Al di lÓ delle montagne

Acquista su Ibs.it   Dvd Al di lÓ delle montagne   Blu-Ray Al di lÓ delle montagne  
Un film di Jia Zhangke. Con Zhao Tao, Zhang Yi, Jing Dong Liang, Zijian Dong, Sylvia Chang.
continua»
Titolo originale Shan He Gu Ren. Drammatico, durata 131 min. - Cina, Francia, Giappone 2015. - Cinema uscita giovedý 5 maggio 2016. MYMONETRO Al di lÓ delle montagne * * * 1/2 - valutazione media: 3,80 su 24 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   
jack beauregard lunedý 16 maggio 2016
perplesso Valutazione 1 stelle su cinque
58%
No
42%

Leggo recensioni entusiastiche di questo film, a destra e manca, con riferimenti alle opere precedenti del regista, che purtroppo (o per fortuna) non ho avuto l'occasione di vedere. Premesso questo, devo dire che il film mi ha lasciato abbastanza sconcertato. Innanzitutto ho trovato assolutamente incomprensibile il cambio di formato cinematografico tra epoche, tutto sommato, abbastanza vicine tra loro 1999, 2014 e un ipotetico 2025. I tre periodi non sono oltretutto particolarmente caratterizzati esteticamente (il paesaggio cinese relativo Ŕ pressochÚ identico tra 99 e 14 e, pure nel finale, nel 25), perdendo l'opportunitÓ, strettamente cinematografica, di mostrare il cambiamento. Altrettanto inspiegabile la presenza di alcune sequenze, specialmente nella prima parte, completamente sfuocate, o con colori lividi e sbiaditi, oppure sgranate. [+]

[+] "freddo minestrone." (di giurg 63)
[+] pi¨ che perplesso, oppresso (di giuliog02)
[+] lascia un commento a jack beauregard »
d'accordo?
dinoroar venerdý 6 maggio 2016
sensazione di ... Valutazione 4 stelle su cinque
55%
No
45%

Inutile dilungarsi sulla storia, anzi, sulle storie che si intrecciano, si lasciano per poi reincontrarsi e perdersi per sempre in questo tempo di immensi cambiamenti. Chi Ŕ stato in Cina si ritroverÓ nel racconto delle pesanti contraddizioni di questo Paese sconfinato in bilico, mai come adesso, tra la modernizzazione a tutti i costi e conservazione di preziose tradizioni culturali. La cronologia Ŕ scandita in modo magistrale e alla fine del film rimane una sensazione di stanchezza, come se avessimo noi stessi percorso quel cammino temporale, e per la mole di input che riceve lo spettatore che necessitano di tempo per essere rielaborate. Alla fine del film si Ŕ "fatto il pieno" di cose sulle quali riflettere e ricercare. [+]

[+] meglio la cina capitalista (di misesjunior)
[+] lascia un commento a dinoroar »
d'accordo?
enrico danelli sabato 4 giugno 2016
omogeneizzato culturale Valutazione 4 stelle su cinque
60%
No
40%

Ottimo film non tanto per la fattura (recitazioni quasi teatrali, dialoghi un po' scontati, qualche scollatura temporale), ma per il significato: come "La canzone perduta" di Mintas, il tema è esclusivamente la perdita di identità che tutto il mondo sta vivendo di fronte all'omogeneizzazione culturale imposta dall'occidente (leggasi nordamerica) a suon di miliardi. I tre personaggi e il figlio Dollar riassumono in diverse gradazioni questo processo: chi consapevolmente lo abbraccia entusiasticamente, chi lo rifiuta, chi lo subisce senza neppure averlo consapevolmente scelto (il figlio Dollar): Tutti ne escono perdenti. L'unica è Thao che sembra in grado di conciliare le tradizioni cinesi con il nuovo che avanza. [+]

[+] lascia un commento a enrico danelli »
d'accordo?
raffele lunedý 1 agosto 2016
radici ... Valutazione 3 stelle su cinque
0%
No
0%

efficace come una lama dal taglio lento, che si compiace nell'indurre una sofferenza oscura, disperante. In tanti di noi il boom economico e lo spostamento in cittÓ dei nostri genitori caus˛ perdita di valori schietti, un benessere che era meno sano della lotta per la sopravvivenza dei nostri nonni nelle campagne, un annacquamento di altri valori e scopi, e confusione, incertezza, in ci˛ che vogliamo o respingiamo. Ma d'estate si tornava dai nonni, si respirava quel piccolo mondo antico di sapori veraci. La Cina cosiddetta emergente ha prodotto probabilmente fratture pi¨ traumatiche: nasci da un'altra parte del mondo, tuo padre ha i tratti come i tuoi ma parlate lingue diverse, sei uno di loro, dei tuoi amici, parli la loro lingua ma . [+]

[+] lascia un commento a raffele »
d'accordo?
vanessa zarastro lunedý 23 maggio 2016
l'america Ŕ vicina? Valutazione 4 stelle su cinque
50%
No
50%

“Al di là delle montagne” è un film impegnativo e ambizioso che vuole fare riflettere sui cambiamenti sociali in Cina (ma non solo) nel presente millennio e sulla sua progressiva occidentalizzazione. Il film abbraccia un quarto di secolo in tre scenari sottolineati anche da un formato diverso - dal quasi quadrato al cinemascope – e che vanno dal 1999, passano per il 2014 e arrivano al 2025. Siamo nel meno noto nord della Cina e Fenyang è una piccola città di provincia nelloShanxi – che letteralmente vuole dire “a ovest delle montagne”.
La prima parte narra la storia di tre amici: Tao, giovane carina e vitale, Lianzi un operaio gentile e sensibile e Zhang di origini borghesi molto attaccato ai soldi. [+]

[+] lascia un commento a vanessa zarastro »
d'accordo?
jack beauregard martedý 17 maggio 2016
i conti non tornano Valutazione 0 stelle su cinque
50%
No
50%

Non mi torna. Il padre di lei muore nel 2014, dopo che è apparso il titolo del film ed è cambiato il formato. In teoria il ragazzo dovrebbe avere 14-15 anni, ma poi quando lo si vede scendere dall'aereo si vede che è molto più piccolo. Poi arriva la conferma, nel 2025, che quando ha incontrato la madre aveva 7 anni, quindi è nato nel 2007, e nel 2025 ha 18 anni. E' vero che non ci sono date precise nè del matrimonio di Tao e Zhang, nè del momento della nascita di Dollar. Però il matrimonio (a cui non assistiamo) sembra databile nel 2000, perchè lei porta l'invito a Lianzi (che è disoccupato e decide di partire per cercare lavoro). [+]

[+] lascia un commento a jack beauregard »
d'accordo?
giuliog02 venerdý 7 ottobre 2016
opera da apprendista Valutazione 1 stelle su cinque
0%
No
100%

Un film che richiama il neorealismo italiano e francese degli anni '50, trasportato in una cultura ed in una societÓ diverse in tempi diversi. Una narrazione, particolarmente all'inizio, lenta e pesantemente didascalica, che sembra rifarsi al realismo sovietico. Un'opera ambiziosa che mette troppa carne al fuoco e che genera una sensazione di stanchezza, quasi opprimente. Gli stacchi sono micidiali e francamente disturbanti. Dove sparisce Lianzi, una delle poche figure positive, dimenticato dalla regia? Il film Ŕ ricco di metafore, i ravioli, infondo, sono una specie di DNA dell'identitÓ cinese, che Ŕ preservata dai due personaggi femminili, Tao e Mia, nella loro totale umanitÓ. Bella questa metafora, antropologica, della conservazione nel genere femminile dell'identitÓ etnica. [+]

[+] lascia un commento a giuliog02 »
d'accordo?
angelo umana mercoledý 7 settembre 2016
i guai dello sviluppo Valutazione 2 stelle su cinque
0%
No
100%

Film che non brilla per semplicitÓ o linearitÓ, si fa pesante, ricco di scene madri e frasi da ricordare. Abbraccia la vita di tre persone ľ una donna desiderata da due uomini, uno dei quali, il pi¨ ôbuonoö, rinuncia alla contesa ľ lungo 26 anni, dal 1999 fino al 2014 e poi al 2025. Forse negli ultimi 11 anni il regista immagina o mostra cosa la Cina diventa o cosa Ŕ giÓ diventata, cosa diventano gli uomini col progresso: in effetti il film Ŕ anche un viaggio tra usi strade e genti, fiumi immensi e panorami, dalla Cina rurale a quella moderna con ponti e grandi opere. Naturalmente la protagonista divorzierÓ da colui che sposa, manifestamente cattivo incolto e arrogante dalle prime scene ma destinato a far soldi (il futuro di cinesi rampanti che imitano le orme di occidentali loro simili), tanto da chiamare Dollar il figlio che nasce dai due e che sarÓ affidato al padre trasferitosi in Australia. [+]

[+] lascia un commento a angelo umana »
d'accordo?
maumauroma giovedý 12 maggio 2016
al di la delle montagne Valutazione 4 stelle su cinque
47%
No
53%

Protagonista assoluta di questa magnifica opera e' la nazione cinese con le sue tradizioni millenarie, con gli sconvolgimenti socio economici degli ultimi decenni, con il boom capitalistico che ha accentuato drammaticamente il solco tra nuovi ricchi delle grandi citta' e la povera vita delle province contadine. IL film si struttura o meglio si destruttura in tre spazi temporali tra recente passato, presente, e prossimo futuro. La giovane e bella Thao, il rampante e ambizioso Zhang, l'umile operaio Lianzi sono solo pedine che il regista Jie Zhang ki maneggia con estrema abilita' per rappresentare una Cina soggiogata dal Dio denaro, che sta inesorabilmente perdendo la sua identita' culturale e linguistica. [+]

[+] mi sembra di sognare! (di misesjunior)
[+] lascia un commento a maumauroma »
d'accordo?
flyanto lunedý 9 maggio 2016
tre esistenze, anzi 4, all'insegna della solitudin Valutazione 4 stelle su cinque
33%
No
67%

Già con "Still Life" (premiato al Festival di Venezia del 2006) il regista cinese Jia Zhang-Ke ha raccontato del suo paese e del suo inevitabile e veloce cambiamento nel corso degli anni. Con "Al di là delle Montagne" egli presenta di nuovo la stessa tematica, ma in una forma più poetica, attraverso le storie di tre, anzi quattro, individui nell'arco degli anni che vanno dal 1999 al 2025.
Vi sono infatti tre amici (due giovani ed una ragazza) legati da profondo e sincero affetto sin dall'infanzia, i quali nel 1999 cominciano a muovere i primi passi nel mondo del lavoro: uno lavora presso una miniera di carbone, l'altro, si è laureato in Giurisprudenza e, avendo il senso degli affari, sogna e si adopera in ogni modo al fine di diventare molto ricco, e la giovane donna, che lavora nel negozio di elettrodomestici del padre e con la passione per il canto, è contesa, affettivamente parlando, tra i due. [+]

[+] lascia un commento a flyanto »
d'accordo?
pagina: 1 2 »
Al di lÓ delle montagne | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Marzia Gandolfi
Pubblico (per gradimento)
  1░ | jack beauregard
  2░ | dinoroar
  3░ | enrico danelli
  4░ | vanessa zarastro
  5░ | jack beauregard
  6░ | raffele
  7░ | giuliog02
  8░ | angelo umana
  9░ | maumauroma
10░ | flyanto
11░ | robert eroica
12░ | no_data
Rassegna stampa
Claudio Trionfera
Asian Film Awards (5)


Articoli & News
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 |
Link esterni
Shop
DVD
Uscita nelle sale
giovedý 5 maggio 2016
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
venerdý 15 gennaio
Disincanto - Stagione 3
venerdý 1 gennaio
Cobra Kai - Stagione 3
giovedý 31 dicembre
Sanpa: luci e tenebre di San Patri...
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità