Quel che resta di mio marito

Acquista su Ibs.it   Dvd Quel che resta di mio marito  
Un film di Christopher N. Rowley. Con Jessica Lange, Kathy Bates, Joan Allen, Tom Skerritt, Christine Baranski.
continua»
Titolo originale Bonneville. Commedia, durata 93 min. - USA 2008. - Teodora Film uscita venerdì 17 ottobre 2008. MYMONETRO Quel che resta di mio marito * * 1/2 - - valutazione media: 2,73 su 19 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato sì!
2,73/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (Italia)
 dizionari * * * - -
 critica * * - - -
 pubblico * * 1/2 - -
Trailer Quel che resta di mio marito
Il film: Quel che resta di mio marito
Uscita: venerdì 17 ottobre 2008
Anno produzione: 2008
   
   
   
Arvilla Holden recluta le sue due amiche del cuore per un viaggio attraverso l'America dei grandi spazi aperti. La destinazione è Los Angeles, la missione è quella di portare le ceneri del marito di Arvilla all'odiosa figlia di primo letto, Francine.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
Viaggio attraverso l'America per rielaborare una perdita e mantenere una promessa
Marzia Gandolfi     * * * - -

Arvilla Holden ha appena perso suo marito e un amore lungo vent'anni. Francine, la sua sgradevole figliastra, reclama le ceneri del padre, un funerale tradizionale e la sepoltura di Joe accanto alla madre. Impugnato il testamento e minacciata di sfratto dalla casa condivisa con Joe a Pocatello nell'Idaho, Arvilla acconsente rassegnata a tradire le ultime volontà del compianto e a portare in California le sue ceneri. In questo modo potrà assicurarsi la proprietà del loro nido d'amore ma il viaggio stravolgerà le sue certezze.
A bordo di una Cadillac Bonneville e con due amiche al seguito, Arvilla attraverserà i luoghi battuti con Joe, spargendo quel che resta di lui nelle acque dolci di un lago, nel deserto del Nevada o su una pianura salata. Giunta a Santa Barbara proverà a spiegare a Francine il valore di una promessa mantenuta.
Bonneville è il titolo originale dell'opera prima di Christopher N. Rowley, è la cadillac rossa dell'Arvilla di Jessica Lange e il luogo centrale nella topologia del dramma rappresentato. Lanciata sulle strade americane, i cui lunghi rettilinei disegnano un paesaggio che si offre all'attraversamento e invoglia alla sosta, l'automobile della protagonista è un organismo capace di calore e accoglienza, lo spazio protettivo e l'unica "casa" possibile per una donna che ha perso il marito e rischia di non avere più un tetto. La voce off di Arvilla "scrive" una lettera alla figliastra, una lettera lunga un viaggio per giustificare l'impossibilità emotiva di venire meno alla parola data all'uomo "condiviso" e perduto.
Giocando sul terreno sottile dei sentimenti e asciugando i lacrimosi assoli di Jessica Lange, il regista americano introduce il tema della morte, dell'evocazione e della perturbazione provocata dall'incrociarsi dei fantasmi con l'esistenza dei vivi. Lontano dalle grandi autostrade il film del debuttante Rowley preferisce battere le strade marginali, dove è possibile procedere senza fretta, rallentare la corsa, fermarsi agli incroci, alle pompe di benzina e ai motel, guardare e raccontare ciò che si è visto a chi ha voglia di ascoltare e vedere. Mossa da uno spirito pionieristico, Arvilla attraversa con due bandidas mormone l'America che ha visto e sognato con Joe. Il paesaggio, tela panoramica di un mondo in procinto di essere "conquistato", è un anello di congiunzione eccellente con il western, il suo culto della natura, lo scontro tra il valore dell'individualismo avventuroso (incarnato da Arvilla) e il bisogno di regole su cui fondare la stanzialità e condannare come irresponsabile proprio lo spirito pionieristico (incarnato da Francine).
La Cadillac di Arvilla e il truck cromato del camionista-cowboy Emmett assumono per questa ragione un carattere organico più che meccanico, più simili a due cavalli nel loro procedere affiancati verso l'alba o verso il tramonto. Hanno un movimento animale e come una lunga carovana sono diretti verso la frontiera (il Messico), la soglia in cui spettatore, mitologia ed eroi(ne) si incontrano.

Stampa in PDF

Premi e nomination Quel che resta di mio marito MYmovies
il MORANDINI
Quel che resta di mio marito recensione dal Dizionario Fumagalli - Cotta
Incassi Quel che resta di mio marito
Primo Weekend Italia: € 89.000
Incasso Totale* Italia: € 272.000
Ultima rilevazione:
Box Office di domenica 23 novembre 2008
Sei d'accordo con la recensione di Marzia Gandolfi?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
61%
No
39%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
* * - - -

Un viaggio tra ricordi passati.

domenica 16 gennaio 2011 di ultimoboyscout

Leggera e senza impegno, questa commedia on the road al femminile ha il merito di rimanere sempre viva senza mai scadere nel noioso o nell'eccessivo mieloso. Un viaggio, a volte commovente, attraverso posti già visti e già vissuti che una vedova e le sue amiche compiranno per portare le ceneri del defunto nel luogo di sepoltura convenuto. Molto brave le tre protagoniste, lontanamente mi ricordano "Thelma & Louise" per spensieratezza, allegria e voglia di vivere continua »

Non ci sono ancora frasi celebri per questo film. Fai clic qui per aggiungere una frase del film Quel che resta di mio marito adesso. »
Shop

DVD | Quel che resta di mio marito

Uscita in DVD

Disponibile on line da martedì 10 febbraio 2009

Cover Dvd Quel che resta di mio marito A partire da martedì 10 febbraio 2009 è disponibile on line e in tutti i negozi il dvd Quel che resta di mio marito di Christopher N. Rowley con Jessica Lange, Kathy Bates, Joan Allen, Tom Skerritt. Distribuito da Cecchi Gori Home Video. Su internet Quel che resta di mio marito è acquistabile direttamente on-line a prezzo speciale su IBS.

Prezzo: 6,39 €
Prezzo di listino: 7,99 €
Risparmio: 1,60 €
Aquista on line il dvd del film Quel che resta di mio marito

APPROFONDIMENTI | Christopher N. Rowley dirige un terzetto all stars in un viaggio verso una nuova vita.

On the road dell'anima (e del dolore)

mercoledì 15 ottobre 2008 - Tirza Bonifazi Tognazzi

Quel che resta di mio marito: on the road dell'anima (e del dolore) Il viaggio di formazione è un tema - suscettibile di sviluppo - sul quale i registi hanno sovente costruito l'intera narrazione di un film. Variabile nelle partenze, negli arrivi nelle cause e negli effetti, il road movie formativo è stato abitato da ragazzi selvaggi in procinto di diventare grandi o soldati (Fandango), da donne e uomini in fuga alla ricerca di una salvezza (Fino alla fine del mondo), da gruppi - e groupie - in tournée scandite da canzoni e tradimenti (Almost Famous), da casalinghe disperate in credito d'avventura e d'amore (Thelma & Louise) e da giovani autostoppisti sperduti decisi a ritrovare se stessi nelle terre estreme (Into The Wild).

APPROFONDIMENTI | Una commedia on the road tutta al femminile.

Il film

martedì 14 ottobre 2008 - Pressbook

Quel che resta di mio marito, il film Tre amiche, una vecchia Cadillac decappottabile e una missione molto speciale: è l'inizio di una commedia on the road tutta al femminile, affidata a un cast d'eccezione che vede insieme per la prima volta tre delle più grandi attrici del cinema americano, il due volte premio Oscar Jessica Lange, il premio Oscar Kathy Bates e la candidata all'Oscar Joan Allen. Tra risate, confidenze, litigi e incontri avventurosi, la lunga corsa delle protagoniste verso la California diventa un viaggio alla scoperta di una nuova vita e di una libertà che sembravano aver dimenticato.

VIDEO | Intervista alle tre protagoniste.

Dietro le quinte

mercoledì 15 ottobre 2008 - Lisa Meacci

Quel che resta di mio marito, dietro le quinte A pochi giorni dall'uscita del film, arriva una bella intervista alle tre protagoniste di Quel che resta di mio marito: Jessica Lange, Kathy Bates e Joan Allen. Il trio si esprime con molta onestà raccontando quello che loro stesse hanno provato leggendo il copione e decidendo come costruire il proprio personaggio. La vena ironica, propria soprattutto della Bates, non svaluta mai il tema che rimane comunque forte. La perdita di una persona cara, situazione in cui tutti si possono identificare, segna sempre la fine di qualcosa e l'inizio di qualcos'altro, ma occorre il coraggio di abbandonare il passato.

   

Tre signore alla ventura nel deserto del Nevada

di Cinzia Romani Il Giornale

Ecco una commedia on the road per terza e quarta età, dove una bella tardona, rimasta vedova (Jessica Lange), salta sulla Cadillac rossa e porta a spasso due amiche (Kathy Bates, Joan Allen) e le ceneri del defunto Joe. La cui antipatica figliastra, che ha impugnato il testamento e vuole un funerale classico, s'attaccherà al tram. Le tre attempate, puntando al Messico trasgressivo, spargeranno le ceneri del morto tra il deserto del Nevada e le acque d'un lago, mentre transitano paesaggi western e un fuori programma senil-sexy. »

Tre dive "on the road". Ed è subito mito

di Francesco Alò Il Messaggero

Ancora donne. Dopo il gradevole The Women, arriva in sala l'emozionante Quel che resta di mio marito, titolo troppo garrulo per un road movie al femminile serenamente esistenzialista. Arvilla (Jessica Lange), Margen (Kathy Bates) e Carol (Joan Allen) sono tre signore un po' sempliciotte che partono dallo Utah per arrivare in California. La prima è bella e morbida, la seconda è vivace e spiritosa, la terza è una mormona timorata di Dio e non solo. Dovrebbero portare le ceneri del marito di Arvilla all'antipatica figlia naturale di lui che, cosa bizzarra, è coetanea della bella vedova. »

Quanta energia "vedova" Lange

di Alessandra Levantesi La Stampa

Di Meryl Streep, diva sua coetanea che attualmente furoreggia in Mamma mia!, Jessica Lange condivide la straordinaria qualità di attrice e la spregiudicatezza con cui non si preoccupa di denunciare l'età. Basta vederla in Quel che resta di mio marito dove impersona una ultracinquantenne piena di vitalità, umorismo e forza interiore. A bordo di una Bonneville d'epoca, assieme alle amiche Kathy Bates e Joan Allen, la Lange attraversa gli Usa da Est a Ovest per portare alla figliastra le ceneri del padre. »

Sulla strada con le ceneri di papà

di Valerio Caprara Il Mattino

Scritto e diretto da Christopher N. Rowley in ricordo della nonna, «Quel che resta di mio marito» («Bonneville») non possiede il dono dell'originalità. Eppure il patinato road-movie, blandamente sospeso tra l'omaggio a «Thelma e Louise» e quello alle nuove certezze delle single americane, riesce a valorizzare tre ottime interpreti come Jessica Lange, Kathy Bates e Joan Allen, incarnate per volere del giovane e pensoso debuttante in un terzetto partito dal rustico Idaho alla volta della mondana California. »

Quel che resta di mio marito | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
Trailer
1 | 2 |
Poster e locandine
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 |
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 |
Link esterni
Sito ufficiale
Shop
DVD
Uscita nelle sale
venerdì 17 ottobre 2008
Prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2014 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità