Il grinta

Acquista su Ibs.it   Soundtrack Il grinta   Dvd Il grinta   Blu-Ray Il grinta  
Un film di Ethan Coen, Joel Coen. Con Jeff Bridges, Matt Damon, Josh Brolin, Hailee Steinfeld, Barry Pepper.
continua»
Titolo originale True Grit. Western, Ratings: Kids+16, durata 110 min. - USA 2010. - Universal Pictures uscita venerdì 18 febbraio 2011. MYMONETRO Il grinta * * * 1/2 - valutazione media: 3,80 su 174 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   

il regista a due teste ed i suoi depistaggi Valutazione 4 stelle su cinque

di pepito1948


Feedback: 13952 | altri commenti e recensioni di pepito1948
giovedì 24 febbraio 2011


IL GRINTA dei fratelli Cohen
 
Dopo 42 anni da Il Grinta di Henry Hathaway con il mitico John Wayne, arriva nelle nostre sale l’ultima fatica dei fratelli Cohen, con lo stesso titolo e tratto dallo stesso romanzo. Il “regista con due teste”, come qualcuno li ha chiamati, in una recente intervista respinge la connotazione di “remake” del film con Wayne, ed afferma di non aver voluto girare un western alla John Ford ma di essersi ispirato direttamente alla storia del romanzo di Portis .
C’è sicuramente molto western nel nuovo Grinta dei Cohen, almeno quanto a cornice, ambientazione, moventi, paesaggi, personaggi fissi, duelli. Analizziamo meglio. Nel western classico in linea generale tutto nasce dalla Vendetta, che è il motore propulsivo e motivazionale della vicenda che tende alla punizione del colpevole ed a cui i personaggi sono legati, come perseguitori o resistenti. La lotta tra queste due categorie di “attori” genera conflitto, e, visti gli strumenti usati per risolverlo, il prezzo è la soccombenza dei meno forti o dei perdenti. La legge impera e quindi gli schieramenti sono conseguenziali al suo rispetto o alla sua violazione; sceriffi e banditi, cacciatori e prede, inseguitori ed inseguiti, oltre ad una folla di spettatori che assistono passivamente o si trovano coinvolti nelle gesta degli uni e degli altri. La pistola o il fucile sono i mezzi sbrigativi di persuasione o di resistenza, in un mondo in cui il dialogo e la dialettica hanno scarsa presa sui contendenti. L’ambiente è quello dei villaggi polverosi e sperduti tra vaste distese selvagge dell’America di fine ‘800. L’epopea del lontano Ovest è essenzialmente uomocentrica, la presenza femminile è irrilevante o funzionale alle imprese degli uomini. I massimi rappresentanti delle due fazioni (pro o contro la legge) sono ben delineati, e chi prevale nello scontro finale trionfa e sopravvive.
Naturalmente dai Cohen non ci si aspetta che i fondamentali del genere classico siano rispettati. Tutt’altro; i nostri sono abili manipolatori dei generi storicamente codificati, e ne cambiano le regole spiazzando continuamente lo spettatore. Sicchè, mentre Non è un Paese per vecchi è nella sostanza un western ambientato in una cittadina americana ai giorni nostri, il nostro Grinta è una storia di  uomini e donne coinvolti in un unico disegno e delle loro interazioni, di valori, di incontri e scontri, che vengono innestati in una cornice da Far West con i suoi tipici ingredienti come impiccati, sparatorie, speroni, cavalcate, ecc.
Dunque, prima variante: il film inizia e finisce, in un’ottica di circolarità narrativa, con una donna, che è la vera protagonista, colei che avvia il progetto di vendetta predisponendo le condizioni migliori per darvi attuazione. E’ lei che, appena 14enne, per sistemare preliminarmente alcune questioni in sospeso, contratta alla pari con un  un furbacchione che aveva fatto affari con il padre, con cui ingaggia un lungo duello a distanza ravvicinata e verbale di mosse e contromosse, in cui si dimostra all’altezza dell’interlocutore nel conquistare il massimo vantaggio possibile (qui forse s’intravede una sottile autoironia dei registi nel ricordare la propria origine ebraica). E’ lei che assolda il vendicatore, si allea ad un Ranger federale interessato alla stessa preda, accompagna i due uomini di legge fino alla resa dei conti, che ricompare dopo anni per rivivere il ricordo di quella vicenda davanti a ciò che resta del suo salvatore.
Il vendicatore prescelto è un attempato sceriffo orbo di un occhio, appesantito dagli anni e dall’alcool, sepolto sotto i panni corposi ed ingombranti che affievoliscano il senso di freddo, indurito da una vita spigolosa e sempre attratto dall’odore dei soldi, ma ancora sensibile alle richieste di giustizia, oltre che ammantato dalla fama di grande pistolero. Cogburn è recalcitrante, burbero, poi conciliante ed infine accondiscende al progetto di una ragazzina che ha dimostrato di essere ai suoi occhi un “vero uomo”. Non è l’uomo tutto d’un pezzo con il fazzoletto rosso al collo di John Wayne, ma l’anziano sceriffo che ha perso per strada qualche pezzo e la sicurezza giovanile, conservando tuttavia i tratti valoriali della scelta di campo a suo tempo effettuata e mantenuta.
L’assassino ricercato verso cui converge la ricerca e l’attenzione di noi spettatori, è in realtà un imbecille che , grazie ad un incontro casuale, presto esce di scena. Inaspettatamente la preda cambia volto ed il duello finale si trasforma in singolar tenzone dove i contendenti, pistole in resta, si lanciano al galoppo sfidandosi all’ultimo sangue.
Tutto si svolge in Arkansas –che è ad Est, non ad Ovest- in ambientazioni fredde, nevose, in distese che non hanno nulla a che vedere con i territori desertici e piatti contrassegnati da cactus e torri rocciose a picco, tipici  scenari in cui si muovevano i “cow boys” tradizionali.
Pertanto i continui depistaggi , i personaggi fuori schema, i movimenti imprevedibili delle pedine in campo rendono costantemente viva l’attenzione verso una vicenda in cui ha poco spazio l’azione e prevale il dialogo, la dinamica tra i tre partecipanti alla caccia, fatta di alleanze, separazioni, scontri, solidarietà. Un film che svela citazioni importanti (mi vengono in mente Uomini e cobra o un certo Spielberg ossessionato dalla presenza minacciosa dei serpenti), accuratissimo, come sempre, nella confezione e preziosità delle immagini: memorabile l’affannosa corsa notturna sul cavallo nero il cui sudore brilla nel vago chiarore della sabbia illuminata dal cielo stellato.
Jeff Bridges, molto maturato negli ultimi anni, ritorna nel circo Cohen con un’interpretazione di alto spessore ed intelligentemente contenuta (in un ruolo che, visto il personaggio, si presterebbe facilmente ad eccessi istrionici), mentre Matt Damon, trasformato dal truccatore da Big Jim, come qualcuno l’ha definito, ad uomo del West, mi sembra fuori parte:ma forse questo rientra nelle depistanti atipicità che i fratelli registi tanto amano.
Resta l’impressione comunque che il nuovo Grinta non raggiunga la vetta artistica di altri film dei Cohen e, quanto alle numerose candidature agli Oscar, non credo regga il confronto con il diretto concorrente: Il discorso del Re e Colin Firth sono ben altra cosa, anche se dai Signori di Hollywood c’è da aspettarsi di tutto.
CLAUDIO

[+] lascia un commento a pepito1948 »
Sei d'accordo con la recensione di pepito1948?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
44%
No
56%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico

Ultimi commenti e recensioni di pepito1948:

Vedi tutti i commenti di pepito1948 »
Il grinta | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
Pubblico (per gradimento)
  1° | writer58
  2° | jacopo b98
  3° | nick simon
  4° | lisa casotti
  5° | joker79
  6° | marv89
  7° | riccardo t.
  8° | mariangela sansone
  9° | fabiooo12
10° | massimo49
11° | nicolas bilchi
12° | club dei cuori solitari
13° | frapasce
14° | dano25
15° | nigel mansell
16° | romeo79
17° | reiver
18° | paolo bisi
19° | claudiofedele93
20° | ams80
21° | pensionoman
22° | kevin de blasio
23° | hidalgo
24° | giacomogabrielli
25° | alexpark
26° | sandro roy
27° | laulilla
28° | artnico
29° | williamd
30° | cenox
31° | renato c.
32° | fabio1957
33° | nino pell.
34° | maxseven
35° | pinodeluca
36° | andaland
37° | ultimoboyscout
38° | pepito1948
39° | edward teach
40° | erre
41° | brian77
42° | olgadik
43° | lady libro
44° | gianmarco.diroma
45° | salvix
46° | claudio30
47° | algernon
48° | annalisa80
49° | livingrloving
50° | marcot
51° | renato volpone
52° | hollyver07
53° | davide_chiappetta
54° | dario
55° | intothewild4ever
56° | spike
57° | fabio6
58° | wtarantino
59° | edward teach
60° | john fast
61° | carmineantonellovillani
62° | giuliacanova
63° | matauitatau
64° | olinad
65° | alabama87
66° | andre89lost
67° | spider84
68° | iattadrug
69° | dado1987
70° | bhafh
Rassegna stampa
David Denby
Premio Oscar (14)
BAFTA (14)


Articoli & News
Poster e locandine
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 |
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 | 20 | 21 | 22 | 23 | 24 | 25 | 26 | 27 | 28 | 29 | 30 | 31 | 32 | 33 | 34 | 35 | 36 | 37 |
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità