Parlez-moi de la pluie

Un film di Agnès Jaoui. Con Jamel Debbouze, Agnès Jaoui, Pascale Arbillot, Jean-Pierre Bacri, Guillaume De Tonquedec.
continua»
Drammatico, durata 110 min. - Francia 2008. MYMONETRO Parlez-moi de la pluie * * * 1/2 - valutazione media: 3,50 su 1 recensione.
Consigliato sì!
3,50/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (n.d.)
 dizionari * * * 1/2 -
 critican.d.
 pubblicon.d.
Jamel Debbouze
Jamel Debbouze (41 anni) 18 Giugno 1975 Interpreta Karim
Agnès Jaoui
Agnès Jaoui (52 anni) 19 Ottobre 1964 Interpreta Agathe Villanova
Pascale Arbillot
Pascale Arbillot (46 anni) 17 Aprile 1970 Interpreta Florence
Jean-Pierre Bacri
Jean-Pierre Bacri (65 anni) 24 Maggio 1951 Interpreta Michel Ronsard
Guillaume De Tonquedec
Guillaume De Tonquedec (50 anni) 18 Ottobre 1966 Interpreta Stéphane
Frédéric Pierrot
Frédéric Pierrot (56 anni) 17 Settembre 1960 Interpreta Antoine
   
   
   
Femminista appassionata e da poco entrata in politica, Agathe Villanova torna nella sua casa d'infanzia per aiutare la sorella a sistemare gli affari della madre deceduta un anno prima.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
Agnès Jaoui canta ancora una volta fuori dal coro. Mai uguale a se stessa e sempre intonata
Marianna Cappi     * * * 1/2 -

Agathe Villanova è una femminista da poco scesa in politica. Un meeting la costringe a raggiungere il Sud della Francia e a soggiornare a casa della sorella Florence e di suo marito. Le due donne devono anche fare i conti con la recente scomparsa della madre. Intanto Karim, il figlio della domestica di Florence, e il suo amico Michel Ronsard hanno deciso di fare una serie di documentari sulle donne di successo e vorrebbero cominciare proprio da Agathe. Senza immaginare cosa l'aspetta, Agathe accetta.
Il terzo lungometraggio di Agnès Joui, Parlez-moi de la pluie (Let it rain) , ha un primo enorme pregio: si scarta dal precedente esattamente come il secondo si scartava dal primo. Indubbiamente meno brillante del "Gusto degli altri", meno vibrante di "Così fan tutti", non smette di indagare la differenza tra la percezione di sé e il punto di vista altrui né cambia tema o motivo ma restringe drasticamente l'obiettivo, si spoglia di alcune sofisticherie, si addentra senza sconti nella ricerca della comicità della vita vera, quella che nasce dalla scomodità, dall'errore, dalla crisi ("Parlez-moi de la pluie et non pas du beau temps", canta Brassens).
Agnès Jaoui e Jean-Pierre Bacri, accovacciati a terra, un poco storditi, che si perdono (o si trovano) ad interrogarsi sulla formica che trasporta un peso intollerabile per la propria corporatura, è l'immagine che meglio rende, forse, l'approdo di un cinema che ha nell'urgenza e nel peso delle parole e nella compresenza di due grandi attori/autori tutto quel che gli serve per esistere e resistere. I loro corpi comici si svelano qui oltre il già noto: perennemente fuori posto lui, destinato a venir malamente smascherato in ogni piccola omissione, e sconfitta lei, determinata a mantenere un saldo controllo del suo essere e del suo fare e destinata a venir travolta dagli eventi e dagli affetti, si confermano grandi vittime e piccoli carnefici l'uno dell'altro; degli altri.
Talentuosa commediografa (si vede dai finali), regista fedele al piano sequenza, la Jaoui qui monta con la musica e scrive con un inchiostro diverso, meno sociologico e più sentimentale, che non è detto faccia sorridere o commuovere per forza (de gustibus, appunto) ma che le siamo tanto grati di aver testato, confermando una curiosità creativa e un'allergia agli stereotipi assai rare. Spiace soltanto che non abbia affilato la lama maggiormente sul personaggio di Agathe, dal quale poteva nascere uno straordinario Castella al contrario. Forse l'autrice è allergica anche al narcisismo, forse quel che c'è basta e avanza per dire di nuovo, in un terzo modo, che l'indipendenza femminile ha sempre il suo prezzo da pagare.

Sei d'accordo con la recensione di Marianna Cappi?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
100%
No
0%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
Non ci sono ancora frasi celebri per questo film. Fai clic qui per aggiungere una frase del film Parlez-moi de la pluie adesso. »

di Thomas Sotinel Le Monde

"Parlez-moi de la pluie" : la valse-hésitation d'Agnès Jaoui, entre vagabondage et apologue On a envie de se laisser aller, comme Agnès Jaoui et Jean-Pierre Bacri quand ils ont écrit Parlez-moi de la pluie. Troisième de leurs scénarios à être mis en scène par Agnès Jaoui, ce film s'écarte un peu des sentiers parcourus dans Le Goût des autres (2000) et Comme une image (2004). Mais entre l'envie de se laisser aller et l'abandon, il y a une distance, dans laquelle Parlez-moi de la pluie finit par se perdre. »

Parlez-moi de la pluie | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Marianna Cappi
Rassegna stampa
Thomas Sotinel
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Chat | Shop |
prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2016 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità