L'amico americano

Un film di Wim Wenders. Con Bruno Ganz, Dennis Hopper, Lisa Kreuzer, Nicholas Ray, Samuel Fuller.
continua»
Titolo originale Der amerikanische Freund. Giallo, durata 125 min. - Germania, Francia 1977. - VM 14 - MYMONETRO L'amico americano * * * 1/2 - valutazione media: 3,61 su 11 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato assolutamente sì!
3,61/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (n.d.)
 dizionari * * * 1/2 -
 critican.d.
 pubblico * * * 1/2 -
Un poveraccio che ha pochi mesi di vita si lascia convincere dal losco Ripley, avventuriero americano, a uccidere un uomo nella metropolitana di Parig...
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
    * * * - -

Un poveraccio che ha pochi mesi di vita si lascia convincere dal losco Ripley, avventuriero americano, a uccidere un uomo nella metropolitana di Parigi. In seguito però i due dovranno affrontare la banda dei datori di lavoro, che non vogliono stare ai patti. Uno fra i grandi del "nuovo cinema tedesco", al suo esordio nel "cinema ricco" (cioè con capitali e doppiaggio americani). Il risultato è un ottimo giallo, con caratteri fortemente incisi e una notevole plausibilità nell'intreccio e nei comportamenti. Un thriller che si rifà dichiaratamente ai capolavori della scuola americana (fra gli interpreti due registi come Fuller e Ray) ma li supera per una visione più smagata e moderna delle cose (soprattutto rispetto alla tematica dell'amicizia virile, trattata con molta acutezza).

Stampa in PDF

Premi e nomination L'amico americano MYmovies
* * * - -

Grandi intenzioni mal espresse

lunedì 28 giugno 2010 di Luca Scialò

Jonathan Zimmermann è un corniciaio afflitto da un morbo che lo sta portando lentamente alla morte, nonostante le parole confortanti del medico che lo ha in cura. Alcuni trafficanti di quadri, saputo il suo stato di salute, lo convincono a commettere alcuni omicidi, promettendogli che sarà ripagato profumatamente. Uno di loro però, Tom Ripley, più buono di cuore o se preferite, meno cinico degli altri, prova compassione per lui e cerca di aiutarlo... Ispirato al romanzo continua »

* * * * -

L'amico wenders

venerdì 16 dicembre 2011 di fedeleto

Wim Wenders dopo aver concluso la trilogia del viaggio-identita'(alice nelle citta',falso movimento,nel corso del tempo)dirige un film interessante tratto dal celebre romanzo di Patricia Highsmith.Un uomo di nome Ripley,di mestiere truffatore,viene ingaggiato da un gangster per uccidere un uomo,ma pur di evitare cio' Ripley venendo a conoscenza della malattia mortale che ha un altro uomo ,consiglia al gangster quest'ultimo di nome Jonathan.Il medesimo avendo una moglie e un figlio continua »

ripley ( dennis hooper )
È il 6 dicembre 1976, non c'e' niente da temere, altro che la paura! So sempre di meno chi sono io e chi sono gli altri
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Aggiungi una frase

di Irene Bignardi

Chissà perché la bravissima Patricia Highsmith, cupa regina del noir e anima molto tormentata, non fu contenta, a suo tempo, nel 1977, così si lesse all'uscita del film di Wim Wenders, della versione che l'allora molto giovane regista tedesco aveva fatto del suo romanzo, Ripley's Game (1974), e del personaggio di Ripley. Reazione inesplicabile, o spiegabile con la visione idiosincratica di tanti autori letterari di fronte alla riduzione cinematografica delle loro invenzioni: perché non solo L'amico americano è uno dei film più interessanti e meglio riusciti di Wenders (seguivano a ruota i più sperimentali e liberi Alice nelle città, Falso movimento, Nel corso del tempo), ma anche perché, assieme a Sconosciuti in treno di Hitchcock, ha dato al mondo di ambiguità e di profonda corruzione morale immaginato dalla scrittrice americana l'immagine più paradossalmente, anche se non letteralmente, fedele, e ha costruito attorno alla storia della Highsmith un'atmosfera insieme originale e coerente. »

di Giovanni Spagnoletti

L'amico americano è una delle prime opere di Wenders dove risulta evidente la vocazione pittorica presente, come ossessione stilistica e contenutistica, in quasi tutto il suo cinema. E ciò si palesa non soltanto nel fatto che una delle figure del film è mi pittore (interpretato dal collega Nicholas Ray) che si fa credere morto - avverando, con questo, una sorta di proclama sulla morte dello stesso ideale di Arte in un mondo che sembra solo interessato alle quotazioni dei quadri -, ma anche e soprattutto per, il tono particolare della fotografia di Robby Müller. »

di Wim Wenders

Nel caso de L'amico americano il modello non fu un fotografo bensì un pittore: Edwnrd Hopper. Ma ancora più importante è stato il desiderio di lavorare su un romanzo di Patricia Highsmith. Avrei voluto The Gry of the Owl (Il grido della civetta) ma purtroppo i diritti non erano disponibili. Ho tentato allora con The Tremor of Forgery (La spiaggia del dubbio) e anche in questo caso non cera stato nulla da fare. Così lei si è impietosita e mi ha dato il manoscritto del romanzo che stava scrivendo: Ripley's Game (L'amico americano). »

L'amico americano | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
MYmovies

Pubblico (per gradimento)
  1° | fedeleto
  2° | luca scialò
Shop
DVD
prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2016 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità