The Libertine

Acquista su Ibs.it   Soundtrack The Libertine  
Un film di Laurence Dunmore. Con Johnny Depp, Samantha Morton, John Malkovich, Rosamund Pike, Tom Hollander.
continua»
Drammatico, durata 130 min. - Gran Bretagna 2005. uscita venerdì 10 febbraio 2006. MYMONETRO The Libertine * * * - - valutazione media: 3,08 su 84 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato sì!
3,08/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (Italia)
 dizionari * * 1/2 - -
 critica * * - - -
 pubblico * * * - -
Trailer The Libertine
Il film: The Libertine
Uscita: venerdì 10 febbraio 2006
Anno produzione: 2005
Johnny Depp fa rivivere le avventure sensuali, irriverenti e commoventi di John Wilmot, secondo Conte di Rochester, poeta scellerato e di talento che condusse la sua breve e scapestrata esistenza comportandosi come una rockstar della Restaurazione.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
Frasi a effetto ma sconnesse e vuoti di senso per un ritratto appassionante del libertino Johnny Depp
Davide Morena     * * - - -

Dal buio compare un bellissimo Johnny Depp in versione tardo secentesca ad avvisare le signore che non piacerà loro affatto e che niente farà a tal fine. E, nonostante la scarsa credibilità di tale enunciato, riuscirà perfettamente nello scopo nelle due ore del film. In tutti i sensi.
Il personaggio incarnato da Depp è John Wilmot, secondo conte di Rochester, poeta alla corte di Carlo II in Inghilterra, in un momento storico in cui il vizio e la lussuria regnano più del Re. E Wilmot di tanta decadenza è non solo compiaciuto: ne è una vera e propria incarnazione, l'uomo "alla moda" del tempo.
Il Re confida in lui e gli commissiona una commedia teatrale che delizi i diplomatici francesi. Wilmot lo ripaga con un assurdo pastiche surreal-pornografico che manda in bestia il Re. L'autore si dà alla macchia, lasciando la godereccia Londra e la giovane attrice di cui si è innamorato (se è lecito il termine). Non sarà né il re, né la moglie dal cuore infranto, né la giovane artista a prenderselo, ma la sifilide.
Chi ha mestiere ne ha messo, in questo esordio di Dunmore: Johhny Depp con la consueta dedizione, affiancato da un discreto John Malkovich (Re Carlo) e da una Samantha Morton indigesta fin dalla prima apparizione. Il contesto è una Londra, città e campagna, fumosa ed ebbra di vizio e perdizione, fotografata in tinte fosche che ricercano la luce di candela, riuscendovi ma risultando opprimente alla lunga.
Frasi a effetto ma sconnesse, dialoghi messi insieme a martellate, voragini di senso, avvelenano la materia prima fornita a Johnny Depp perché potesse costruire un personaggio laido ma attraente. L'attore c'è, ed è più affascinante del personaggio che interpreta. Il che non è un bene.

Stampa in PDF

Premi e nomination The Libertine MYmovies
The Libertine recensione dal Dizionario Fumagalli - Cotta
* * * * *

The libertine: una poesia sublime

domenica 9 luglio 2006 di stefi

Johnny Depp ha colpito un'altra volta...Geniale,superbo,sincero,amante della vita,tipico intellettuale che ha perso l'aureola.Ambientato nel XVII secolo, John Wilmot,secondo conte di Rochester è un uomo alla corte di Carlo II, un libertino, che si abbandona al sesso, al vino, ma soprattutto allo scrivere versi leggiadri, che lo fanno distaccare dal mondo di apparenze a cui appartiene.John è amato dai suoi contemporanei per il suo essere sincero,schietto,non temente il giudizio altrui, che dichiara continua »

* * * * *

Torbido capolavoro

mercoledì 23 agosto 2006 di nerofelix

I giudizi su questo film vanno dalla totale stroncatura all'esaltazione quasi incondizionata: non conoscono mezze misure. E "io non conosco mezze misure" lo dice anche John Wilmot (un Depp strepitoso, come quasi sempre) in una battuta della sceneggiatura. E se i giudizi corrispondono alla dichiarazione di fede del protagonista della pellicola, suscitando di volta in volta disprezzo ed ammirazione, mi vien da pensare che il film sia perfettamente riuscito. E difatti lo penso. A me è piaciuto davvero continua »

* * * * *

Un film da vedere e rivedere!

mercoledì 22 febbraio 2006 di Joshua

Dal buio compare un bellissimo Johnny Depp................. ed è come la luce alla fine di un tunnel: la segui, perchè non c'è altro da fare per sapere cosa c'è in fondo. La filosofia del libertinaggio diventa in questo film un'apologia della vita vissuta "contro"........... il perbenismo ed il moralismo del potere che, in nome della stabilità politica, in un'epoca di grandi agitazioni religiose, pervade ogni momento della vita sociale (per gli inglesi, soprattutto il teatro). Forse è questo il continua »

* * * * -

Non aveva alcuna intenzione di piacerci...

venerdì 28 luglio 2006 di Giulietta :o)

Non aveva alcuna intenzione di piacerci... Fortunatamente non mi è mai capitato di incontrare un individuo come il secondo conte di Rochester, eppure il fascino emanato dal personaggio (probabilmente alimentato dal carisma di Depp) sin da quel meraviglioso prologo è innegabile! L' intera storia è pervasa dal senso di malinconia, di morte, che attraversava quella metà del diciasettesimo secolo in cui l' essere umano si poteva ancora definire "antico", ma tuttavia diventava schiavo di quei vizi continua »

John Wilmot, Conte di Rochester (Johnny Depp)
Consentitemi di essere esplicito fin dall'inizio… non credo che vi piacerò… i signori proveranno invidia, e le signore disgusto, non vi piacerò affatto, non vi piacerò ora e vi piacerò ancor meno in seguito... signore, un avvertimento: io sono pronto a tutto, in qualsiasi momento... e sia merito o demerito questo ora è difficile da dire, tuttavia è certo che sono un libertino, continuerò a spassarmela e a provare ardenti passioni... non doletevene... vi arrecherebbe afflizione, traete le conclusioni stando alla distanza a cui vi terreste se stessi per mettere la lingua sotto le vostre sottane... signori, non disperate... sono pronto a tutto, si lo stesso avvertimento vale anche per voi, placate le vostre squallide erezioni perché quando avrete un amplesso vedrò di cosa sarete capaci, allora saprò se siete venuti in meno alle mie aspettative... vi auguro di fottere immaginando che la vostra amante segreta vi stia osservando di nascosto, di provare le stesse sensazioni che ho provato e che provo e chiedervi... era questo lo stesso brivido che sentiva lui!?avrà conosciuto qualcosa di più intenso!?o c'è un muro di disgrazia contro il quale tutti battiamo la testa in quel fulgido eterno momento... ?
Questo è tutto, questo il mio prologo... nessuna rima e nessun decoro, non era quello che vi aspettavate spero...
Sono John Wilmot, il secondo conte di Rochester, e non ho alcuna intenzione di piacervi.
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
John Wilmot, Conte di Rochester (Johnny Depp)
Quelli che non vi amano appartengono a due categorie: gli stupidi e gli invidiosi. Gli stupidi vi apprezzeranno fra 5 anni, gli invidiosi mai.
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
John Wilmot, Conte di Rochester (Johnny Depp)
Ho bisogno di commuovermi, non provo niente nella vita…
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Altre frasi celebri del film The Libertine oppure Aggiungi una frase
Shop

SOUNDTRACK | The Libertine

La colonna sonora del film

Disponibile on line da venerdì 30 aprile 2010

Cover CD The Libertine A partire da venerdì 30 aprile 2010 è disponibile on line e in tutti i negozi la colonna sonora del film The Libertine del regista. Laurence Dunmore Distribuita da Michael Nyman Records, il cd è composto da musiche di genere New Age e Contemporanea. Sono inoltre disponibili altre colonne sonore del film. altre versioni »

di Mariarosa Mancuso Il Foglio

Abbiamo tanto sperato che, dopo Nevermore e La fabbrica di cioccolato, Johnny Depp facessse finalmente un film per grandi, lasciando perdere i babysitteraggi più o meno ortodossi. Quando appare con i riccioloni fino alle spalle, su fondo nero, e annuncia ”non vi piacerò” (segue una sfilza di sconcezze) sembra che The Libertine possa finalmente cacciare l’attore dalla stanza dei bambini. E al tempo stesso rendere giustizia a quel debosciato del conte di Rochester. Nato John Wilmot nel 1647, era vizioso, alcolizzato, puttaniere, ma anche tanto affascinante da suggerire a Miss Charlotte Brontë il nome dell’eroe che fa innamorare Jane Eyre. »

di Alberto Castellano Il Mattino

La filosofia del libertinaggio nel Seicento-Settecento, l'apologia di una vita spericolata, l'esaltazione del sesso come veicolo di contestazione del perbenismo e del moralismo richiedono in genere - e nel cinema ancora di più - per acquistare forza significante una incisiva aderenza psicofisica e quel quid espressivo in più. Chi meglio di Johnny Depp - dopo alcuni illustri precedenti, da Le relazioni pericolose alle versioni di Casanova - poteva quindi incarnare oggi il protagonista di The Libertine? Tratto dall'opera teatrale di Stephen Jeffreys messa in scena da John Malkovich, qui presente come produttore e interprete di Re Carlo II, il film di Laurence Dunmore racconta l'ascesa e la caduta fino alla prematura morte a 33 anni del conte di Rochester. »

di Gian Luigi Rondi Il Tempo

Il «libertino» del titolo è Jonh Wilmot, secondo conte di Rochester, nato nel 1647 e dopo una vita e un’attività letteraria fonte di molti scandali, morto a 33 anni. Ci si presenta in un prologo, subito dopo i titoli, in cui, con gli occhi cerchiati e il viso spettrale di Johnny Depp, sulle orme di un testo teatrale dell’inglese Stephen Jeffreys, anche sceneggiatore del film, ci dice, guardando in platea: «Non vi piacerò. Gli uomini saranno invidiosi e le donne proveranno ribrezzo. Non vi piacerò ma soprattutto non voglio piacervi. »

di Lietta Tornabuoni L'Espresso

Non soltanto “The Libertine”: anche debosciato, lascivo, osceno, lussurioso, indecente, triviale, pervertito, laido, scurrile e ogni altro termine del genere: nel film del regista inglese debuttante Laurence Dunmore, tratto dal testo teatrale di Stephen Jeffreys presentato con successo a Londra e poi allo Steppenwolf di Chicago, il teatro di John Malkovich, il personaggio seicentesco di John Wilmot secondo conte di Rochester è talmente unidimensionale, talmente concentrato su sesso e turpiloquio, che si fa fatica a riconoscerlo. »

The Libertine | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Davide Morena
Pubblico (per gradimento)
  1° | nerofelix
  2° | stefi
  3° | giulietta :o)
  4° | joshua
  5° | libertina93
  6° | olga
  7° | ilaria grasso
  8° | des_demona
  9° | topkarol88
10° | federico pavani
11° | critico italiano
12° | andyflash77
13° | xsandara
14° | starsky
15° | michele pietragallo
16° | jago77
17° | capitan barbossa
18° | mattia
prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2016 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità