La memoria dell'acqua

Film 2015 | Documentario, +13 82 min.

Titolo originaleEl Botón De Nácar
Anno2015
GenereDocumentario,
ProduzioneCile, Francia, Spagna
Durata82 minuti
Regia diPatricio Guzmán
Uscitagiovedì 28 aprile 2016
TagDa vedere 2015
DistribuzioneI Wonder Pictures
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 3,50 su 9 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Patricio Guzmán. Un film Da vedere 2015 Titolo originale: El Botón De Nácar. Genere Documentario, - Cile, Francia, Spagna, 2015, durata 82 minuti. Uscita cinema giovedì 28 aprile 2016 distribuito da I Wonder Pictures. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 3,50 su 9 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi La memoria dell'acqua tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Il regista cileno Patricio Guzmán continua il suo percorso di indagine sulla storia del Cile e dei suoi segreti nascosti. Il film è stato premiato al Festival di Berlino, Il film è stato premiato a Biografilm Festival,

La memoria dell'acqua è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
3,50/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 4,50
PUBBLICO 3,00
CONSIGLIATO SÌ
Un documentario che nasce dal bisogno di non cancellare il ricordo dell'eccidio perpetrato dal regime di Pinochet nei confronti di cittadini inermi.
Recensione di Giancarlo Zappoli
lunedì 9 febbraio 2015
Recensione di Giancarlo Zappoli
lunedì 9 febbraio 2015

Da un parallelepipedo di quarzo, che contiene al suo interno dell'acqua che risale a millenni fa, si prendono le mosse per riflettere sull'elemento liquido che sta alla base della vita nell'universo e che consente di parlare della storia passata e più recente del Cile.
Patricio Guzmán ci propone con questo suo documentario una lettura che prende le mosse da uno dei quattro elementi primigeni analizzato nella sua fondamentale rilevanza per la formazione delle culture. Ciò che più gli sta a cuore è rileggere la Storia della sua terra, il Cile, che è il più vasto arcipelago nel mondo con 2.670 km di coste. Per farlo parte da lontano, dalla preistoria addirittura e da una scienza che proprio in Patagonia trova il terreno fertile di esplorazione: l'astrofisica. Il suo obiettivo però si manifesta, progressivamente e in una sorta di cerchi concentrici rovesciati rispetto a quelli prodotti dal lancio di un sasso nell'acqua. Perché se quelli manifestano una tendenza centrifuga Guzmán si rivela interessato esattamente al suo opposto. Perché intorno all'acqua i nativi avevano costruito la loro civiltà che i conquistadores bianchi si sono premurati di estirpare tanto che oggi di essi restano solo 20 discendenti che conservano un ricordo della cultura primigenia. Ma ciò che finisce con il costituire il motore di questo intrigante documentario è ancora una volta il bisogno di non cancellare il ricordo di un eccidio più recente: quello del regime di Pinochet perpetrato nei confronti di cittadini inermi colpevoli solo di essere considerati'comunisti' perché oppositori di un dittatore. È stato ancora una volta l'Oceano a divenire sepolcro di innumerevoli desaparecidos lanciati dai velivoli affinché i familiari non potessero avere neppure una tomba per piangerli. Un bottone di perla trovato nei suoi fondali può allora costituire una testimonianza preziosa: l'occasione per non dimenticare.

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?
Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

L'acqua, fonte della vita, ci è stata portata da una cometa schiantatasi sulla Terra. Sull'acqua marina che circonda e unisce le isole della Patagonia, fin da 10.000 anni fa viveva un pacifico popolo di nomadi acquatici dediti all'arte di pitturare i propri corpi. Alla fine dell'800 fu sterminato dai cercatori d'oro e dagli agricoltori del Cile. Dopo il golpe cileno dell'11-9-73, nelle stesse acque del Pacifico, furono gettati e legati a pezzi di rotaia da 1.200 a 1.400 oppositori della dittatura militare di Pinochet. È uno splendido documentario, al tempo stesso scientifico, naturalistico, etnologico, storico-politico, che colpisce per il modo originale - il parallelismo tra indigeni patagonesi di ieri e perseguitati politici di oggi - con cui denuncia la perennità dei crimini contro l'umanità a causa della brama di ricchezza e dominio. Ma che affascina e a volte incanta per la bellezza e l'originalità delle riprese alternate dello spazio siderale, dell'Oceano Pacifico e della Patagonia. Il titolo originale significa il bottone di madreperla: quello trovato tra le incrostazioni marine su una barra di rotaia, ma anche quello in cambio del quale, nel 1830, un indigeno si fece portare a Londra da una nave inglese perdendo per sempre la sua identità.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
LA MEMORIA DELL'ACQUA
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD HD+ SD HD HD+
iTunes
-
-
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€12,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
domenica 15 maggio 2016
Giulio Vivoli

Il principio parascientifico secondo il quale l­' acqua conserverebbe memoria degli elementi con cui viene a contatto, per ricordare le origini del suo Paese e non dimenticare i sanguinosi eccidi che lo hanno segnato: cosi il regista cileno Patricio Guzmàn, premiato a Berlino con l'Orso d-Argento, attraverso una recherche antropologica, filosofica e cosmologica, esplora la remota Patagonia per ritrovare [...] Vai alla recensione »

sabato 5 gennaio 2019
pozzo

Durante la visione della prima parte di questo poema dedicato al Chile ( mi riferisco al film " la Nostalgia de la Luz"), fin dalle prime inquadrature rimasi come in un incanto. Da lì pensai che il nome giusto per questo lavoro non poteva essere ne documentario, ne film. Era un poema, un vero poema scritto da un moderno Virgilio per il suo paese.

domenica 8 maggio 2016
giank51

Nel 1988 fece scalpore un esperimento di J.Benveniste secondo il quale l'acqua conserverebbe un ricordo delle sostanze con cui è venuta in contatto anche alle più elevate diluizioni.In seguito tale esperimento non è stato confermato e la comunità scientifica non dette più credito alla cosa. Ma il film-documentario di P.

domenica 9 aprile 2017
g_andrini

E' in effetti un documentario sia naturalistico che storico di ottima fattura. La storia umana è costellata da stermini, rientra nella natura umana, dove ci sono differenze razziali c'è guerra e annientamento.

sabato 7 maggio 2016
marcello1979

Essendo distruibuito come film non posso che esser scontento e feroce nella disamina della trama, dei personaggi e della scenografia.. Se dovessi fare un passo indietro e considerare il film come docuemntario allora potrei parlarne bene , anzi direi splendido. Bella la ricostruzione degli indigeni , passando per Jimmy Bottons arrivando al periodo post-moderno .

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Fabio Ferzetti
Il Messaggero

Una mappa del Cile lunga 15 metri, tutta di pelle o forse di corteccia, tenuta dall'artista dentro grandi scatoloni come una reliquia. Stampe e fotografie incredibili della vita in Patagonia prima dell'arrivo dei coloni. Una donna oggi anziana, Gabriela («Si sente cilena? - Nooo, mi sento Kaweshkar») che racconta il suo rapporto con l'acqua, l'acqua gelida in cui a 7-8 anni imparò a nuotare e a immergersi. [...] Vai alla recensione »

Paolo D'Agostini
La Repubblica

Patricio Guzman, che si oppose al golpe di Pinochet dell'11 settembre '73, è autore di una celebrata trilogia intitolata La battaglia del Cile, e di un dittico di cui questo . Memoria dell'Acqua è la seconda parte (ma ora usciranno entrambe). La prima, Nostalgia della luce, era dedicata al nord desertico del paese, come specularmente la seconda riguarda l'estremo sud patagonico.

Anna Maria Pasetti
Il Fatto Quotidiano

Non è facile ascoltare la voce dell'acqua: si teme possa rivelare segreti scomodi, verità dolorose di una memoria che non fallisce. Patricio Guzmàn, illuminato documentarista cileno, lo sa bene e non solo si è messo in ascolto" dell'Oceano che lambisce le coste del suo Paese ma con esso ha intrattenuto un dialogo di complicità. Ne è uscito un film-gioiello che in originale ha il titolo di El botòn [...] Vai alla recensione »

NEWS
GALLERY
sabato 14 febbraio 2015
Giancarlo Zappoli

Giunta alla sua 65^ edizione la Berlinale (dal 2001 sotto la direzione di Dieter Kosslick ) conferma il suo status di Festival attento alle questioni sociali e al contempo pronto a dare spazio, in particolare nelle ampie sezioni Panorama e Forum, alla [...]

winner
miglior scenegg.ra
Festival di Berlino
2015
winner
best film unipol award
Biografilm Festival
2015
winner
audience award
Biografilm Festival
2015
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati