La masseria delle allodole

Acquista su Ibs.it   Soundtrack La masseria delle allodole   Dvd La masseria delle allodole   Blu-Ray La masseria delle allodole  
Un film di Paolo Taviani, Vittorio Taviani. Con Paz Vega, Moritz Bleibtreu, Alessandro Preziosi, Angela Molina, Mohammad Bakri.
continua»
Drammatico, durata 122 min. - Italia, Bulgaria, Francia, Spagna 2007. - 01 Distribution uscita venerdì 23 marzo 2007. MYMONETRO La masseria delle allodole * * * - - valutazione media: 3,00 su -1 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   

DOLORE E MORTE DI UN POPOLO Valutazione 4 stelle su cinque

di Luigi Chierico


Feedback: 36961 | altri commenti e recensioni di Luigi Chierico
sabato 25 giugno 2016

I fratelli Paolo e Vittorio Taviani, sfogliando le pagine dello straordinario libro “La masseria delle allodole” della scrittrice Antonia Arsalam,hanno voluto aprire una pagina sull’antica storia del popolo Armeno che si far risalire ad un figlio di Noè.Tralasciando il lungo passato ci leggono l’ultimo capitolo, l’epilogo della sua storia. Ci offrono uno spettacolo completo, una storia vera ma penosa di cui si è macchiata l’umanità prima dell’olocausto del popolo ebraico. Due popoli, l’armeno e l’ebraico, da un passato glorioso, che hanno lasciato un segno indelebile al mondo civile, perseguitati e massacrati in meno di 40 anni. Sebbene la vicenda richieda di dover mostrare allo spettatore d’ogni nazione episodi di inaudita atrocità, da far rabbrividire chiunque, tuttavia il film offre lo spunto per parlare di Patria ed Amore. La masseria è un luogo molto antico, ricco di ricordi, un rifugio per le “allodole” immersa in un panorama agreste, non mancano i confronti con le belle feste e la miseria,il dolore della morte di un padre patriarca della famiglia Avakian,il pater familias,che in punto di morte ammonisce:”Fuggite,fuggite”. La guerra,la rivoluzione,l’odio,i pregiudizio travolgono tutto così come una valanga sradicando alberi,abbattendo case ed uccidendo persone fa “raso al suolo”. Ed ecco che anche l’Amore, tra i più nobili e puri dei sentimenti, viene calpestato come fosse un oggetto; un’anima viene massacrata e straziata per essere offerta in sacrificio ad un folle ideale: l’eliminazione di una “razza”. La bella, giovane e generosa, eroica Nunik tradita è la principale protagonista di questa vicenda mirabilmente interpretata da Paz Vega. Ancora oggi dopo 100 anni dagli episodi tanto bene e reali portati a conoscenza di tutti, prima dalla bravissima Antonia Arslam nel suo libro e dopo nel loro film dai fratelli Taviani, sembrano non appartenere alla storia dell’uomo. I morti disseminati dappertutto, donne e fanciulle offese, violentate, madri e mogli fatte assistere alle atrocità consumate sui propri figli e mariti di un intero popolo armeno sembrano non appartenere né a noi né al genere umano. I personaggi di questo film sono tanti e tutti ben interpretati principalmente da Paz Vega e da Mohammed Bakri che copre le vesti di Nazim,il più bravo tra gli attori a cui è stata affidata la parte del più sconvolgente ed emblematico personaggio,il mendicante turco dalla risposta sagace sempre pronta. Il film, come spesso accade, non consente immediatamente di inquadrare tutti i personaggi di una intrigata vicenda e così, contrariamente al libro, sulle cui pagine il lettore si può soffermare o torna a rileggere, nella proiezione molto sfugge. Una delle più impressionanti scene che riportano alla memoria le parole “fuggite, fuggite pronunciate in punto di morte dal capostipite della famiglia Avakian, è così descritta nel testo:”Sempad e Shushaning sono ancora in cucina. Lei è seduta,lui in piedi dietro di lei….. E così si compì il destino di Sempad.Lame balenarono,urla si alzarono,sangue scoppiò dappertutto,un fiore rosso sulla gonna di Shushaning è la testa del marito,decapitata,che le viene lanciata in grembo”. Il romanzo si chiude con una pagina bianca, il film chiude la Storia con una pagina”nera”. Meglio il film o il romanzo?, lascio al pubblico l’ardua sentenza, io consiglio entrambi:un bel scrivere non disdegna un bel vedere. chibar22@libero.it

[+] lascia un commento a luigi chierico »
Sei d'accordo con la recensione di Luigi Chierico?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
100%
No
0%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico

Ultimi commenti e recensioni di Luigi Chierico:

Vedi tutti i commenti di Luigi Chierico »
La masseria delle allodole | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
Link esterni
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità