Il destino

Un film di Youssef Chahine. Con Nour El-Chérif, Laila Eloui, Mahmoud Hémeida Titolo originale Al Massir. Drammatico, Ratings: Kids+16, durata 135' min. - Egitto, Francia 1997. MYMONETRO Il destino * * * - - valutazione media: 3,13 su 8 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato sì!
3,13/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (n.d.)
 dizionari * * * - -
 critican.d.
 pubblico * * * - -
Nour El-Chérif
Nour El-Chérif (68 anni) 28 Aprile 1946 Interpreta Averroè
Laila Eloui
Laila Eloui (60 anni) 4 Gennaio 1954 Interpreta La zingara
Mahmoud Hémeida
   
   
   
Chahine è considerato uno dei maestri del cinema africano, forse il più "avanzato" dell'intera cultura araba.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi
il MORANDINI
di Laura, Luisa e Morando Morandini
    * * * - -
Locandina Il destino

A Cordoba, nell'Andalusia araba del 1195, il califfo Al-Mansour cerca di mediare la furia degli integralisti che hanno tra i loro bersagli il filosofo e scienziato Muhammad ibn Rushd (1126-1198), noto in Occidente come Averroè, celebre commentatore di Aristotele e massimo esponente di quella cultura arabo-ispanica che fiorì in Andalusia tra il VII e il XII secolo in pacifica coesistenza con la cultura cristiana ed ebraica. È lui il perno di un film che, nel raccontare fatti e personaggi di 800 anni fa, adombra problemi, fanatismi e sanguinosi conflitti nel mondo arabo di oggi. Coerente a sé stesso Youssef Chahine, il più grande dei cineasti arabi, fa un cinema popolare e, insieme, colto. Film scattante, svariante, pittoresco che contamina temi e generi (musical, biografico, western, cappa e spada, Dumas, Walter Scott, Rossellini). Esterni girati in Siria. Palma d'oro del cinquantenario a Cannes 1997.

Premi e nomination Il destino il MORANDINI
Il destino recensione dal dizionario Farinotti
Sei d'accordo con questa recensione?


Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
67%
No
33%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
* * * - -

Un film da "vivere"

martedì 23 ottobre 2001 di Marta1967

Un film da "vivere" fin dal primo momento, senza porsi domande, cercando di calarsi il prima possibile nel tempo e nella situazione che esso ricostruisce. Un film purtroppo molto attuale. Sicuramente un'opera che lascia qualcosa dentro a chi sa osservarla. continua »

Chahine
Il pensiero ha le ali. Nessuno può arrestare il suo volo.
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Aggiungi una frase

di Luigi Paini Il Sole-24 Ore

Un uomo brucia sul rogo, sotto gli sguardi di una folla vociante. è un eretico, condannato al fuoco nell’Europa cristiana del XII secolo. Straziati dal dolore, assistono alla scena anche la moglie e il figlio adolescente del condannato. Quale sarà il loro futuro? Il ragazzo ha già deciso: fuggirà nella Spagna islamica, per aderire al cenacolo filosofico del maestro di suo padre, il gran filosofo Ibn Rushd, meglio conosciuto con il nome di Averroè. Inizia così Il destino, l’ultimo film del maestro egiziano Yussef Chahine (ha diretto oltre 30 pellicole, ma da noi è un perfetto sconosciuto; Cannes lo ha onorato lo scorso anno con una Palma d’oro alla carriera). »

di Roberto Escobar Il Sole-24 Ore

Con il fuoco termina la prima sequenza di Il destino ( Al massir, Egitto e Francia, 1997), e con il fuoco termina l’ultima. Si tratta del fuoco con cui, nei modi più diversi, la paura e il fanatismo, alleati a scopo di dominio, tanto spesso combattono la loro guerra mai terminata contro la libertà. Meglio: contro quel “luogo” indifeso e insieme ben munito che contiene ogni possibile libertà. Nel dodicesimo secolo, un tribunale della Languedoc cristiana brucia infatti dei libri, e con essi l’uomo che della loro diffusione in Europa ha fatto il senso della propria vita. »

di Lietta Tornabuoni La Stampa

Brutto film molto interessante, Al massir (Il destino) dell'egiziano settantenne Youssef Chahine, protagonista Nour El Cherif, è una costosa biografia del filosofo Averroé realizzata con l'appoggio di sette ministri o ministeri e di quattro istituzioni culturali pubbliche di Siria, Egitto e Francia, un kolossal un pò tirato via, senza stile e a volte anche ridicolo: ma è politicamente così attuale, si esprime così appassionatamente contro il fanatismo e l'intolleranza, a favore della libertà di pensiero e della libera circolazione della cultura, per il rispetto della vita, che nel mondo arabo avrà forse grande effetto (nella speranza che non provochi al regista i guai e le persecuzioni subiti per il suo precedente film L'emigrato) e che può insegnare molto agli spettatori occidentali. »

Il destino | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
MYmovies

Pubblico (per gradimento)
  1° | marta1967
  2° | dounia
Scheda | Cast | News | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Chat | Shop |
Prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2014 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità