Accordi e disaccordi

Acquista su Ibs.it   Soundtrack Accordi e disaccordi  
Un film di Woody Allen. Con Sean Penn, Samantha Morton, Uma Thurman, Brian Markinson, Anthony LaPaglia.
continua»
Titolo originale Sweet and Lowdown. Commedia, Ratings: Kids+13, durata 92 min. - USA 1999. MYMONETRO Accordi e disaccordi * * * - - valutazione media: 3,33 su 18 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato sì!
3,33/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (Usa)
 dizionari * * * 1/2 -
 critican.d.
 pubblico * * * 1/2 -
Trailer Accordi e disaccordi
Il film: Accordi e disaccordi
Anno produzione: 1999
   
   
   
La storia tragicomica di Ray, un chitarrista jazz assurto a fuggevole fama alla fine degli anni 30, secondo soltanto al grande chitarrista gitano Djan...
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
Woody Allen si (e ci) interroga su arte e celebrità
Giancarlo Zappoli     * * * - -

Alcuni personaggi del mondo della musica (tra cui Woody) rispondono a domande su un grande chitarrista del passato: Emmet Ray. Sono concordi nel considerarlo il numero due assoluto superato solo dal genio di Django Reinhardt. Di ciò era consapevole anche Emmet e se lo vedeva rinfacciare da chi gli stava accanto e lo accusava di essere incapace di far emergere il suo io più interiore. Ma a lui più dei sentimenti interessava la musica. Fin quando un giorno incontrò Hattie, una giovane sordomuta, con la quale iniziò una relazione stabile anche se costellata di problemi dettati dall'incostanza di un musicista valido ma destinato a rimanere un eterno secondo.
A partire dal titolo Allen ci indica come ha costruito questo suo film Sweet and Lowdown, dolce e confidenziale così come il sessantacinquenne Woody sembra sentirsi intimamente. I suoi sono pensieri sussurrati che si nascondono dietro a un personaggio di totale finzione che a tratti assume il carattere di una macchietta. La riflessione già avviata con Celebrity sulle conseguenze del raggiungimento della notorietà prosegue e va oltre indagando sul rapporto che sussiste tra chi viene sfiorato dall'ala della genialità e il suo vero essere.
Le mani di Ray scorrono velocemente sulle corde della chitarra ma il suo rapporto con gli esseri umani non è altrettanto agevole. Emmett è e resta un 'numero due', una frustrazione che Woody ha sempre provato nei confronti dei sui numi tutelari Fellini e Bergman e che qui mette in scena con una forte dose di autoironia. Perché non riesce ad essere 'il primo'? Perché non sa metterci ciò che ha dentro. Ma che cosa abbia effettivamente maturato dentro di sé potrebbe restare un mistero fino a quando Hattie (uno dei personaggi femminili più intensi della filmografia alleniana) proprio perché muta riesce a farlo 'parlare'. Sa trasformare la finta prosopopea di lui nell'imbarazzo dinanzi alla sua spontaneità. Sa seguirlo senza subirlo accettandolo senza sottomettersi e alla fine sa vincere il confronto determinante: quello con la vita e i sentimenti.
Emmett è Woody ma anche Hattie è Woody, come quasi sempre accade in particolare nei film in cui Allen non compare come attore. Ancora una volta sa far scorrere le dita sulla tastiera dei nostri sentimenti tenendo lontano l'accordo della banalità.

Sei d'accordo con la recensione di Giancarlo Zappoli?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
81%
No
19%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
Premi e nomination Accordi e disaccordi

premi
nomination
Premio Oscar
0
2
Golden Globes
0
2
* * * * -

Sono un chitarrista: è un film magnifico!

giovedì 26 febbraio 2009 di BrownB

Immediatamente collego questo film al mitico "Crossoroads: the Mississippi adventure", anche se si vede, in questa opera di Allen, una mano registica ben più attenta alle sfumature umane. Non do 5 stelle solo perché Sean Penn imita un po' troppo male sul manico la tecnica chitarristica. Oltre che l'aspetto musicale e culturale (molti dettagli sono veramente ben curati: i contratti con i locali, il suonare in casa di altri musicisti, il contrasto forte tra la povertà "bohemien" e la ricchezza luccicante continua »

* * * - -

Allen tra accordi e disaccordi

martedì 23 ottobre 2012 di fedeleto

Emmer Ray e' un chitarrista famoso ma si sente  secondo al grande  Django Reinhardt,passa la sua vita a suonare in vari locali ma la sua condotta sempre dedita ai piaceri mondani lo rende inaffidabile verso chiunque.Dalla ragazza che egli abbandona e la moglie con cui ci si  lascia perche' lo tradisce,fino ad arrivare alla piu' completa solitudine ,Emmet Ray vivra' in solitudine,la sua musica deve essere ascoltata da chi puo' capirlo,come la capiva quella povera continua »

* * * - -

Un monito a chi si sente troppo"artista".

giovedì 27 gennaio 2011 di Django

Amare se stessi perchè l'amore degli altri fa paura. Un padre che picchiava ed una madre scomparsa. La chitarra come strumento di riconciliazione con il mondo in quanto alto riconoscimento sociale. Questi temi fanno da accompagnamento alla linea melodica del racconto, le tensioni e le cadenze dell'esistenza vengono abbellite dall'improvvisazione della vita stessa, dato un tema sul quale esprimersi. Il film ha il pregio di descrivere la fuga di un uomo in sella alla propria chitarra, continua »

* * - - -

Non mi entusiasma

venerdì 27 maggio 2011 di Francesco2

Un umorismo garbato (Lo sapevamo), un'ironia particolare (Lo sapevamo, anche se chi scrive, ho già scritto, non è un patito di Allen). La chiave sta, forse, nell'atteggiamento di devozione e d invidia che l'eterno secondo prova per l'eterno primo. Da un lato ne parla con ironia, dall'altra farebbe di tutto per incontrarlo. L'inizio promette meglio, almeno quando entra in ballo il personaggio interpretato dalla Morton,fortunatamente senza patetismi di sorta. Non mancano, a parte l'umorismo (?) sui continua »

Sean Penn
Spara o muori
Io con le donne ci sto bene, le amo, solo che... non mi servono.
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Blanche
Non solo sei vanesio ed egocentrico, ma sei anche dotato di una genuina grossolanità.
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Aggiungi una frase
Shop

SOUNDTRACK | Accordi e disaccordi

La colonna sonora del film

Disponibile on line da venerdì 10 dicembre 1999

Cover CD Accordi e disaccordi A partire da venerdì 10 dicembre 1999 è disponibile on line e in tutti i negozi la colonna sonora del film Accordi e disaccordi del regista. Woody Allen Distribuita da Sony Classical, il cd è composto da musiche di genere Jazz.

di Lietta Tornabuoni La Stampa

Per quei vari pastrocchi che alla Cecchi Gori chiamano strategie distributive, il film di Woody Allen Accordi e disaccordi, presentato in anteprima mondiale alla Mostra del cinema 1999, arriva a uscire in Italia con quasi un anno di ritardo, contemporaneamente all'uscita negli Stati Uniti del nuovo film Small Time Crooks, una storia di ladri. Per fortuna Accordi e disaccordi è così divertente, intelligente e nostalgico che sarà valsa la pena di aspettarlo: quasi come Zelig, è costruito alla maniera di una finta biografia televisiva con interventi di testimoni, saggisti, musicisti, che evoca la figura d'un ipotetico chitarrista jazz degli Anni Trenta, secondo per eccellenza soltanto a Django Reinhardt. »

di Roberto Escobar Il Sole-24 Ore

Il più grande chitarrista jazz del suo tempo dopo Django Reinhardt: questo è orgoglioso d'essere Emmet Ray (uno straordinario Sean Penn). Tuttavia, insieme con l'orgoglio, s'avverte in lui un'amarezza cupa. Per quanto le sue dita s'affatichino, la genialità di Reinhardt resta un modello irraggiungibile. D'altra parte, si può essere davvero grandi, senza esserlo dopo qualcun altro, specchiandosi in lui come in un "doppio" ideale? Questo è il cuore di Accordi e disaccordi, questo interrogarsi discreto di Woody Allen attorno alla creazione artistica, alla sua ricchezza e alla sua miseria. »

di Paolo Boschi

Woody Allen e il jazz: una storia d’amore di vecchia data, una passione che il regista newyorchese da sempre alterna alla sua attività di cineasta, correndo a suonare con i vecchi amici nel suo club preferito ogni volta che ha un attimo di tempo. Accordi e disaccordi racconta la biografia immaginaria di un leggendario chitarrista degli anni Trenta, al ‘secolo’ Emmet Ray, virtuosista impareggiabile delle quattro corde, secondo forse al mitico Django Reinhardt. Proprio il chitarrista zingaro di origini rumene costituisce una delle nevrosi principali di Emmet, che sviene al solo pensiero di incontrarsi con il mitico rivale: d’altra parte, è bene ricordarlo, siamo pur sempre in un film di Woody Allen. »

di Luigi Paini Il Sole-24 Ore

Se lo conosci lo eviti. Meglio tenersi alla larga da un tipo come Emmet Ray. Il protagonista di Accordi e disaccordi, di Woody Allen, umanamente parlando è un vero disastro. Egocentrico fino al parossismo, spudorato, amorale, beone: accumula tanti difetti in un colpo solo da far spavento. Però ha anche un pregio, un enorme pregio: la chitarra come lui non la suona nessuno. O meglio, nessuno tranne uno zingaro che vive in Europa, tale Django Reinhardt, il migliore di tutti, senza alcun dubbio. Ma a questo punto è doveroso scoprire le carte: Allen gira un "documentario", ci racconta cioè la "verità" su un personaggio totalmente inventato (Emmet Ray, appunto, interpretato da Sean Penn) rendendo così omaggio, di riflesso, al genio esistito davvero, quel Reinhardt che tra gli anni Trenta e Quaranta divento un mito della chitarra jazz. »

Accordi e disaccordi | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
Pubblico (per gradimento)
  1° | brownb
  2° | fedeleto
  3° | django
  4° | francesco2
Premio Oscar (2)
Golden Globes (2)


Articoli & News
prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2016 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità