Ave, Cesare!

Acquista su Ibs.it   Dvd Ave, Cesare!   Blu-Ray Ave, Cesare!  
Un film di Ethan Coen, Joel Coen. Con Josh Brolin, George Clooney, Alden Ehrenreich, Ralph Fiennes, Scarlett Johansson.
continua»
Titolo originale Hail, Caesar!. Commedia nera, durata 106 min. - USA 2016. - Universal Pictures uscita giovedý 10 marzo 2016. MYMONETRO Ave, Cesare! * * * - - valutazione media: 3,27 su 80 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   

Nostalgia e ironia Valutazione 3 stelle su cinque

di catcarlo


Feedback: 13494 | altri commenti e recensioni di catcarlo
venerdý 18 marzo 2016

Diciamocelo: è un film che regala soddisfazioni in prevalenza ai cinefili: lo spettatore occasionale potrebbe restare perplesso dinanzi a questa commedia sbilenca – come da tradizione degli autori – che però funziona meno bene di altre che l’hanno preceduta, procedendo un po’ a strappi nel solco di una sceneggiatura che alterna momenti divertenti a qualche passaggio a vuoto. Ma chi sente seppure in minima parte il fascino del cinema, specie se prodotto dalla Hollywood dei tempi d’oro, si lascia volentieri prendere per mano dai fratelli Cohen che lo fanno ritornare per un centinaio di minuti in un mondo già di per se con una buona dose di irrealtà e ormai perduto per sempre, svolgendo la narrazione su numerosi, a volte dissimulati livelli e avvalendosi di un brillante gruppo di interpreti, sovente collaboratori di lungo corso. Insomma, si tratta della capacità di far sognare che persegue l’industria per cui lavora Eddie Mannix (Josh Brolin) e nella quale lo stesso crede fermamente – evitando di cedere a offerte ben più allettanti – come dimostra l’episodio di sala di montaggio con C. C. Calhoun (Frances McDormand). Eppure il suo compito è rimediare agli intoppi di qualunque genere, fra i quali spiccano quelli dovuti alle bizzose personalità degli attori: il peggiore che gli capiti è la sparizione di Baird Whitlock dal set del peplum che dà il titolo al film condividendone pure la sussiegosa voce narrante, in originale di Michael Gambon - una via di mezzo tra ‘Ben Hur’, omaggiato esplicitamente dal sottotitolo, e ‘La tunica’. Baird è l’ennesima figura di stordito che Clooney interpreta per i Cohen, costretto ad andare in giro vestito da centurione per tutto il tempo, incluso quando viene rapito e indottrinato da una conventicola di comunisti hollywoodiani ispirati da un barbuto professor Marcuse (John Bluthal). La traccia serve soprattutto a spaziare fra i generi dell’epoca: il cowboy canterino Hobie (Alden Ehrenreich) fa impazzire il regista Laurentz (Ralph Fiennes) che si trova obbligato a riciclarlo nella commedia sofisticata; la star delle piscine DeAnna Moran (Scarlet Johanson), sboccatissima malgrado l’aspetto angelico, si ritrova a dover sistemare una gravidanza indesiderata; il ballerino Burt Gurney (Channing Tatum) si rivela protagonista a sorpresa dopo essere stato al centro di una meravigliosa coreografia che omaggia i musical con Gene Kelly non dimenticando di accennarne alle tendenze omoerotiche. Una pioggia di citazioni che rendono con efficacia un ambiente sociale che, non sapendolo, stava intravedendo il suo tramonto (visto che si parla di Bikini siamo nel 1954): alla ricostruzione contribuiscono i costumi di Mary Zophres e le scene di Nancy Haigh tanto quanto i gustosi ritratti come quello delle gemelle Thacker (entrambe interpretate da Tilda Swinton) impegnate in una caccia compulsiva allo scoop – attività allora forse più remunerativa di adesso. Non riguardano però solo le strizzate d’occhio al passato le sequenze da ricordare, ma in simili casi la malinconia viene sostituita da un’ironia assai più corrosiva: da citare almeno la discussione tra i quattro esponenti di religioni diverse per rappresentare un Gesù che non offenda nessuno e il monologo finale di Clooney che pare commuovere tutti ma si inceppa sul più bello (spoiler: la parole che non gli viene proprio è ‘fede’) e reagisce in modo davvero non signorile. La scena si svolge nel luogo dove Mannix, il giorno prima, era arrivato vagando nel suo universo di cartapesta seguito dall’affettuosa macchina da presa di Roger Deakins: finzione e cialtronaggine possono essere protagoniste nelle retrovie, ma la magia del grande schermo sa incantare comunque.

[+] lascia un commento a catcarlo »
Sei d'accordo con la recensione di catcarlo?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
42%
No
58%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico

Ultimi commenti e recensioni di catcarlo:

Vedi tutti i commenti di catcarlo »
Ave, Cesare! | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
Pubblico (per gradimento)
  1░ | zarar
  2░ | gino64
  3░ | vapor
  4░ | samanta
  5░ | greatsteven
  6░ | dave san
  7░ | enzo70
  8░ | giulio vivoli
  9░ | 10206607333802909@facebook
10░ | robroma66
11░ | alex2044
12░ | fight_club
13░ | fabiofeli
14░ | nino pell.
15░ | iuriv
16░ | vanessa zarastro
17░ | themaster
18░ | rmarci 05
19░ | cinelady
20░ | fabal
21░ | maramaldo
22░ | aabbaa
23░ | flyanto
24░ | carlottalattanzi
25░ | maumauroma
26░ | catcarlo
27░ | luca1968
28░ | 10206607333802909@facebook
29░ | elpanez
30░ | robert eroica
31░ | vincenzo ambriola
32░ | barone di firenze
33░ | aabbaa
34░ | taxidriver
35░ | elpiezo
36░ | lbavassano
37░ | aabbaa
38░ | aabbaa
39░ | maurizio meres
40░ | miguel angel tarditti
Premio Oscar (1)
Critics Choice Award (1)
BAFTA (1)


Articoli & News
Poster e locandine
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 |
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 |
Shop
DVD
Uscita nelle sale
giovedý 10 marzo 2016
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità