Un piccione seduto su un ramo riflette sull'esistenza

Acquista su Ibs.it   Dvd Un piccione seduto su un ramo riflette sull'esistenza   Blu-Ray Un piccione seduto su un ramo riflette sull'esistenza  
Un film di Roy Andersson. Con Holger Andersson, Nisse Vestblom, Lotti Törnros, Charlotta Larsson, Viktor Gyllenberg.
continua»
Titolo originale En Duva Satt På En Gren Och Funderade På Tillvaron. Commedia drammatica, Ratings: Kids+16, durata 100 min. - Svezia 2014. - Lucky Red uscita giovedì 19 febbraio 2015. MYMONETRO Un piccione seduto su un ramo riflette sull'esistenza * * * - - valutazione media: 3,38 su 69 recensioni di critica, pubblico e dizionari. Acquista »
   
   
   
adelio mercoledì 4 marzo 2015
la mediocrità del fanghetto e .. le povertà umane Valutazione 4 stelle su cinque
90%
No
10%

Film decisamente di taglio nordico, essenziale... direi inesorabile sia sotto l'aspetto contenutistico che di tecnica cinematografica.
L'impostazione è quella della transposizione del teatro sul grande schermo. Ci scorrono, a modi palcoscenico, circa 40 quadri a ripresa fissa ..che da spettatori increduli leggiamo come surreali, assurdi e financo atroci per il nostro abituale sentire umano.
Sono pezzi di vita vera che noi uomini "sociali" e" tecnologici" neanche più riconosciamo benchè vissuti e quotidianamente presenti sotto i nostri occhi. Situazioni al limite del teatro di Beckett, con 2 piazzisti di "scherzi di carnevale" nei panni di moderni Didi e Gogo di "Waiting for Godot". [+]

[+] lascia un commento a adelio »
d'accordo?
catcarlo martedì 24 febbraio 2015
un piccione seduto su un ramo riflette sull'esiste Valutazione 3 stelle su cinque
78%
No
22%

Spettatori all’interno di un cinema: perplessi. La citazione del film di Alexander Kluge è con molta probabilità più pertinente riguardo all’ermetico procedere di entrambe le pellicole –premiate a Venezia a distanza di quarantasei anni – che nei confronti del pubblico presente. Il quale, numeroso in maniera sorprendente, è sembrato tutt’altro che dubbioso nel proprio giudizio: chi dopo un’ora si è alzato e se ne è andato, chi ha tirato un rumoroso sospiro di sollievo ai titoli di coda, chi si è lasciato andare a giudizi poco lusinghieri (eufemismo) in modo che tutti sentissero. Reazioni senza dubbio eccessive, ma comprensibili nel loro rifiutare un’opera estremamente concettuale e complessa che fa di tutto per prendere contropelo chi guarda: eccessivo, però, pare anche il Leone d’Oro assegnato a un lavoro di grande, quasi ipnotico rigore formale, ma che nell’ultimo terzo perde qualche colpo per voler troppo aggiungere o forse troppo insistere. [+]

[+] bah (di epidemic)
[+] lascia un commento a catcarlo »
d'accordo?
amgiad lunedì 23 febbraio 2015
lo spettatore seduto in poltrona riflette ... Valutazione 4 stelle su cinque
67%
No
33%

Per primo occorre riconoscere al regista lo sforzo di uscire dal consueto sviluppo filmico. E' un opera dell' assurdo, e come tale non gli si chiede la plausibilità di molte scene. E' un continuo invito a ripensare al vuoto che si cela dietro tante vite, nelle quali i giorni scorrono ignoti e ignari. Vite nelle quali il mercoledì è uguale al giovedì ma potrebbe essere anche il martedì. Luoghi comuni ripetuti in modo ossimorico (a parole manifestare piacere, tenendo in mano la pistola con cui ci suicideremo). E ancora, tristissimi rappresentanti di tristissimi scherzi carnevaleschi,  sbalzi temporali nella storia svedese con triste riflessione sui risultati della guerra, cavie lasciate a soffrire in inutili esperimenti mentre vacuamente si dialoga al telefono. [+]

[+] lascia un commento a amgiad »
d'accordo?
peer gynt venerdì 5 settembre 2014
un presepio meccanico di grottesche assurdità Valutazione 0 stelle su cinque
85%
No
15%

 Non si può negare al cinema di Roy Andersson un suo particolare e personalissimo stile: il film viene costruito per giustapposizione di quadri fissi, dentro i quali colore e scenografia sono studiatissimi mentre i personaggi sono rigidi manichini che si muovono come zombie e ripetono, con una stupidità che indossano come una maschera, frasi assurde o grottescamente irrilevanti. La sintassi cinematografica è ridotta al grado zero, la lentezza delle scene è studiata e voluta, per farle assomigliare più a quadri viventi che ad un film. [+]

[+] carloseb (di carloseb)
[+] bella recensione (di tavololaici)
[+] la madre? (di vanessatalanta)
[+] lascia un commento a peer gynt »
d'accordo?
pepito1948 martedì 17 marzo 2015
andersson tra kaurismaki e bergman Valutazione 4 stelle su cinque
100%
No
0%

L’inizio inquadra e spiega il titolo, dando una prima chiave di lettura: in un museo zoologico un visitatore si sofferma a guardare un piccione impagliato che, appollaiato su un ramo in visuale comprendente uno scheletro di dinosauro ed un dipinto con aquile, sembra assorto e pensoso. Tradotto in termini concettuali l’immagine ci presenta qualcuno (forse il regista stesso) mentre medita sulla condizione umana, fossilizzata (il dinosauro) in uno stato di degenerazione in cui la rapacità (le aquile) e molti altri vizi altrettanto erosivi sono i connotati salienti delle società odierne.
Il tema è sviluppato attraverso una quarantina di quadri, costituiti in gran parte da interni come stanze, pub, nave ecc. [+]

[+] lascia un commento a pepito1948 »
d'accordo?
francesca meneghetti sabato 21 febbraio 2015
tra l'espressionismo e l'assurdo Valutazione 0 stelle su cinque
80%
No
20%

Prima di giudicare un’opera è buona cosa capire come “funziona”. Poiché la pellicola si caratterizza per frammentarietà (39 micro-episodi) il primo problema sta nell’individuare ciò che la tiene insieme. Per alcuni è la storia di due compagni di sventura, tristi venditori di scherzi di carnevale. Ma loro entrano in scena a film già avviato. Di conseguenza non sono il vero collante, che va individuato in una particolare cifra stilistica: obiettivo fisso, a riprendere una scena d’interno di estremo squallore (pareti spoglie e nude, finestre affacciate su paesaggi urbani altrettanto grigi); personaggi caratterizzati fisicamente per bruttezza (obesità, calvizie e canizie mascherate da tinture, vecchiaia, invalidità) e psicologicamente per inespressività e tristezza (ma anche depressione, inedia, indifferenza); ritmi lenti, battute scarne e sistematicamente replicate, almeno tre volte, ossessivamente. [+]

[+] lascia un commento a francesca meneghetti »
d'accordo?
stefano b. venerdì 26 giugno 2015
un piccione imbarazzante Valutazione 1 stelle su cinque
75%
No
25%

mia moglie voleva andare a vedere Se Dio vuole ma ogni tanto accetta anche le mie proposte. nella recensione avevo letto che era anche un film umoristico anche se rifletteva sull'Essere. all'infuori di qualche scena ossessiva che faceva ridere più per la scelta maniacale del regista che non per quanto espresso, il resto l'ho trovato deprimente e sado/masochista. l'umanità fa schifo. lo sappiamo. il mondo è un affastellamento di controsensi e opposti. una babele. una babele di brugel. non credo ce ne fosse bisogno. e mia moglie adesso mi vieta di scegliere i film. 1 stella perché non ci sono meteore. ma io non sono un giurato del festival di venezia. e magari mi sbaglio.

[+] lascia un commento a stefano b. »
d'accordo?
maurizio meres domenica 1 marzo 2015
cento minuti di arte Valutazione 4 stelle su cinque
63%
No
38%

Cento minuti così dura il film ogni minuto un quadro surreale è come entrare in una galleria d'arte,con una accuratezza maniacale scenica con una fotografia superlativa ,colori uniformi pastello,scelta perfetta nella profondità di campo spesso in movimento,che rendono le varie scene un susseguirsi di forme ripetitive come una giostra che gira "la partenza della guerra e il ritorno"in questo film si possono rivedere le tematiche dei grandi capolavori del surrealismo delle prima metà del novecento ,figure goffe espressioni spente e sempre incredule ,ambientazioni irreali ,arredamenti squallidi ma essenziali. Sicuramente una nova idea di fare film ,ma difficilmente realizzabile per il difficile impatto sul pubblico non ci dimentichiamo le difficoltà di Pasolini ,Jodorowski . [+]

[+] lascia un commento a maurizio meres »
d'accordo?
ssinaima martedì 24 febbraio 2015
una violenza insostenibile e gratuita Valutazione 1 stelle su cinque
63%
No
38%

Ho appena visto "un piccione" e penso che avro bisogno di molto tempo per rimettermi da questa esperienza. Il film ha delle pretese artistiche e, sembra filosofiche, che lasciano molto spazio ai gusti personali, e potrebbe percio non essere oggetto di giudizio. Il problema é che il film, in modo inaspettato, segreta scene di violenza insostenibili e neanche descrivibili che sembrano fini a se stesse e che non servono nessuna delle finalità, sia estetiche, sia cd filosofiche del film. E una violenza subdola che penetra lo spettatore e lo lascia con un sentimento di stupro morale. Diventano allora minori le pretese del film, che gioca su un "estetica" minimalista e ripettitiva e un senso dell'assurdo sostanzialmente privo della comicità che puo invece scattare in questo tipo di repertorio. [+]

[+] lascia un commento a ssinaima »
d'accordo?
antonio tramontano sabato 5 settembre 2015
dramma dal tocco scandinavo in veste di commedia Valutazione 5 stelle su cinque
67%
No
33%

Un piccione appollaiato su un altissimo ramo cede a Roy Andersson la sua visuale, quell’eccezionale posizione che permette all’artista di elevarsi quanto basta per descrivere, con le proprie capacità espressive, la commedia umana. 

Ci troviamo in una Goteborg grigia e malinconica i cui ambienti, ricostruiti attraverso una precisa scelta scenografica, ospitano momenti della vita di tutti i giorni enfatizzandone spesso i lati più miseri e ridicoli, senza tralasciare, però, quelli più teneri e compassionevoli. [+]

[+] lascia un commento a antonio tramontano »
d'accordo?
pagina: 1 2 3 »
Un piccione seduto su un ramo riflette sull'esistenza | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Emanuele Sacchi
Pubblico (per gradimento)
  1° | adelio
  2° | catcarlo
  3° | amgiad
  4° | peer gynt
  5° | pepito1948
  6° | francesca meneghetti
  7° | ssinaima
  8° | maurizio meres
  9° | stefano b.
10° | enrico danelli
11° | antonio tramontano
12° | mericol
13° | mauridal
14° | giulia cortella
15° | angeloumana
16° | vanessatalanta
17° | francesca meneghetti
18° | flyanto
19° | zarar
20° | lomax
21° | howlingfantod
22° | francesco2
23° | epidemic
24° | fabiofeli
25° | kimkiduk
26° | m.barenghi
Festival di Venezia (1)
European Film Awards (5)


Articoli & News
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 |
Link esterni
Shop
DVD
Uscita nelle sale
giovedì 19 febbraio 2015
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
venerdì 15 gennaio
Disincanto - Stagione 3
venerdì 1 gennaio
Cobra Kai - Stagione 3
giovedì 31 dicembre
Sanpa: luci e tenebre di San Patri...
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità