Disobedience

Acquista su Ibs.it   Dvd Disobedience   Blu-Ray Disobedience  
Un film di Sebastißn Lelio. Con Rachel Weisz, Rachel McAdams, Alessandro Nivola, Cara Horgan, Mark Stobbart.
continua»
Drammatico, Ratings: Kids+13, durata 114 min. - USA 2017. - Cinema uscita giovedý 25 ottobre 2018. MYMONETRO Disobedience * * * 1/2 - valutazione media: 3,56 su 17 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   
fausto bianchi mercoledý 21 novembre 2018
il verbo leliano nella sua massima espressione. Valutazione 2 stelle su cinque
100%
No
0%

Sebastiàn Lelio è un cineamatore che ha sempre avuto particolarmente a cuore il tema della libertà personale e, in particolare, per quanto concerne la sfera sessuale. Ciò è attestato dai suoi film precedenti, opere semi-sconosciute di fattura decisamente bassa le cui maturità si concentrano in quella che è la forma di Disobedience. Dramma del 2017 presentato in anteprima a Toronto per il quale vi è stato sicuro impegno da parte di ogni elemento messo in gioco, dietro e davanti la cinepresa, ma una tendenza a cadere vittima del gioco impervio del tempo, sia reale che della narrazione. La sceneggiatura, stesa dallo stesso Lelio, punta forte sulle interazioni dei tre personaggi principali, oltre che sulle prove dei rispettivi interpreti, portando a casa un ammirabile affresco di emozioni contrastanti. [+]

[+] lascia un commento a fausto bianchi »
d'accordo?
vanessa zarastro venerdý 9 novembre 2018
il dolore della diversitÓ Valutazione 3 stelle su cinque
100%
No
0%

Sebastian Lelio è un regista cileno che ama indagare nei sentimenti di persone in qualche modo “diverse”, per poi mettere in luce le loro sofferenze. In questo film affronta il tema delicato come la diversità sessuale, anche quella non palesemente dichiarata, in una piccola comunità ebraica di Golden Greens a Londra, in epoca contemporanea o forse di poco retrodatata. La comunità è una religiosa osservante – haredi? – e molto rispettosa delle tradizioni.
Il film “Disobedience”, presentato allo scorso Toronto International Film Festival,ètratto dall’omonimo best seller di Naomi Alderman che, appunto, è nata e cresciuta nella comunità ebraica ortodossa di Hendon, e poi ci è tornata dopo alcuni anni passati a New York. [+]

[+] lascia un commento a vanessa zarastro »
d'accordo?
silver90 giovedý 1 novembre 2018
un altro sguardo Valutazione 4 stelle su cinque
100%
No
0%

Ambientato in una comunitÓ ebraica ortodossa, il film si apre su un discorso del rabbino capo sulla differenza tra angeli (che non possono fare a meno di perseguire il bene) bestie (che seguono soltanto gli istinti) e gli esseri umani, cui invece Ŕ concesso il libero arbitrio. Questo preludio Ŕ fondamentale per introdurre la vicenda di una lenta ma progressiva educazione sentimentale, che coinvolge tre persone: Ronit donna solo apparentemente risolta, che si Ŕ allontanata dalla comunitÓ ebraica e vive a New York lavorando come fotografa, Ŕ la figlia del rabbino capo; Esti Ŕ la sua vecchia fiamma, una donna che invece ha represso la sua natura per cercare una stabilitÓ accanto a un uomo, ma a prezzo di un conflitto interno enorme; infine Dovid, cugino della prima e marito della seconda, Ŕ l'unico che non esita a offrire alle sue donne il suo ruolo all'interno della comunitÓ e la sua protezione, anche a costo di rimetterci in prima persona. [+]

[+] lascia un commento a silver90 »
d'accordo?
vera giovedý 25 ottobre 2018
un capolavoro mancato Valutazione 2 stelle su cinque
100%
No
0%

Una storia con un potenziale altissimo e due attrici eccezionali, con queste premesse era difficile giocarsi cosý male le carte.
Uno spreco. Poteva diventare una pietra miliare della categoria, un inno alla forza, alla ribellione, alla spirito di rivalsa. Invece Ŕ un film tiepido, timido, che ti trascina verso un finale che aspetti per tutto il film sperando nell'esplosione e invece si rivela cauto, triste e deludente. Lento fino alla noia per tre quarti della sua durata, e poi frettoloso e sbrigativo nel finale. Poteva, anzi doveva date le aspettative, osare decisamente di pi¨. Invece sembra trattenersi. Questa non Ŕ disobbedienza.
Fortuna che la scena di sesso si dimostra meravigliosa, e quei pochi minuti valgono la visione dell'intero film (e non fanno sentire i soldi del biglietto del tutto buttati).

[+] lascia un commento a vera »
d'accordo?
zarar domenica 11 novembre 2018
la storia c'Ŕ, manca il mordente Valutazione 3 stelle su cinque
100%
No
0%

La morte del padre rabbino porta la fotografa Ronit Krushka, che vive e lavora a New York, a Londra per i funerali, che si svolgeranno nella comunità ebraica ortodossa di cui il padre era la guida spirituale . Ci viene fatto capire subito che si tratta di un ritorno difficile , così come intuiamo a prima vista che Ronit non è l[+]

[+] lascia un commento a zarar »
d'accordo?
no_data sabato 3 novembre 2018
claustrofobico e angosciante Valutazione 4 stelle su cinque
100%
No
0%

Inizialmente fuorviante alla fine rivelatrice la scena con cui si apre il film Siamo in una sinagoga dove il Rabbino sta tenendo un sermone "Dio ha creato dapprima gli angeli poi le bestie ed infine l'uomo e la donna la differenza tra le creature risiede nel fatto gli esseri umani posseggono il Libero arbitrio esse infatti possono scegliere.." all'improvviso il Rabbino si accascia e muore Giunge da NY per partecipare ai funerali del genitore Ronit A darle ospitalitÓ un amico di infanzia Dovid che ha sposato l'amica comune Esti Presto si scopre che le due donne hanno avuto una relazione Ronit per sfuggire alla claustrofobica e mutilante comunitÓ ebraica sceglie di trasferirsi a NY mentre Esti sulla quale il giudizio moralistico non ha smesso di condizionarne l' esistenza resta a Londra e sposa Dovid Nei pochi giorni della permanenza di Ronit in attesa del funerale del rabbino si riaccende la passione tra le 2 donne che come brace covava nei loro animi svelandosi e rivelandosi per quella che Ŕ nella realtÓ un amore appassionato e profondo Scoppia lo scandalo: le 2 donne scoperte a baciarsi vengono denunziate alla comunitÓ Tutto contribuisce a farci vivere l'angoscia e la sofferenza delle giovani protagoniste :il film ha colori cupi pare non potere entrare mai in quelle abitazioni un raggio di sole regna il silenzio che ha come sottofondo le preghiere cantilenate a fior di labbra dai discepoli del rabbino L'atmofera Ŕ claustrofobica come lo sono le vite dei suoi abitanti imprigionate in un mondo severo e giudicante Le due protagoniste della storia sono marchiate nella loro natura di una grave colpa essendo omosessuali In una societÓ retriva segnata da una religione assolutista ed ortodossa ci˛ viene considerato una pervesione e la loro relazione considerata un atto contro natura Dovid il marito di Esti Ŕ chiamato dalla comunita ad essere eletto capo della sinagoga In un susseguirsi ed alternarsi di scene drammatiche nelle quali le 2 donne si amano appassionatamente e momenti di ripensamento da parte di Esti pi¨ debole e stretta nella morsa del giudizio e della colpa si svelerÓ il dramma in modo sottile e subdolo : davanti alla disperazione di Esti che lo scongiura di lasciarla libera Dovid le dice che lui le renderÓ la libertÓ. [+]

[+] lascia un commento a no_data »
d'accordo?
flyanto mercoledý 31 ottobre 2018
una relazione impossibile in un ambiente chiuso Valutazione 3 stelle su cinque
100%
No
0%

 “Disobedience”, ovvero quando si va contro ai dettami stabiliti, è l’ultima pellicola del regista argentino Sebastian Lelio che affronta il delicato e quanto mai scomodo tema di una relazione sentimentale omosessuale. Nel suddetto film, più precisamente, si tratta del legame tra due donne della comunità ebraica ortodossa londinese che ovviamente, desta scandalo e non viene assolutamente accettato da tutti i congreganti  in quanto contrario alle leggi stabilite dalla Torah.
La protagonista (Rachel Weisz) è la figlia del rabbino che, alla morte del padre, torna nella natia Londra da New York dove ora vive essendosi allontanata, ‘ripudiata’, anni prima a causa dello scandalo suscitato da una sua attrazione/relazione con un’altra giovane donna (Rachel Mc Adams)  appartenente alla Comunità. [+]

[+] lascia un commento a flyanto »
d'accordo?
mariateresa domenica 4 novembre 2018
alienazione e rinascita nella comunitÓ ebraica Valutazione 4 stelle su cinque
0%
No
0%

Cosa significa disobbedire? Ribellarsi per il puro gusto di farlo o piuttosto salvarsi la vita esercitando il dono del  "libero arbitrio" ? 
È questo il tema portante di quest'opera in cui la comunità ebraico-ortodossa (con i suoi riti, i suoi dogmi ed i suoi tabù) e l'amore passionale tra due donne (con la sua carica dirompente di scandalo e rottura) costituiscono rispettivamente sfondo e pretesto. 
Libero arbitrio dunque, è questo il logos che apre e chiude il film e che porta lo spettatore più sensibile a superare la semplice narrazione e ad interrogarsi su ciò che davvero, attraverso il peso e la responsabilità della scelta, fa di ogni essere umano un essere autonomo e responsabile di sé. [+]

[+] lascia un commento a mariateresa »
d'accordo?
cardclau sabato 27 ottobre 2018
manca il padre Valutazione 4 stelle su cinque
46%
No
54%

Il film di Sebastian Lelio, Disobedience, può essere letto su diversi piani. Può darsi che la tematica dell’amore lesbico e dei relativi pregiudizi in un ambiente rigidissimo come quello ebraico londinese abbia tenuto l’attenzione lì puntata, non solo dello spettatore ma anche del regista. Osservando pure la lunghissima sequenza sospirosa tra Ronit ed Esti che fanno l’amore. Ma cosa sappiamo veramente di profondo dei personaggi del film? Del padre di Ronit, Rav Krushka [Anton Lesser], sappiamo che sta facendo una riflessione a voce alta su l’essere umano, dotato e voluto così da Dio, a differenza degli angeli e degli animali, della libertà e del carico di fare delle scelte personali e individuali, il libero arbitrio. [+]

[+] siamo liberi di scegliere (di antoniobianchi)
[+] lascia un commento a cardclau »
d'accordo?
vera giovedý 25 ottobre 2018
un capolavoro mancato
33%
No
67%

Premesse intriganti, una storia con un potenziale altissimo, due attrici sensazionali. Difficile sbagliare con queste carte in gioco, eppure ci sono riusciti.
Peccato che il film sia lento fino alla noia per tre quarti della sua durata, e poi frettoloso e sbrigativo nel finale. E per quanto riguarda il suo tema, la disobbedienza, ce n'Ŕ davvero poca. Poteva, anzi doveva date le aspettative, osare decisamente di pi¨. Invece sembra trattenersi. Ci sentiamo sempre sul punto di aspettarci la svolta, che non arriva mai, e anzi, ci porta ad un epilogo cauto e deludente.
Poteva diventare una pietra miliare del genere ed invece si aggiunge alla lunga lista dei film senza gloria nÚ infamia, facilmente e tristemente dimenticabili (eccezion fatta per quei pochi minuti di scena di sesso, passionale ed intrigante anche se casta, che da sola pu˛ valere la visione dell'intero film).

[+] lascia un commento a vera »
d'accordo?
Disobedience | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
Pubblico (per gradimento)
  1░ | vera
  2░ | fausto bianchi
  3░ | vanessa zarastro
  4░ | silver90
  5░ | flyanto
  6░ | zarar
  7░ | no_data
  8░ | mariateresa
  9░ | vera
10░ | cardclau
Rassegna stampa
Daniela Ceselli
Peter Travers
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 |
Link esterni
Shop
DVD
Uscita nelle sale
giovedý 25 ottobre 2018
Distribuzione
Il film Ŕ oggi distribuito in 4 sale cinematografiche:
Showtime
  2 | Emilia Romagna
  1 | Lombardia
  1 | Marche
Scheda | Cast | Cinema | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità