La sposa promessa

Acquista su Ibs.it   Dvd La sposa promessa   Blu-Ray La sposa promessa  
Un film di Rama Burshtein. Con Hadas Yaron, Yiftach Klein, Irit Sheleg, Chayim Sharir, Razia Israeli.
continua»
Titolo originale Lemale Et Ha'Chalal. Drammatico, durata 90 min. - Israele 2012. - Lucky Red uscita giovedì 15 novembre 2012. MYMONETRO La sposa promessa * * * - - valutazione media: 3,38 su 35 recensioni di critica, pubblico e dizionari. Acquista »
   
   
   
ninoraffa lunedì 4 settembre 2017
questione di sentire Valutazione 3 stelle su cinque
100%
No
0%

 I buoni film, forse, più che indicarci qualcosa di nuovo, servono a riflettere su quello che già sappiamo. Così la Sposa Promessa ci dice qualcosa sugli Ebrei Ortodossi, i loro costumi e gli scrupolosi riti che ne scandiscono il quotidiano, ma è soprattutto occasione di tornare su di noi, da loro così distanti.
Tel Aviv. La diciottenne Shira, figlia minore di un rabbino chassidico, è in età di matrimonio; la famiglia sta quindi provvedendo a trovarle marito e anche un supermercato casher può essere un buon posto per un primo contatto, naturalmente accompagnata dalla madre, a debita distanza e senza una parola. Nel tranquillo svolgersi della combinazione tra rabbini, la morte di parto della sorella Esther, sovvertirà ogni piano: la madre di Shira, temendo di perdere il nipotino nato da poco, propone alla figlia di sposare lo stesso Yochai, al quale intanto sono state offerte nuove nozze all’estero. [+]

[+] lascia un commento a ninoraffa »
d'accordo?
stefanocapasso lunedì 22 maggio 2017
scelte d'amore Valutazione 4 stelle su cinque
100%
No
0%

La diciottenne Shira, figlia del rabbino della comunità ortodossa di Tel Aviv, sta per conoscere il fidanzato propostole dalla famiglia. I suoi sogni vengono infranti dalla morte durante il parto della sorella Esther. Rimasto solo con il figlio, Yochay, marito della sorella, valuta la possibilità di sposare una donna che vive in Belgio per dare una famiglia al figlio. Per evitare questo distacco la famiglia di Shira le chiede di sposare Yochay cosi che possa rimanere con loro insieme al bambino
Film molto bello, intenso e suggestivo questo di Rama Burshtein che ci porta dentro le tradizioni intime delle famiglie e delle comunità ebraiche. C’è sempre una luce bianca sulla scena che sembra simboleggiare la presenza di Dio, in nome del quale tutti i personaggi compiono le loro scelte. [+]

[+] lascia un commento a stefanocapasso »
d'accordo?
arnaco giovedì 21 aprile 2016
amore Valutazione 3 stelle su cinque
0%
No
0%

Nonostante tutto congiuri a suo favore non riesco a provare empatia per Shira che pure è vittima di una cultura in cui sopravvivono molti rituali odiosi (ma è un giudizio soggettivo) tra cui quello del matrimonio combinato, per altro diffuso in altre comunità, non solo del passato. Il matrimonio combinato non significa necessariamente assenza di amore, che a volte può nascere dopo, ma anche durante il fidanzamento. Mi domando: Shira è innamorata del suo promesso sposo (non molto attraente in verità)? Non sembra proprio, almeno come spettatori non ce ne viene data nessuna evidenza; durante il colloquio con il cognato reclama solo di avere il diritto di sposare un suo coetaneo e va bene, la si potrebbe anche capire se il cognato fosse un vecchio repellente, ma invece ha solo qualche anno di più ed è pure belloccio. [+]

[+] lascia un commento a arnaco »
d'accordo?
filippo catani giovedì 10 marzo 2016
la difficile scelta di una ragazza Valutazione 4 stelle su cinque
0%
No
0%

La comunità di ebrei ortodossi è sconvolta dalla prematura morte della moglie di un importante membro della comunità che si ritrova solo con un figlio appena nato. La famiglia della moglie, davanti alla possibilità che lui si trasferisca all'estero, gli propone di sposare la sorella.
Un film intenso ambientato nella comunità di ebrei ortodossi con i loro riti e i loro luoghi dove per esempio andare a fare la spesa. Ecco che una giovanissima ragazza che vive gli sconvolgimenti dei primi amori si trova improvvisamente catapultata in una situazione più grande di lei. E' giusto sposare il cognato rimasto vedovo? Soprattutto è giusto mettere da parte la propria vita e i propri sentimenti per obbedire a un comando della famiglia? La famiglia stessa è dilaniata dal dubbio; la madre è l'artefice dell'operazione, il padre non è convintissimo mentre la zia (zitella) è assolutamente contraria. [+]

[+] lascia un commento a filippo catani »
d'accordo?
puttore57 lunedì 9 febbraio 2015
film banale Valutazione 1 stelle su cinque
0%
No
0%

povero di contenuto, banale e senza mordente. decisamente scadente.

[+] lascia un commento a puttore57 »
d'accordo?
rita branca venerdì 29 novembre 2013
la sfortuna di non essere occidentale oggi Valutazione 4 stelle su cinque
0%
No
0%

La sposa promessa, film israeliano (2012) diretto da Rama Burshtein, con Hads Yaron, Yiftach Klein, Irit Sheleg, Chayim Sharir, Razia Israeli, Hila Feldman, Renana Raz, Ido Samuel.
 
Malinconico e interessantissimo film che apre uno squarcio sulla cultura ebraica, sui suoi rituali familiari e religiosi.
Il ritmo lento in cui la narrazione si dispiega sembra accentuare l’intensità della pena sofferta da Shila, una diciottenne che è stata chiesta in sposa dalla famiglia di un giovane, tenuto però in stand-by dai genitori di lei a causa della giovane età, nonostante il favorevole atteggiamento della ragazza che già sogna di sposarlo. [+]

[+] lascia un commento a rita branca »
d'accordo?
jacopo b98 giovedì 18 luglio 2013
un esordio di rara bellezza Valutazione 4 stelle su cinque
0%
No
0%

 Una ragazza (Yaron) appartenente ad una famiglia di ebrei ortodossi è in attesa di sposarsi. Quando la sorella muore mettendo al mondo il figlio, i genitori le chiedono di sposare il vedovo (Klein) della sorella e di fare da madre al nipote. Esordio alla regia della Burshtein, anche sceneggiatrice, questo splendido film d’amore e sull’amore, molto al femminile, è uno dei migliori prodotti presentati a Venezia 69, dove ha vinto la Coppa Volpi, data ad un’attrice che ci regala un’interpretazione così straordinaria che persino gli Oscar avrebbero dovuto accorgersene. Naturalmente così non è stato. In realtà, visto che il Leone d’Oro è andato a Pietà di Kim Ki-Duk, forse la giuria avrebbe fatto meglio a premiare questo splendido film israeliano. [+]

[+] lascia un commento a jacopo b98 »
d'accordo?
fabiana dantinelli martedì 11 giugno 2013
l'incerto esordio di rama burshtein Valutazione 2 stelle su cinque
50%
No
50%

Una giovane donna in una comunità patriarcale, un lutto improvviso e una scelta difficile, le premesse per un dramma filmico interessante c'erano tutte, per di più viste le istanze narrative non originalissime, ci si poteva aspettare l'inaspettato, perchè no, un intreccio sorprendente, un finale non scontato. Ma l'opera prima della regista Rama Burshtein deludicchia e nemmeno poco e dire che la “director” in questione è nata a New York e ha studiato in una scuola di cinema a Gerusalemme, anche qui un’anteprima niente male. Eppure questa versione intimista di una comunità rabbinica di Tel Aviv, dove l’acerba Shira si trova pressata a sostituire il ruolo di moglie e madre della defunta sorella Esther, sembra proprio non spiccare il volo. [+]

[+] lascia un commento a fabiana dantinelli »
d'accordo?
giurg 63 lunedì 29 aprile 2013
noia promessa e mantenuta Valutazione 1 stelle su cinque
0%
No
100%

Confesso di aver resistito poco più di mezzora alla visione di questo film la cui estrema lentezza e stata per me esasperante. E' probabile che io non sia abituato a stili di regia (in questo caso si tratta di un'opera prima) che non siano europei o americani (sebbene abbia visto più films orientali, quali "Poetry" o mediorientali, come "La donna che canta"). Mi permetto di suggerire la visione de "La sposa siriana," il cui ritmo è decisamente meno lento di questa sposa promessa.
Giurg 63

[+] lascia un commento a giurg 63 »
d'accordo?
archipic giovedì 7 marzo 2013
una realtà diversa Valutazione 2 stelle su cinque
0%
No
100%

L'interesse che suscita questo film risiede, soprattutto, nella descrizione molto ben calibrata dello scorrere della vita nella comunità ebreo-ortodossa israeliana. Usi e costumi che scandiscono le giornate: gerarchie rigorose, donne escluse da qualsiasi manifestazione collettiva, matrimoni combinati (anche al buio), copricapo alquanto improbabili, pasti accompagnati sempre da canti, ovviamente, maschili. Il mio è un giudizio un pò controcorrente rispetto agli altri, ma il film non mi ha preso più di tanto. Un primo tempo godibile con buoni spunti narrativi e ritmo sufficientemente cadenzato. Secondo tempo che rallenta drasticamente il racconto e che ne inficia il godimento. [+]

[+] lascia un commento a archipic »
d'accordo?
pagina: 1 2 3 »
La sposa promessa | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Marianna Cappi
Pubblico (per gradimento)
  1° | ennas
  2° | peer gynt
  3° | renato volpone
  4° | ninoraffa
  5° | 56mad
  6° | adelio
  7° | violettaaa
  8° | aloisa clerici
  9° | piris
10° | zoom e controzoom
11° | stefanocapasso
12° | arnaco
13° | filippo catani
14° | rita branca
15° | jacopo b98
16° | fabiana dantinelli
17° | angelo umana
18° | flyanto
19° | gabriele.vertullo
20° | lukemisonofattotuopadre
Rassegna stampa
Deborah Young
Deborah Young
Festival di Venezia (1)
European Film Awards (2)


Articoli & News
Immagini
1 | 2 | 3 |
Link esterni
Sito italiano
Shop
DVD
Uscita nelle sale
giovedì 15 novembre 2012
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità