Amnèsia

Acquista su Ibs.it   Dvd Amnèsia  
Un film di Gabriele Salvatores. Con Diego Abatantuono, Sergio Rubini, Martina Stella, Bebo Storti, Alessandra Martines.
continua»
Commedia, durata 110 min. - Italia, Spagna 2002. MYMONETRO Amnèsia * * - - - valutazione media: 2,43 su 19 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato nì!
2,43/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (n.d.)
 dizionari * * - - -
 critican.d.
 pubblico * * 1/2 - -
Diego Abatantuono
Diego Abatantuono (58 anni) 20 Maggio 1955 Interpreta Sandro
Sergio Rubini
Sergio Rubini (54 anni) 21 Dicembre 1959 Interpreta Angelino
Martina Stella
Martina Stella (29 anni) 28 Novembre 1984 Interpreta Luce
Bebo Storti
Bebo Storti (57 anni) 24 Giugno 1956 Interpreta Ernesto
Alessandra Martines
Alessandra Martines (50 anni) 19 Settembre 1963 Interpreta Virginie
Maria Jurado
Maria Jurado   Interpreta Alicia
   
   
   
Sandro è un regista di film porno a cui piomba tra capo e collo la figlia diciassettenne Luce, che non è al corrente del suo lavoro.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
Un Salvatores in lotta con i propri personaggi
Giancarlo Zappoli     * * - - -

Ibiza. Sandro è un regista di film porno a cui piomba tra capo e collo la figlia diciassettenne Luce. Lui se ne è sempre occupato poco ma, soprattutto, lei non sa qual è il lavoro paterno. Angelino gestisce un piccolo bar sulla spiaggia, smercia un po' d'erba e sogna una casa e un figlio. Quando si trova tra le mani una valigetta con quattro chili di cocaina crede di poter cambiare vita. Il commissario dell'isola ha invece un figlio in costante rotta di collisione con lui dopo la morte della madre. Le vicende dei tre uomini si intrecciano. Se c'è qualcuno che soffre di una pericolosa amnesia sembra essere proprio il regista. Chi scrive ne è stato sostenitore convinto fino a Mediterraneo che, pur con i suoi difetti, reggeva fino allo stonato finale. Già con Puerto Escondido il controllo delle operazioni sembra essere sfuggito di mano al regista in favore del primattore Abatantuono (debordante). Poi s'indirizza alla fantascienza ( Nirvana) con qualche pretesa di troppo e al grottesco dark di Denti. Ora, alla soglia dei cinquanta, Salvatores sembra dimentico del proprio passato e mescola senza passione le accelerazioni visive di Sud al vecchio Diego. Il tutto con reminiscenze messicane (alcune strade e zone aride sembrano le stesse) con l'immancabile (o quasi) droga.

Stampa in PDF

Premi e nomination Amnèsia MYmovies
il MORANDINI
Sei d'accordo con la recensione di Giancarlo Zappoli?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
27%
No
73%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
* - - - -

Un pulp senza idee

domenica 17 marzo 2002 di venierus

Che tristezza uscire dal cinema assai delusi.....Salvatores ci propone un pasticcio all'italina con vari ingredienti messi insieme senza criteri oggettivi. Un po' di Almodovar, un po' di Tarantino, un po' di cinema americano per fare spettacolo: ne risulta un prodotto finale privo di emozioni e scarso di contenuti con molti temi abbozzati e mai approfonditi. Bravissimo Rubini che svetta tra i molti attori… Abatantuono fa ormai sempre lo stesso personaggio e non se ne può più… Martina Stella, bella continua »

* * * - -

Non tutti lo possono capire

domenica 31 marzo 2002 di Claudia

Sono una ravennate prossima ai trentanni.. e vedendo il film di Salvatores posso dire di avere rivissuto i miei 19 anni.. in cui gran parte dei fine settimana giravamo artificialmente nelle discoteche di Rimini vedendo tante pasticche e molto mercato del sesso.. e tanti di noi finivano la vacanza estiva a Ibiza all'insegna della trasgressione che ormai era diventata abituale. Molti "figli di papà".. e molti papà che volevano mantenere l'immagine giovane dei figli scrollandosi le problematiche familiari continua »

* * * * -

Paghi uno, prendi due!

venerdì 5 aprile 2002 di France

sembra definitivamente perduto il Salvatores di Mediterraneo, ma non è detto che ciò che non ci aspettiamo sia necessariamento peggiore di quello che avremmo voluto. Primo tempo forse banale ma divertente, secondo con un ritmo ed un montaggio degni del miglior Tarantino: magari non è quello che cerchiamo in un film di Salvatores, ma è senz'altro un gran film! continua »

* * * - -

Divertente e... ben fatto

giovedì 4 aprile 2002 di Anguria

Credevo che dopo Nirvana per Salvatores fosse iniziata una parabola discendente. Amnèsia è una pellicola veramente godibile, l'intreccio della storia è rappresentato secondo 2 diversi punti di vista, presentati sequenzialmente. C'è il finale felice, si ride a qualche battuta leggerina ma soprattutto c'è approfondimento psicologico dei personaggi; che volenti o nolenti, rappresentano molto la tipologia dell'odierno italiano. Un film di qualità e anche potenzialmente di cassetta, non continua »

Diego Abatantuono, regista di film porno, deve occultare alla figlia 18enne la natura del proprio lavoro, nascondendo dalla propria casa gli “attrezzi del mestiere”. La segretaria Antonia San Juan lo aiuta e gli fa una domanda
Devo togliere anche questo, Sandro?
BÈ, sì. Il Kamasutra non è cosa per una ragazzina.
Ma… ma in India è un testo sacro.
In India sì, ma a Firenze, dove studia mia figlia, sono solo due che trombano!.
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Jorge (Rubén Ochandiano)
Cos e' successo?
E' un funerale; quello che doveva succedere è successo prima.
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Le bimbe romantiche? Sono rare come i funghetti magici ma più pericolose.
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Altre frasi celebri del film Amnèsia oppure Aggiungi una frase
Shop

DVD | Amnèsia

Uscita in DVD

Disponibile on line da venerdì 25 gennaio 2013

Cover Dvd Amnèsia A partire da venerdì 25 gennaio 2013 è disponibile on line e in tutti i negozi il dvd Amnèsia di Gabriele Salvatores con Diego Abatantuono, Sergio Rubini, Martina Stella, Bebo Storti. Distribuito da Warner Home Video. Su internet Amnesia (DVD) è acquistabile direttamente on-line su IBS.

Prezzo: 9,99 €
Aquista on line il dvd del film Amnèsia

di Alberto Crespi L'Unità

Amnèsia è tre film in uno. Il primo è la storia di un italiano imboscato in quel di Ibiza che diventa per caso i proprietario di una valigia di cocaina: non sarebbe il suo mestiere (in fondo è un buon diavolo), ma tenta di spacciarla per svoltare un'esistenza grama. Il secondo ha come protagonista un regista di film porno (ma acculturato; "ho sempre girato in pellicola", dice) che un bel giorno si vede arrivare fra capo e collo la figlia minorenne che non lo vede da anni e gli vuole parlare di una cosa seria. »

di Paolo Boschi Scanner

I temi della fuga e del rifiuto alle convenzioni borghesi sono sempre stati componenti primarie della filmografia di Gabriele Salvatores, non fa eccezione Amnèsia, che intreccia le storie di tre atipiche famiglie residenti nell'isola di Ibiza. Il plot, ambientato ai giorni nostri, è incentrato appunto sulle vicende dei personaggi del variegato cast, che s'intrecciano, talora s'incrociano o certe volte si sfiorano appena, più o meno come accadeva in Traffic di Steven Sodenbergh: il Leitmotiv di Amnèsia, come in Ronin di John Frankenheimer, è una valigetta dal contenuto non misterioso ma sicuramente scottante e prezioso, in grado di cambiare una vita in meglio come pure di causare rischiosi inconvenienti. »

di Lietta Tornabuoni La Stampa

A Ibiza una famiglia è così: il padre Diego Abatantuono fa il regista di film pornografici, la figlia diciassettenne Martina Stella è incinta (non sa di chi, comunque è decisa ad avere il bambino). Un´altra famiglia è così: il padre Juango Puigcorbé fa il capo della polizia locale, uomo d´ordine, vedovo gay amante d´un ragazzo biondo, il figlio Ruben Ochandiano è un ribelle iroso brutale che lo ricatta e lo sfrutta. Tra spiagge, sole, discoteche come inferni ( Amnèsia è la più famosa), strade deserte, abita gente dalla vita spericolata: Sergio Rubini che trova una valigetta con quattro chili di eroina purissima e pretende di sottrarla a torvi commercianti di droga,un hippy sessantenne fanatico di motociclette, la padrona d´un ristorante che aspetta il suo uomo carcerato, i pornoattori, i neri addobbati di colori, i musicisti. »

di Roberto Nepoti La Repubblica

Si direbbe che, da un po' di anni a questa parte, Gabriele Salvatores stia aspettando di fare il "suo" film. Frattanto ha diretto Nirvana, Denti e ora Amnèsia. Che sono buoni film, però imperfetti, come frenati non si sa da che: misti di scene riuscite, di ottime intuizioni e di altre cose che sembrano rimaste impigliate nella macchina da presa. In Amnèsia si ritrova il gusto di Salvatores per l'altrove, per le terre di nessuno dove gli avvenimenti trasgrediscono le regole dell'esperienza comune e fanno "crescere" i personaggi. »

Amnèsia | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
Link esterni
Sito ufficiale
Shop
DVD
Prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2014 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità