L'uomo che verrà

Acquista su Ibs.it   Dvd L'uomo che verrà   Blu-Ray L'uomo che verrà  
Un film di Giorgio Diritti. Con Alba Rohrwacher, Maya Sansa, Claudio Casadio, Greta Zuccheri Montanari, Stefano Bicocchi.
continua»
Drammatico, Ratings: Kids+16, durata 117 min. - Italia 2009. - Mikado uscita venerdì 22 gennaio 2010. MYMONETRO L'uomo che verrà * * * 1/2 - valutazione media: 3,96 su 65 recensioni di critica, pubblico e dizionari. Acquista »
   
   
   
catia p. lunedì 1 febbraio 2010
per non dimenticare Valutazione 4 stelle su cinque
92%
No
8%

Questo film, particolarmente bello, parla della Storia, quella che pochi di noi conoscono davvero, mentre i più ne hanno a malapena un vago ricordo o ne hanno solo sentito parlare. La Storia di un'Italia in cui affondiamo le radici senza neanche saperlo. La Storia che non si può cambiare. La Storia che si può e si deve raccontare, ma su cui piangere sarà inutile, perché la Storia quella è e quella rimane. Attoniti spettatori la staremo a guardare, in buona parte attraverso gli occhi di una bambina (straordinaria e meravigliosa l'esordiente Greta Zuccheri Montanari) che per scelta resta muta di fronte alle tragedie della vita. Ce l'hanno insegnato i nostri nonni (o bisnonni), per chi ha avuto la fortuna di starli a sentire, che stare al mondo è anche fatica e dolore, ma non serve sprecarci sopra tante parole, serve solo continuare a vivere. [+]

[+] lascia un commento a catia p. »
d'accordo?
il sora giovedì 28 gennaio 2010
diritti d'autore Valutazione 4 stelle su cinque
82%
No
18%

“Volevo far fare agli spettatori un viaggio nel 1944”. Questo ha detto Giorgio Diritti alla presentazione del suo “L’uomo che verrà”. E questo ha fatto. Possiamo dividere il film in due parti: la prima narra la guerra dalla parte di alcuni contadini bolognesi, la seconda mette gli stessi personaggi al centro della strage di Marzabotto. Fattor comune è, per l’appunto, la ricostruzione storica ricchissima di particolari anche minimi perfezionata dal dialetto bolognese che obbliga ai sottotitoli per tutta la durata del lungometraggio ma che non infastidisce, anzi è un po’ come la ciliegina sulla torta. Con queste premessa l’opera si presenta rischiosissima, potenzialmente noiosa e con il pericolo di cadere nella retorica o nella banalità. [+]

[+] lascia un commento a il sora »
d'accordo?
filmicus lunedì 15 febbraio 2010
signore,tu hai visto,non tacere (sal 34,22) Valutazione 5 stelle su cinque
92%
No
8%

L'uomo che verrà è un'opera di grande valore.La padronanza della tecnica e del linguaggio cinemetografico,anche con capacità innovative, pongono Diritti nel novero dei migliori registi italiani. Con la forza che può scaturire solo da un discorso autentico ripropone alla nostra memoria ed alla nostra coscienza uno dei più tragici fatti della seconda guerra mondiale sul suolo italiano: l'eccidio di Monte Sole,che tutti conosciamo con il nome di Marzabotto. La riproposizione avviene con una grande intuizione: a raccontare sono gli occhi e non le parole della giovanissima testimone,bimba di sette anni,che da tempo ha perso la capacità di parlare a causa della morte,sotto i suoi occhi, del fratellino. [+]

[+] lascia un commento a filmicus »
d'accordo?
ucciolibero sabato 13 febbraio 2010
la vita contro la stupidità della guerra. Valutazione 4 stelle su cinque
89%
No
11%

Il film è fatto molto bene, ben strutturato, con attori "autentici" ma con facce ed espressioni "tipicamente contadine", che danno all'opera un tratto di "veridicità" talmente forte da sfiorare, a tratti, il documentario storico. La protagonista è una bambina con un carattere deciso e ribelle che, a causa di uno shock, ha perso l'uso della voce, saranno perciò i suoi occhi e le sue gambe magre a condurre lo spettatore attraverso il film, e così seguiremo il dialetto (sottotitolato) degli altri protagonisti, ma anche il parlato tedesco senza traduzione, e ci immergeremo, pian piano, nel suo mondo (muto, appunto, come siamo noi al cinema). Dritti rappresenta la vicenda in modo asciutto, senza cedere alla retorica della guerra ma neppure a quella del mondo contadino, il mondo che il regista ci mostra è duro, senza sconti, senza vincitori, e la storia che ci racconta non vuole essere una storia "epica" ma una storia di guerra. [+]

[+] lascia un commento a ucciolibero »
d'accordo?
francesca meneghetti domenica 21 febbraio 2010
la streghetta martina contro la guerra Valutazione 4 stelle su cinque
86%
No
14%

Si è parlato di neo-neo realismo. Forse è vero che sia nel cinema italiano sia nella letteratura sta emergendo un gruppo di autori che individuano il senso della loro missione nella riflessione sulla realtà. In tempi dominati dal bisogno di un eterno carnevale, di bellezza fittizia o di forti emozioni, attraverso effetti speciali e situazioni estreme, è una boccata d’aria pura la scelta dell’autenticità. E la storia, fittissimo repertorio di situazioni tragiche ed estreme, specie nei momenti di guerra, offre molti spunti per questo (come sapeva il vecchio Manzoni). Giorgio Diritti è su questa linea e gli fa onore l’impegno civile che trasferisce nel cinema, specie in tempi in cui le tendenze revisioniste tendono a cancellare il passato. [+]

[+] lascia un commento a francesca meneghetti »
d'accordo?
m. cristina lucchetta sabato 16 ottobre 2010
l'uomocheverrà e che già è nel sempre della storia Valutazione 5 stelle su cinque
100%
No
0%

L'uomo che verrà, Gran Premio della giuria all'ultimo festival di Roma, vince il David di Donatello come miglior film. Giorgio Diritti ci regala ancora una volta un piccolo capolavoro dove poesia e Storia si fondono senza retorica. La vita quotidiana di una piccola comunità contadina raccontata attraverso gli occhi di una bambina che conosce l'orrore della guerra, che rinuncia a parlare quasi in segno di resa alla morte, ma riprende a cantare in ossequio alla vita "che verrà" e alla sua attesa di futuro, alla sua promessa di speranza. Volti antichi scolpiti dal tempo. Parole misurate nella lingua parlata di ogni giorno. Sentimenti offerti alla macchina da presa nella bellezza di un pudore ormai dimenticato. [+]

[+] lascia un commento a m. cristina lucchetta »
d'accordo?
domenico a martedì 9 febbraio 2010
l'orrore visto con gli occhi di una bambina Valutazione 0 stelle su cinque
76%
No
24%

Sulla scia del miglior Olmi, del migliore dei film dei fratelli Taviani ed è un film che meriterebbe la corsa agli Oscar.  l film ci racconta la guerra, l’orrore di un esercito occupante (in questo caso nazista), ma anche la fame contadina, la paura dei bimbi e degli adulti per una violenza incomprensibile e incontrollata; ci racconta di facce pulite e giovani che prive di coscienza e di moralità si possono macchiare di crimini innominabili con la stessa leggerezza di un branco sbandato ma in divisa.  Questo modo di raccontare un “piccolo” fatto di cronaca di guerra lo hanno provato a fare in tanti, in pochi riuscendoci veramente, i fratelli Taviani e Montaldo in Italia e Malick, Fuller, Eastwood negli Stati Uniti, Kon Ichikawa e Tanovic per citarne altri. [+]

[+] lascia un commento a domenico a »
d'accordo?
micetto domenica 9 gennaio 2011
un gran pugno nello stomaco! Valutazione 4 stelle su cinque
100%
No
0%

Dopo "il vento fa il suo giro", ero curioso di vedere se Diritti era in grado di riconfermarsi. La conferma l'ho avuta, eccome. E' un film che coglie nel segno, crudo, acre, violento, come sono i nazisti e le belve inferocite sanno essere. Emozionante come pochi, con una fotografia e una musica stupende, ti fa vedere la guerra con gli occhi di una bimba, divenuta muta dopo la morte del primo fratellino. Il film  gira latente attorno all'attesa del secondo, al "l'UOMO che verrà", tratteggiando con toni tenui,a volte, e molto accesi, altre, i vari momenti di vita di una fattoria, di un paese, sotto la costante minaccia dei tedeschi, ma "protetto" dai partigiani. [+]

[+] lascia un commento a micetto »
d'accordo?
dorak domenica 27 giugno 2010
il mondo dei vinti Valutazione 4 stelle su cinque
73%
No
27%


Ho visto il film come si riceve una sorpresa. Mi sono emozionata dal principio alla fine, e non solo per gli avvenimenti evocati:  la narrazione del "mondo dei "vinti",- attraverso la ricostruzione accurata e filologica degli ambienti, dei gesti, delle cose, e financo delle parole, pronunciate con gli accenti del dialetto ( e grazie alla magnifica sottotitolazione)- mi ha   suscitato una profonda commozione. Il tempo "della storia", che rende ancor più faticoso il vivere facendo i contadini come si faceva allora, è narrato come  una crudele interferenza al procedere della vita e delle stagioni nella campagna. Mai una nota retorica o agiografica. [+]

[+] lascia un commento a dorak »
d'accordo?
il cinefilo sabato 26 marzo 2011
l'uomo che verrà Valutazione 5 stelle su cinque
86%
No
14%

Il titolo del film riassume in sè l'immagine-simbolo che,indirettamente,viene posta al centro della storia:il nascituro che una delle donne porta nel grembo e che viene atteso con eccitazione anche(se non addirittura più)dalla piccola Martina:innocente protagonista di una realtà così cruda e feroce da esserle estranea fino alla fine.
Il regista Giorgio Diritti pone la bambina e il neonato al centro dell'orrendo dramma dell'eccidio di Monte Sole come rappresentazione dell'innocenza e della fanciullezza(ma c'è da supporre che un interpretazione circa l'importanza dello"sguardo"di Martina sulla violenza sia molto più difficile di quel che sembra)contrapposti alla durezza della guerra. [+]

[+] lascia un commento a il cinefilo »
d'accordo?
pagina: 1 2 3 »
L'uomo che verrà | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
Nastri d'Argento (10)
Roma Film Festival (2)
David di Donatello (21)


Articoli & News
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 | 20 | 21 | 22 | 23 |
Link esterni
Sito ufficiale
Shop
DVD
Uscita nelle sale
venerdì 22 gennaio 2010
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità