Giovane e bella

Acquista su Ibs.it   Dvd Giovane e bella   Blu-Ray Giovane e bella  
Un film di François Ozon. Con Marine Vacth, Géraldine Pailhas, Frédéric Pierrot, Fantin Ravat, Johan Leysen.
continua»
Titolo originale Jeune et jolie. Drammatico, durata 94 min. - Francia 2013. - Bim Distribuzione uscita giovedì 7 novembre 2013. - VM 14 - MYMONETRO Giovane e bella * * * - - valutazione media: 3,40 su 56 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   

Ozon e il cinema di uno sguardo mobile Valutazione 4 stelle su cinque

di M. Di Napoli


Feedback: 415 | altri commenti e recensioni di M. Di Napoli
sabato 21 dicembre 2013

Tutto inizia con uno sguardo attraverso un binocolo, il cinema vuole altri filtri per potersi dare, vuole finzioni non necessarie, come rubare, ma non per soldi, dove non si rubano soldi, lo si era visto bene in Pickpocket,così come prostituirsi dimenticandoli chissà dove, in un armadio, in una mediazione, nello sguardo attraverso un binocolo, uno sguardo mobile.
 
Una giovane e bella, annoiata e malinconica, che già in vacanza, al culmine della noia nella sua festa di compleanno, dove si festeggia il tempo che passa, fugge lo sguardo. Vendersi al tempo quindi non è meno peggio che vendersi ad uno sconosciuto, vendersi mentre si legge Les liaisons dangereuses, si vende la propria giovinezza al tempo, purtroppo sempre, e così inizia nella 6095 di un albergo questa vendita parallela per giocarsi la giovinezza e il tempo fino alla morte di un vecchio: tempo ormai stanco. Passando per una psicologia di bressoniana memoria, psicologia che ha tariffari come quelli di una prostituta, che ha un suo tempo, di questa giuovine che ad un certo punto fa paura alla madre così come Tasso faceva paura ad Eleonora d’Este.
 
Questa ragazza indefinibile, in un rapporto di attrazione\derivazione anche verso il fratello, il patrigno stesso, un corpo-macchina adattabile ai molteplici gradienti di realtà, una condizione puramente meccanica, mobile, deformabile e trasformabile. In questo evento di una donna-caso che si perde nelle scale come Igitur, scale mobili però in una complessa variazione moderna che lei riflette come una brillante macchina erotica. Non raffigura e rappresenta niente, c’è solo un tema fuga in tutto il film e la prima cosa a fuggire è proprio lo sguardo di questa giuovine. Nessun passato, nessun riconoscimento, non riguarda nessun oggetto perduto (cosa che tenta di improvvisare lo psicologo con il nauseabondo tema del padre), la ragazza rappresenta solo un funzionamento. Autodistruttiva si oppone per questo alle pulsioni di morte – ragazza macchina con un grado zero di pensamento, dove proprio in questo senso: un corpo senza organi ignora e ripudia l’organismo, cioè l’organizzazione degli organi in estensione, ma forma una matrice intensiva che si appropria di tutti gli organi in intensità.

[+] lascia un commento a m. di napoli »
Sei d'accordo con la recensione di M. Di Napoli?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
0%
No
0%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico

Ultimi commenti e recensioni di M. Di Napoli:

Giovane e bella | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
Cesar (2)


Articoli & News
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 |
Link esterni
Shop
DVD
Uscita nelle sale
giovedì 7 novembre 2013
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità