Giovane e bella

Acquista su Ibs.it   Dvd Giovane e bella   Blu-Ray Giovane e bella  
Un film di François Ozon. Con Marine Vacth, Géraldine Pailhas, Frédéric Pierrot, Fantin Ravat, Johan Leysen.
continua»
Titolo originale Jeune et jolie. Drammatico, durata 94 min. - Francia 2013. - Bim Distribuzione uscita giovedì 7 novembre 2013. - VM 14 - MYMONETRO Giovane e bella * * * - - valutazione media: 3,39 su 55 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   

Giovane e bella Valutazione 2 stelle su cinque

di Lorbrush


Feedback: 439 | altri commenti e recensioni di Lorbrush
domenica 10 novembre 2013

Sinceramente non ci vedo il brillante intuito psicanalitico del quale si parla nella recensione. Il film è un succedaneo di elementi e situazioni già viste, nel quale orbita un personaggio che poteva essere molto interessante se non fosse stato meramente assemblato ma mai analizzato. La psicologia della protagonista è un composto di elementi spiattellati e non problematizzati né tanto meno inquadrati compiutamente: le ragioni che la spingono alla prostituzione ci sono, ma sono accennate o intuibili senza che si capisca bene come queste abbiano agito sulla ragazza (tutto ciò non si può giustificare semplicemente ritenendo che Ozon abbia voluto non sollevare il "velo di mistero dell'adolescenza"). Un peccato per esempio non aver approfondito il rapporto di lei col denaro, che pare giocare un ruolo fondamentale in un brevissimo segmento del film, ma che poi viene accantonato e dimenticato (se si può intuire che ella sia volta al mero accumulo di ricchezza senza la finalità ultima dell'acquisto di un bene materiale, come la compagna con la borsa di Prada, è altresì vero che a questa dimostra di voler rinunciare troppo facilmente, allorquando propone di spenderla per pagare lo psicanalista... il quale tra l'altro è usato palesemente come veicolo della riflessione dello spettatore). Non viene mai analizzato il rapporto di lei con la sua bellezza, e solo fugacemente quello con la giovinezza; non sappiamo cosa prova quando si vende (se non per mezzo della scialba confessione che fa alla poliziotta, la quale spiega la storia troppo semplicemente tarpando le ali dell'interpretazione); il suo rapporto col padre è misterioso e oscuro (anche se viene accennato come causa possibile della sua pulsione verso gli uomini più grandi, seguendo un clichè psicanalitico) e lo è anche quello con la madre. L'idea interessante di rappresentare un'adolescente algida e non pentita, estremizzandosi, trascina il film verso l'esito finale dell'incompletezza e della banalità, in virtù di ciò, nulla giustifica il suo atteggiamento, che appare anche incoerente (e in modo non interessante), e nulla sembra minimamente intaccarlo. Il personaggio, alla fine, risulterà appiattito proprio per effetto di quello che poteva essere il suo punto di forza. Lo stratagemma narrativo con il quale si è voluto giustificare la scoperta della sua doppia vita (la morte, guarda un po', dell'unico cliente che la trattava con gentilezza, e che aveva un rapporto complicato con la figlia) appare come un inutile ed eccessivo spostamento drammatico, che non aggiunge nulla al film se non una morale banale e scialba, la quale si concreta nell'incontro finale con la moglie della vittima (vero o onirico che sia). Gli altri personaggi non meritano approfondimento, essendo ai limiti del macchiettistico. Le scene di sesso sono brutte e piatte, e non danno minimamente idea della passione che ella provi nell'atto (altro punto che non viene sufficientemente analizzato), cosa che si coglie efficacemente qualora si voglia accostare questo film con un altro attualmente nelle sale, e di ben diverso spessore: "la Vita di Adele". In sostanza: non si può parlare di un totale disastro, essendo evidente che i presupposti ci fossero, e che sia reale l'interesse nel sondare un periodo così enigmatico. Il film potrebbe anche strappare le tre stelle, se non subisse la zavorra dell'apparirmi come un'ottima occasione palesemente persa.

[+] lascia un commento a lorbrush »
Sei d'accordo con la recensione di Lorbrush?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
70%
No
30%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
kimkiduk domenica 10 novembre 2013
te e il cinema
32%
No
68%

Il cinema caro lorbrush non è una lezione di matematica dove si dice il teorema e si spiega. Il cinema anzi il Cinema deve farti riflettere. Non sto qui a spiegarti il film sarebbe troppo presuntuoso ma almeno che il senso del denaro non è spiegato perchè a lei non interessava veramente ma era solo un modo per rendere reale e giustificato quello che faceva, te lo dico. Gli altri tuoi assurdi dubbi non li spiego sarebbe inutile. Per il resto vai a vedere Checco Zalone, forse spiega anche le battute, almeno le capisci.

[+] perché questa reazione? (di francesco2)
[+] lascia un commento a kimkiduk »
d'accordo?
conte di bismantova domenica 17 novembre 2013
non giudica e non deve essere costretto.
40%
No
60%

Secondo me il regista non vuole andare più a fondo, il film presenta soluzione "aperta", cioè non giudica per lasciare a noi ed alla nostra coscienza di trarre - se vorremo - le conclusioni opportune.Il rapporto di lei col denaro - che tu giudichi importantissimo - secondo me non è per niente basilare, anzi: la ragazza non si prostituisce per acquistare oggetti di moda ma accumula banconote in un borsino che rimane nell'armadio. Così come a me appare chiaro cosa ella prova quando si vende: nessuna passione. Per questo non è approfondito nemmeno questo aspetto. Ella lo fa perché lo fa, punto. Come un vizio, ma nemmeno tanto. E' una cosa dell'adolescenza, io la ricordo ma non riesco a descriverla. [+]

[+] infatti...... (di francesco2)
[+] lascia un commento a conte di bismantova »
d'accordo?
wakefield giovedì 19 dicembre 2013
la quintessenza della banalità
67%
No
33%

Condivido in toto con lorbrush. La sceneggiatura non tenta neppure di spiegare il salto di qualità, per così dire, tra la perdita della verginità della protagonista, fatto assolutamente normale, e l'avvio immediatamente susseguente della prostituzione. Già a questo punto bisognerebbe alzarsi e uscire dalla sala. Tutto il resto è una costruzione frettolosa e quanto mai fantasiosa, non c'è un solo personaggio analizzato ed espresso con un minimo di completezza. La protagonista non ha problemi psicologici ma è una totale inferma di mente da trattamento sanitario (psichiatrico e non psicologico) obbligatorio. La madre che se la fa a teatro con l'amico di famiglia è terribilmente banale. Nessun accostamento con Rimbaud è possibile, ne siamo lontani anni luce ma molto prossimi a una sottocultura vanziniana. [+]

[+] lascia un commento a wakefield »
d'accordo?
gianleo67 mercoledì 21 maggio 2014
presunzione autoriale...o errore di giudizio
0%
No
0%

Partendo dalle sottili ambiguità che caratterizzano le allegorie psicologiche di opere più riuscite (Swimming Pool su tutti) si cade nel facile pregiudizio di valutare troppo positivamente questo lavoro di Ozon (cosa a quanto pare abbastanza diffusa nell'opinione e nel giudizio di addetti ai lavori o semplici appassionati). Come giustamente hai sottolineato tu, il film pare afflitto da una scollatura evidente tra le buone intenzioni di una scrittura comunque lacunosa (a differenza di 'kimkiduk' pensiamo che ci possa essere progettualità nel discorso cinematografico) e una infelice traduzione della messa in scena che spiega poco anche quando dovrebbe e pretende di asserire l'indicibile mistero di un'adolescenza che resta sugli scudi di una desolante banalità espressiva. [+]

[+] lascia un commento a gianleo67 »
d'accordo?

Ultimi commenti e recensioni di Lorbrush:

Giovane e bella | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
Cesar (2)


Articoli & News
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 |
Link esterni
Shop
DVD
Uscita nelle sale
giovedì 7 novembre 2013
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità