21 grammi

Acquista su Ibs.it   Soundtrack 21 grammi   Dvd 21 grammi   Blu-Ray 21 grammi  
Un film di Alejandro G. Iñárritu. Con Sean Penn, Benicio Del Toro, Naomi Watts, Clea Duvall, Danny Huston.
continua»
Titolo originale 21 Grams. Drammatico, durata 125 min. - USA 2003. - Bim Distribuzione MYMONETRO 21 grammi * * * - - valutazione media: 3,47 su -1 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   
tiziana lunedì 23 febbraio 2004
il peso del dolore Valutazione 4 stelle su cinque
87%
No
13%

“21 Gr.” giunge come un soffio pesante,sebbene sia il peso di un colibrì,ma diventa un maglio sul cuore già alle prime battute.L’unità temporale è continuamente spezzata,come le vite dei protagonisti,e la sceneggiatura è complessa quanto le loro anime;un montaggio vertiginoso,vero protagonista del film,rende a meraviglia il baratro in cui si cade ad ogni stacco.E’ impossibile non ascrivere ad Inàrritu il merito di aver girato un film tecnicamente bellissimo, e – al di là della narrazione, che all'inizio risulta decisamente spiazzante per lo spettatore–fotograficamente azzeccata;infatti le luci e i colori aiutano ad orientarsi negli spazi temporali,e perfino di prospettiva dei protagonisti.Giunti al termine del dedalo interiore,ginepraio di dolore e di resa,ecco una profonda svolta:la necessità di aggrapparsi a una mistica personale per salvarsi. [+]

[+] lascia un commento a tiziana »
d'accordo?
lordrest venerdì 12 febbraio 2010
lo strapotere del fato Valutazione 4 stelle su cinque
78%
No
23%

Inarritu con la complicità di Sean Penn e Benicio Del Toro costruisce magistralmente un altro film sulla morte, in cui il fato decide in modo onnipotente e onnipresente il destino dei protagonisti, slegate vite che si incontrano in modo perfetto, e sembrerebbe completamente casuale, vanno a creare un intreccio di incredibile fattura e carica drammatica. La carica drammatica, si basa sul peso di 21 grammi, il peso della morte, il peso dell'anima, che come dice Sean Penn "Tutti perdiamo al momento della morte", è questo peso insignificante far bucare lo schermo a questa pellicola, che arriva dritta al cuore. E' proprio Penn che fà da chiave di volta in questo film, dove una ex tossicodipendente (Naomi Watts), un bandito redento, ora integralista religioso (Benicio Del Toro) e un geniale matematico malato, e ormai prossimo alla morte (Sean Penn) si incontrano in modo, almeno apparentemente, completamente casuale. [+]

[+] lo strapotere del fato....o delle coincidenze (di strobix)
[+] coincidenza (di molenga)
[+] lascia un commento a lordrest »
d'accordo?
pep82 lunedì 26 maggio 2008
un atto di fede senza luce Valutazione 4 stelle su cinque
79%
No
21%

Tre vite che scorrono e che si intersecano sul filo di lana che, una volta spezzato, le precipita in una follia direi "religiosa", ad un passo dal mistero della morte. Ventuno sono i grammi che il corpo rilascia quando cessa di vivere, ma quanto c'è in quei ventuno grammi, quanto va perduto... Inarritu ci coinvolge nel suo "atto di fede" senza luce ma insieme colmo di speranza, grazie anche al montaggio "roteante" il quale ci appassiona alle vicende che altrimenti sarebbero potute risultare pesanti. La fotografia, come il resto del film, ha le tinte cupe e sfocate dell'autunno, le note di Santaolalla sembrano piangere di una gioia malinconica che rimbomba nei timpani, e in tutti i dialoghi si coglie un dolce grido d'aiuto da parte dei vari personaggi. [+]

[+] lascia un commento a pep82 »
d'accordo?
toty bottalla mercoledì 28 luglio 2010
puzzle impegnativo Valutazione 4 stelle su cinque
81%
No
19%

E' uno di quei film di cui non puoi perdere nemmeno un fotogramma, un puzzle impegnativo, si, per spettatori quantomeno attenti e appassionati, quelli che non vanno al cinema per ridere di battute stupide masticando pop corn. La storia, l'argomento, sono roba seria, affidati sapientemente a grandi attori e a un ottomo regista che combacia l'esigenza del racconto alla credibilità dello stesso. 

[+] lascia un commento a toty bottalla »
d'accordo?
alex41 sabato 18 giugno 2011
21 grammi di assolute emozioni Valutazione 5 stelle su cinque
85%
No
15%

Non ci sono parole per descrivere questa intensa opera d'arte realizzata dal regista messicano di "Amores Perros". Con questa pellicola, il regista si è superato creando un film che racconta di tre episodi raccontati con molta delicatezza ma con una intensità mozzafiato: la presenza in più scene della macchina a mano e il montaggio di scene alternate del film permette allo spettatore soprattutto di prestare più occhio al film stesso rimandendo col fiato sospeso fino alla fine dove sono obbligatori applausi. Commovente come pochi, mostra soprattutto la presenza di tre straordinari attori che hanno dato il meglio di loro, specialmente Naomi Watts, e bravissimi Sean Penn, un ruolo intenso e soprattutto molto convincente, e Benicio Del Toro reduce di un Oscar da poco in un ruolo che non poteva mancare nella sua filmografia e che col tempo è riuscito a migliorare in una maniera paurosa. [+]

[+] lascia un commento a alex41 »
d'accordo?
filippo catani giovedì 14 luglio 2011
l'incrocio della disperazione Valutazione 4 stelle su cinque
73%
No
27%

Tre famiglie che nulla hanno a che fare tra di loro, si ritrovano a dover fronteggiare un incastro terrificante. Un ex galeotto che cerca di ricominciare da capo investe due bimbe ed il loro padre. Il cuore del padre verrà donato ad un professore universitario in attesa di trapianto che si trova a fronteggiare la richiesta della compagna di avere un figlio. Il professore, dopo essere riuscito a scoprire l'identità del suo donatore, si metterà in contatto con la giovane vedova.
Un bellissimo e tristissimo film "a incastro". Il titolo del film dice già tutto; 21 grammi è il peso che si perde al momento stesso in cui si muore. Viene messo in scena un vero e proprio dramma della disperazione dove rabbia, gioia, speranza e vendetta vengono frullati tutti insieme ma il risultato è tutt'altro che piacevole. [+]

[+] lascia un commento a filippo catani »
d'accordo?
samanta mercoledì 2 gennaio 2019
coincidenza o provvidenza Valutazione 4 stelle su cinque
100%
No
0%

Il film rivelò in pieno le tematiche del regista e sceneggiatore messicano Alejandro Inàrritu che in seguito confermò il suo talento nei suoi successivi film come Babel, Birdman e Revenant che ebbero molteplici riconoscimenti (tra l'altro: l'Oscar 2015 per la regia di Birdman e gli Oscar 2016 per la regia e la sceneggiatura di Revenant). E' un film violentemente drammatico che però lascia spazio anche a sentimenti delicati, il titolo è dato dal peso che l'uomo perde quando muore: il peso dell'anima.
I protagonisti sono tre: Jack Jordan (Benicio del Toro) è un ex criminale detenuto in prigione che uscito dal carcere diventa un fondamentalista protestante e come può succedere a ogni neofita sbanda nel fanatismo, creando problemi con la famiglia e con la parrocchia; Paul Rivers (Sean Penn), è un professore universitario con gravi problemi al cuore ed in attesa di trapianto, la ex moglie Mary torna per assisterlo, ma avendo abortito appena sposati ora vuole un figlio da lui con l'inseminazione artificiale; infine Cristina (Naomi Watts) vive felice con il marito Michael e le due figlie, ma nasconde nel suo animo un passato di alcool e droga. [+]

[+] lascia un commento a samanta »
d'accordo?
tizianastanzani giovedì 13 gennaio 2011
il peso del dolore Valutazione 0 stelle su cinque
67%
No
33%

"21 Grammi”giunge come un soffio pesante, sebbene sia il peso di un nichelino, di un colibrì, di una barretta di cioccolato, ma diventa un macigno sul cuore già alle prime inquadrature. L’unità temporale è continuamente spezzata, come le vite dei protagonisti, e la sceneggiatura è complessa quanto le loro anime; un montaggio vertiginoso, vero protagonista del film, rende a meraviglia il baratro in cui si cade ad ogni stacco. E’ impossibile non ascrivere ad Inàrritu il merito di aver girato una pellicola tecnicamente bellissima, e – al di là della narrazione, che all'inizio risulta decisamente spiazzante per lo spettatore – fotograficamente azzeccata; infatti le luci e i colori aiutano ad orientarsi nei vari spazi temporali, e perfino di prospettiva dei protagonisti. [+]

[+] lascia un commento a tizianastanzani »
d'accordo?
norman_joker lunedì 12 novembre 2012
il peso dell'anima Valutazione 4 stelle su cinque
60%
No
40%

“Questa è la sala d’attesa della morte”: sono queste le parole con cui si apre 21 grammi, pellicola diretta dal messicano Alejandro Gonzàles Inàrritu. Ed in effetti si ha la sensazione, per tutta la durata del film, di vivere nell’anticamera, sull’orlo dell’abisso dei protagonisti. L’impronta nostalgica consente allo spettatore di vivere il film in uno stato di attesa che si risolve soltanto nelle fasi finali. La vicenda ruota attorno a tre drammi che conducono alla ricerca del senso della vita e della riappropriazione della propria identità. L’unità temporale è spezzata, il montaggio è attuato in maniera tale da ricreare lo stesso stato confusionale dei personaggi e per alleggerire l’intensità che deriva da un mix di tematiche che si intersecano in un intreccio dalla incredibile carica drammatica. [+]

[+] lascia un commento a norman_joker »
d'accordo?
rmarci 05 mercoledì 1 maggio 2019
una storia poco originale per un film emozionante Valutazione 3 stelle su cinque
100%
No
0%

Al suo secondo film, il primo prodotto a Hollywood, il talentuoso regista Alejandro G. Inàrritu traspone sullo schermo l'intricata sceneggiatura di G. Arriaga, dalla complessità tematica molto ambiziosa, forse troppo: tra i principali temi trattati ci sono la Provvidenza Divina e la Fede, nonché la perdita di quest'ultima a causa di un presunto tradimento di Dio verso il personaggio di Benicio Del Toro, un individuo inizialmente devoto al Signore, tormentato ed ossessionato dai suoi peccati, ed interpretato con meravigliosa rassegnazione dall'attore spagnolo. La tematica portante del film però non è la religione, ma la morte, unico vero filo conduttore di un racconto poco originale al livello tematico ma incredibilmente potente ed efficace dal punto di vista narrativo, grazie alla splendida fotografia, che segue, attraverso la ripresa a spalla, le tragiche vicende dei tre protagonisti, tutti e tre personaggi che hanno paura della morte ma in continua lotta contro le disgrazie della loro vita, arrivando a domandarsi se sia meglio continuare a vivere o finire la propria esistenza. [+]

[+] lascia un commento a rmarci 05 »
d'accordo?
pagina: 1 2 »
21 grammi | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
Pubblico (per gradimento)
  1° | tiziana
  2° | lordrest
  3° | toty bottalla
  4° | pep82
  5° | alex41
  6° | filippo catani
  7° | samanta
  8° | rmarci 05
  9° | tizianastanzani
10° | norman_joker
11° | enzo70
12° | oscar15781
Rassegna stampa
Luca Barnabé
Mauro Gervasini
Festival di Venezia (1)
SAG Awards (2)
Premio Oscar (2)


Articoli & News
Poster e locandine
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 |
Immagini
1 | 2 |
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2023 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità