cinque
63%
No
38%

che dire di questo film:semplicemente splendido.uno dei massimi registi contemporanei fotografa la realta'del suo paese attraverso i commenti dei passeggeri che salgono sul suo "finto" taxi da lui stesso guidato attraverso le strade trafficate della sua amata teheran.jafar panahi non puo'girare film in iran ,pena la condanna a 6 anni di prigione,eppure ,armato di 3 piccole telecamerine appoggiate sul cruscotto dell'auto ci offre in ottanta minuti con pochi tratti una rappresentazione profonda di questa grande e sfortunata nazione,dell'ottusita' di un regime chiuso e spietato,dei suoi assurdi divieti e obblighi che potrebbero apparire comici se non fossero drammaticamente veri. [+]

[+] lascia un commento a maumauroma »
d'accordo?
enrico danelli sabato 10 ottobre 2015
politica, non cinema. Valutazione 2 stelle su cinque
60%
No
40%

Va bene. Un bel reportage sulla situazione sociale dell'Iran, comunque sconosciuta ai più. Una grande prova di coraggio del regista che rischia di suo. Ma poi ? Se si deve valutare un articolo di giornale, un video su yuotube i suddetti ingredienti (coraggio e novità) bastano e avanzano per farne un lancio mondiale. Se si deve valutare un film non ci si può limitare a così poco. La trovata dello specchio segreto è piuttosto obsoleta e contrasta miseramente con le artificiali comparsate che via via si susseguono sul taxi: chiunque capisce che non c'è nulla di naturale e gli attori (cui va riconosciuto il coraggio di sfidare il regime insieme al regista) non sono proprio all'altezza della spontaneità che sarebbe loro richiesta. [+]

[+] lascia un commento a enrico danelli »
d'accordo?
zarar domenica 27 settembre 2015
lo sguardo di un regista clandestino Valutazione 3 stelle su cinque
67%
No
33%

E’ un film che ha tutti i caratteri di altre opere di Jafar Panahi: su di uno sfondo che si indovina drammatico, la vita (e il film stesso) scorre minimalista, gentile, divagante, casuale, un po’ folle, un po’comico persino, in un tempo dai ritmi lunghi anche dove c’è concitazione. Il fondo oscuro emerge a tratti , con lampi improvvisi, segnali di allarme che increspano la superficie: il regista sorpreso per strada da una voce che gli ricorda la voce di chi l’ha interrogato in carcere, lo sguardo smarrito dell’amico aggredito, il testamento dettato dalla voce strozzata di un ferito, l’interrogativo senza risposta della nipotina che non capisce perché ti chiedano di raccontare la realtà e nello stesso tempo ti impediscano di raccontare la realtà. [+]

[+] lascia un commento a zarar »
d'accordo?
pagina: 1 2 3 »
Taxi Teheran | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
Pubblico (per gradimento)
  1° | m. locatelli
  2° | no_data
  3° | enzo70
  4° | stefano capasso
  5° | flyanto
  6° | iltrequartista
  7° | vanessa zarastro
  8° | maumauroma
  9° | goldy
10° | robert eroica
11° | enrico danelli
12° | zarar
13° | miguel angel tarditti
14° | taniamarina
15° | filippo catani
16° | riccardo tavani
17° | catcarlo
18° | nikipi
19° | m.barenghi
20° | fabiofeli
Rassegna stampa
Emiliano Morreale
Cesar (1)
Festival di Berlino (1)


Articoli & News
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 |
Link esterni
Sito italiano
Facebook
Shop
DVD
Uscita nelle sale
giovedì 27 agosto 2015
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
martedì 22 giugno
Cosa sarà
martedì 25 maggio
Roubaix, Une Lumière
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità