Captain Phillips - Attacco in mare aperto

Acquista su Ibs.it   Dvd Captain Phillips - Attacco in mare aperto   Blu-Ray Captain Phillips - Attacco in mare aperto  
Un film di Paul Greengrass. Con Tom Hanks, Barkhad Abdi, Barkhad Abdirahman, Faysal Ahmed, Mahat M. Ali.
continua»
Titolo originale Captain Phillips. Azione, Ratings: Kids+13, durata 134 min. - USA 2013. - Warner Bros Italia uscita giovedì 31 ottobre 2013. MYMONETRO Captain Phillips - Attacco in mare aperto * * * - - valutazione media: 3,44 su 53 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   

pirati: vittime o carnefici? Valutazione 3 stelle su cinque

di pepito1948


Feedback: 125 | altri commenti e recensioni di pepito1948
martedì 29 ottobre 2013

Un cargo americano stracolmo di container –tra cui molto materiale umanitario- naviga al largo della Somalia, Paese notoriamente in balia dei signori della guerra e di trafficanti senza scrupoli che per soldi non esitano a sfruttare la manovalanza locale più disperata e povera, come i pescatori dei villaggi lungo la costa.
Il capitano della nave Phillips, priva di presidio armato,  annusa l’aria di rischio (peraltro notorio in quelle zone), adotta preventivamente tutte le misure di sicurezza possibili, ma sa che anche un colosso di grande stazza nulla potrebbe in caso di attacco di pochi ma agguerriti pirati, armati fino ai denti e ricattati dai mandanti che non accetterebbero il fallimento della missione (ricavare più soldi possibile).
Con modalità molto simili ai pirati del passato –abbordaggio ed arrembaggio con tanto di scala- un pugno di  ex pescatori sale sulla nave, se ne impadronisce, instaurando con il comandante una complessa schermaglia per raggiungere al meglio l’obiettivo. Il rapporto si restringe ai due capi, Muse, povero di mezzi ma non di astuzia e capacità di comando, e Phillips, predisposto a questo tipo di evenienza e forte del suo unico vantaggio, la capillare conoscenza della nave. Nonostante il poco rassicurante intercalare di Muse (andrà tutto bene), la vicenda si complica, intervengono in massa i mezzi di assistenza americani, il rapporto di forza tende ad invertirsi, fino allo scontro finale tra Davide e Golia. Ma questa volta Golia non può perdere…
Il film ricalca il racconto del protagonista Phillips, che, uscito indenne dalla vicenda, ne descrisse i dettagli nelle sue memorie. Il regista, sempre attento a sostenere la montante tensione come in un thriller dai risvolti mutevoli, è abile a mettere al centro l’incontro-scontro tra due personalità diversissime ma legate da una spiccata attitudine all’astuzia, alla contromossa, all’immediatezza decisionale, il tutto in un faccia a faccia (potremmo dire sguardo a sguardo) in cui ciascuno cerca di scrutare nell’altro il minimo segno rivelatore; e la strettezza claustrofobica di molte scene in interno esaltano il confronto.  La magrezza stracciona dell’uno e la leggera pinguedine sotto la barbetta curata dell’altro evidenziano la distanza abissale –economica e culturale- dei competitori e dei loro mondi, come per dire: non basta che un cargo porti aiuti ai Paesi africani per appianare le immani contraddizioni fra Occidente e Terzo Mondo, qui rappresentato da un ex Stato ridotto a mera “espressione geografica”.
Vero protagonista dell’azione è Muse, sorta di antieroe spinto dalla fame e dallo sfruttamento di potentati locali ad imboccare una strada spesso senza ritorno, che, ai nostri occhi italici, ricorda drammi geograficamente vicini ma con significative differenze. Muse sa di essere strumento di trame più forti di lui, accetta il rischio di azioni condannate dal mondo “progredito” (cioè non affamato), vorrebbe andare a vivere in America, non è incline ad uccidere come il suo compagno di ventura, di cui deve frenare continuamente la cieca furia. Perderà ma con un minimo di dignità.
Altro protagonista (sempre dell’azione) è la mostruosa macchina militare americana, che si dispiega in tutta la sua smisurata potenza e che non ammette fallimento (anche se alcuni precedenti proprio in Somalia contraddicono questo dogmatico intento), a prescindere da quale sia il numero delle vittime da salvare e dei nemici da battere.
Pur con qualche riserva sulla possibilità di approfondire nei dialoghi lo scontro culturale tra i contendenti, il film è ben realizzato e getta una luce nuova su un fenomeno di origime millenaria, che offre molti spunti di riflessione di più ampio respiro.
Scontata l’ottima performance di Hanks, ma anche il cast somalo non sfigura.

[+] lascia un commento a pepito1948 »
Sei d'accordo con la recensione di pepito1948?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
100%
No
0%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico

Ultimi commenti e recensioni di pepito1948:

Vedi tutti i commenti di pepito1948 »
Captain Phillips - Attacco in mare aperto | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Marianna Cappi
Pubblico (per gradimento)
  1° | andrea giostra
  2° | tatiana micaela truffa
  3° | andrelibero
  4° | jaylee
  5° | filippo catani
  6° | sohck
  7° | michele marconi
  8° | diomede917
  9° | angelo bottiroli - giornalista
10° | gianleo67
11° | pensierocivile
12° | andrea fratini
13° | hollyver07
14° | ilaria pasqua
15° | biso 93
16° | alberto pezzi
17° | luigi chierico
18° | jacopo b98
19° | ultimoboyscout
Premio Oscar (9)
Golden Globes (4)
BAFTA (14)


Articoli & News
Immagini
1 | 2 |
Shop
DVD
Uscita nelle sale
giovedì 31 ottobre 2013
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità