Leviathan

Acquista su Ibs.it   Dvd Leviathan   Blu-Ray Leviathan  
Un film di Andrei Zvyagintsev. Con Aleksey Serebryakov, Elena Lyadova, Vladimir Vdovichenkov, Roman Madyanov, Anna Ukolova.
continua»
Drammatico, Ratings: Kids+16, durata 140 min. - Russia 2014. - Academy Two uscita giovedì 7 maggio 2015. MYMONETRO Leviathan * * * - - valutazione media: 3,44 su 20 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   
sellerone giovedì 8 febbraio 2018
e’ peccato bruciare i gatti Valutazione 0 stelle su cinque
100%
No
0%

Ipocrisia, destino beffardo e decadenza del vecchio modo di vivere di un popolo. Film triste ma realistico, splendidi paesaggi e soprattutto atmosfere. Affiancare la carcassa di un cetaceo, simboleggiante probabilmente al vecchio modo di essere del popolo della cittadini dove si svolgono gli eventi ai personaggi di questa storia drammatica è poetico ed efficace.
Visto, ma dura troppo e non lo compro…
Da guardare con chi ama la critica al mondo sovietico, qui trova pane per i suoi denti. I Bambini no, qualche scena è troppo esplicita, non capirebbero le usanze russe.

[+] lascia un commento a sellerone »
d'accordo?
ninoraffa lunedì 9 ottobre 2017
silenzio nel turbine Valutazione 3 stelle su cinque
100%
No
0%

Intorno al quinto secolo avanti Cristo, lo sconosciuto autore del Libro di Giobbe racconta che Satana dopo un giro per la Terra, va a visitare Dio proponendogli di mettere alla prova Giobbe. Secondo il diavolo, Giobbe è giusto e pio perché Dio lo gratifica di ogni ricchezza e felicità, ma se la sua sorte cambiasse sarebbe pronto a ribellarsi. Il Padre Eterno accetta la sfida, concedendo a Satana potere sul malcapitato, che in brevissimo tempo perde figli, casa, ricchezze e salute, ritrovandosi coperto di piaghe nella polvere. Giobbe, ignaro dei celesti conciliaboli, s’interroga sulla ragione delle sue disgrazie: secondo gli amici ha dei peccati nascosti da scontare, la moglie invece deride la sua fede malriposta spronandolo a maledire Dio; ma lui dal fondo del dolore continua a rivendicare la sua innocenza e insieme la fedeltà all’Eterno. [+]

[+] lascia un commento a ninoraffa »
d'accordo?
lorifu lunedì 5 ottobre 2015
leviathan...la legge del più forte Valutazione 4 stelle su cinque
33%
No
67%

Leviathan, stupenda pellicola  del regista russo Zvyagintsev che nel  gennaio di quest’anno ha vinto il Golden Globe per il miglior film straniero oltre che il premio per la sceneggiatura a Cannes nel 2014  e  che va ricordato anche per il Leone d’Oro strappato a Venezia nel 2003.

Stupenda pellicola per i tanti spunti di riflessione,  riferimenti biblici e gli infiniti  interrogativi sul senso della vita.

Stupenda per i paesaggi di una bellezza mozzafiato in cui gli elementi naturali, l’acqua, la terra, la luce dominano e sgomentano per la preponderanza che assumono con tutti i loro significati simbolici. [+]

[+] lascia un commento a lorifu »
d'accordo?
ennas martedì 22 settembre 2015
il mondo di kolya Valutazione 4 stelle su cinque
50%
No
50%

Uno degli  elementi caratterizzanti “ Leviathan” è l’ambiente in cui si svolge il film. .L’ apertura prolungata sul paesaggio ci trasmette una vertigine di solitudine e di vuoto, metafora di una condizione umana che travalica i confini  di spazio e tempo Siamo all’estremo nord e una strepitosa fotografia ce lo mostra, nella luce e nei colori ma, ci rivela anche il volto di una natura primordiale e arcigna, indifferente al destino degli umani: relitti di vario genere sono sparsi su un terreno arido e roccioso.  Kolja vive qui, con la giovane seconda moglie e con Roma, il figlio avuto dal matrimonio precedente, in una casa in riva a questo mare, qui è nato, qui vi lavora nella sua officina. [+]

[+] lascia un commento a ennas »
d'accordo?
maria cristina nascosi sandri giovedì 4 giugno 2015
homo homini lupus.... Valutazione 4 stelle su cinque
89%
No
11%

LEVIATHAN, ultimo film di Andrey Zvyagintsev - Commento di Maria Cristina NASCOSI SANDRI Non è un titolo casuale, come nulla è casuale nel cinema di Andrey Zvyagintsev, ad iniziare dalla splendida opera prima di 12 anni fa, IL RITORNO, che vinse a Venezia il Leone d’oro. Homo homini lupus - ammoniva il secentesco filosofo inglese Thomas Hobbes, autore dell’opera il LEVIATANO, che, peraltro, culturalmente, religiosamente e profondamente, fa riferimento all’omonimo libro di Giobbe. Ed anche qui il potere del potere, il mèta-potere, quello che rende l’uomo più simile alla bestia che a quel Dio cui vorrebbe ispirarsi ed aspirare, la fa da padrone. Nulla cambia mai sotto il sole, o, gattopardianamente, tutto cambia perché alla fine nulla, in realtà, cambi. [+]

[+] lascia un commento a maria cristina nascosi sandri »
d'accordo?
filippo catani sabato 23 maggio 2015
un giobbe moderno alla deriva Valutazione 4 stelle su cinque
50%
No
50%

In una cittadina russa un uomo è deciso a tutto pur di non farsi espropriare la casa dal sindaco che per quel terreno avrebbe altri progetti. Quando l'uomo, tramite il fratello che è avvocato, minaccia il sindaco di svelare le trame corruttive di cui è al centro, si apriranno le porte dell'abisso.
Il regista gioca su vari piani in questa intensa e livida pellicola ma senza dubbio i registri preferiti sono quelli politico-religiosi. Questo un po' per la connivenza tra il patriarca ortodosso e il sindaco e un po' per il protagonista che si troverà a perdere tutto e tutti e finirà con l'interrogarsi sui terribili disegni divini. Inutile nascondere anche le pesanti critiche che il regista muove alla società russa attuale mostrando come nella piccola cittadina in questione il sindaco manovra a suo piacimento sia gli organi di polizia che quelli giudiziari e ha poi a disposizione personaggi perlomeno discutibili per svolgere il lavoro sporco. [+]

[+] lascia un commento a filippo catani »
d'accordo?
mattiabertaina martedì 19 maggio 2015
senso di incompiuto Valutazione 3 stelle su cinque
100%
No
0%

Rabbia, vendetta, violenza, corruzione, tradimenti, nessuna speranza. Il lavoro del cineasta russo Zvyagintsev, Golden Globes come Miglior film straniero miscela in un’opera ambiziosa politica e società, sacro e profano, passato e contemporaneo. Kolia, un uomo che da sempre vive su di un promontorio che si affaccia sul Mar di Barents, ha un figlio ed una seconda moglie. Il suo lavoro di meccanico gli ha sempre garantito la sussistenza e la sua officina è tutto ciò che gli serve per portare a casa il necessario da vivere. Sulla strada di Kolia c’è però il sindaco della piccola cittadina, un viscido e corrotto affarista, abituato a gestire i suoi traffici con denaro ed intimidazioni. Il Leviathan di Zvyagintsev strizza l’occhio ai grandi classici della letteratura, con un deciso balzo alle scritture bibliche e alla storia di quel Giobbe che trovò sulla sua strada Satana. [+]

[+] lascia un commento a mattiabertaina »
d'accordo?
gigrob lunedì 18 maggio 2015
sopravalutato Valutazione 2 stelle su cinque
33%
No
67%

Sipravalutato dalla critica essendo uno dei pochi film russi usciti in sala, sono corso a vederlo, ma e' stata una delusione troppo lungo, troppo prevedibile e tutti i personaggi negativi. Capisco che possa essere una critica al sistema politico russo, ma troppo prevedibile ed alcune cose fuori da ogni logica. Speriamo meglio il prossimo film russo.

[+] lascia un commento a gigrob »
d'accordo?
miguel angel tarditti domenica 17 maggio 2015
“el miedo y yo nacimos gemelos”, hobbes Valutazione 4 stelle su cinque
33%
No
67%

     
“LEVIATHAN”, dirección de Andrei Zvyagintsev, (Rusia)       
 
El poder absoluto es un sistema enfermo, nefasto de gobierno, es el reino de la oscuridad, donde las libertades individuales no cuentan.
 
El filósofo ingles Thomas Hobbes escribió en 1651 su mas notable obra llamada “El Leviatan”, donde con su filosofía absolutista define a un sistema de gobierno donde el poder del estado se ubica en la cúspide de una pirámide dictatorial que reina inclusive por encima de la misma iglesia.
Es el filósofo político del absolutismo. [+]

[+] un collasso antropologico (di giank51)
[+] lascia un commento a miguel angel tarditti »
d'accordo?
flyanto mercoledì 13 maggio 2015
quando ormai si perde tutto Valutazione 3 stelle su cinque
57%
No
43%

 Al protagonista della storia raccontata in "Leviathan" non c'è nulla che vada per il verso giusto, anzi, una continua serie di avvenimenti negativi che determineranno la sua condanna definitiva. Kolia, questo è il nome del protagonista, è un uomo vedovo che si è risposato con una bella donna giovane, ha un figlio adolescente avuto dal primo matrimonio che è piuttosto ribelle e maleducato, soprattutto nei confronti della seconda moglie del padre, ed una situazione economica affatto positiva. Infatti tutti i suoi possedimenti terreni ed edili gli sono stati confiscati dallo Stato in quanto, sebbene egli si sia rivolto ad un vecchio compagno giovanile, ormai divenuto un importante avvocato a Mosca, non è riuscito a vincere le numerose cause sollevate contro l'arrogante e corrotto sindaco desideroso delle sue terre e dunque a breve egli dovrà traslocare dalla propria casa con tutta la sua famiglia. [+]

[+] lascia un commento a flyanto »
d'accordo?
pagina: 1 2 »
Leviathan | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Gabriele Niola
Pubblico (per gradimento)
  1° | zarar
  2° | dario bottos
  3° | ninoraffa
  4° | maria cristina nascosi sandri
  5° | giank51
  6° | mattiabertaina
  7° | flyanto
  8° | ennas
  9° | filippo catani
10° | miguel angel tarditti
11° | lorifu
Premio Oscar (1)
Golden Globes (2)
Festival di Cannes (1)
Critics Choice Award (1)
BAFTA (1)


Articoli & News
Link esterni
Shop
DVD
Uscita nelle sale
giovedì 7 maggio 2015
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità