Man On High Heel

Film 2014 | Azione, Commedia +16 125 min.

Anno2014
GenereAzione, Commedia
ProduzioneCorea del sud
Durata125 minuti
Regia diJang Jin
AttoriSeung-won Cha, Jeong-se Oh, Esom, Kil-Kang Ahn, Eung-soo Kim, Go Kyung-pyo Yong-nyeo Lee, Ji-ho Oh, Seong-Woong Park, Young-chang Song.
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +16
MYmonetro Valutazione: 2,50 Stelle, sulla base di 1 recensione.

Regia di Jang Jin. Un film con Seung-won Cha, Jeong-se Oh, Esom, Kil-Kang Ahn, Eung-soo Kim, Go Kyung-pyo. Cast completo Genere Azione, Commedia - Corea del sud, 2014, durata 125 minuti. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +16 Valutazione: 2,50 Stelle, sulla base di 1 recensione.

Condividi

Aggiungi Man On High Heel tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Una rappresaglia mafiosa si frappone fra un detective ed il suo obiettivo di diventare donna.

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 2,50
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO NÌ
Scheda Home
News
Critica
Premi
Cinema

Impostazioni dei sottotitoli

Posticipa di 0.1s
Anticipa di 0.1s
Sposta verticalmente
Sposta orizzontalmente
Grandezza font
Colore del testo
Colore dello sfondo
0:00
/
0:00
Caricamento annuncio in corso
Opera diseguale e quasi inclassificabile, in perfetto stile Jang Jin, cineasta destinato perennemente a incuriosire ma quasi mai a convincere appieno.
Recensione di Emanuele Sacchi
Recensione di Emanuele Sacchi

Yoon Ji-wook è temuto dai criminali almeno quanto è adorato dai colleghi del distretto di polizia: un mito indistruttibile, capace di stendere al tappeto e ridicolizzare intere gang di mafiosi. Ma Ji-wook nasconde un segreto inconfessabile: la volontà di cambiare sesso. Tra una iniezione di ormoni femminili, una passeggiata sui tacchi a spillo e una resa dei conti a colpi di taekwondo prosegue la più singolare delle routine, finché le diverse anime di Ji-wook diventano inconciliabili.
Il cinema d'azione, così morbosamente affezionato ai propri cliché, è accompagnato indissolubilmente e inevitabilmente dalle rispettive parodie. Raro (ma non impossibile) che le due cose coincidano, ovvero che la parodia sia anche un omaggio al cinema action o un tentativo di fornire un'ironica ma dignitosa versione dello stesso. Quando poi dietro la macchina da presa siede un soggetto già di per sé peculiare come Jang Jin (Jail Breakers, Guns & Talks), perennemente scisso tra ambizioni di autore ed esperimenti di ironia demenziale, tra intuizioni geniali e catastrofi narrative, è lecito attendersi qualsiasi tipo di esito. Man on High Heels tiene fede alle premesse, configurandosi come un unicum, privo di ispirazioni dirette e probabilmente altrettanto privo di rifacimenti o imitazioni; un oggetto curioso, talora indifendibile, che strizza l'occhio compiaciuto ai fan del cinema di genere sudcoreano e non (tra le citazioni, la parodia puerile di The Grandmaster, con inevitabile scontro uno-contro-mille al ralenti sotto la pioggia). Ma la coesione non è mai stata la virtù principale di Jang Jin e Man on High Heels non fa eccezione, con una sceneggiatura che si smarrisce più volte, aggravata dal vizio atavico dei troppi finali e dal difficile amalgama tra i generi, che spesso produce uno stridente contrasto. Quel che nei Novanta rappresentava la rivoluzione del postmoderno ma che oggi non stupisce più. A rimanere impressa e conservare una qualche longevità dopo la visione è l'intuizione originaria, quella di una bromance spinta all'estremo, in cui il confine tra machismo e omosessualità (benché la confusione tra questa e il travestitismo palesi l'ombra densa del pregiudizio) viene definitivamente scavalcato in favore di un'ambiguità sessuale orgogliosamente rivendicata. Dove a convincere meno è proprio la componente più classicamente action, con le imprese impossibili di Yoon Ji-wook che guardano chiaramente al punto di riferimento The Man from Nowhere, e le vicende collaterali di poliziotti e gangster immerse nello stagno dello stereotipo più consunto. Opera diseguale e quasi inclassificabile, in perfetto stile Jang Jin, cineasta destinato perennemente a incuriosire ma quasi mai a convincere appieno.

Sei d'accordo con Emanuele Sacchi?
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati