Dietro i candelabri

Acquista su Ibs.it   Dvd Dietro i candelabri   Blu-Ray Dietro i candelabri  
Un film di Steven Soderbergh. Con Michael Douglas, Matt Damon, Dan Aykroyd, Scott Bakula, Rob Lowe (II).
continua»
Titolo originale Behind the Candelabra. Biografico, durata 118 min. - USA 2013. - 01 Distribution uscita giovedì 5 dicembre 2013. MYMONETRO Dietro i candelabri * * * - - valutazione media: 3,28 su -1 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   

Una Vita Esagerata (Il Film Meno) Valutazione 2 stelle su cinque

di jaylee


Feedback: 14571 | altri commenti e recensioni di jaylee
domenica 15 dicembre 2013

Walter “Lee” Liberace è stato un pianista e performer enormemente famoso negli USA per un periodo che va dagli anni 30 agli anni 80; talento incredibile, e uno stile di vita palesemente (ma non dichiarato) gay in un Paese dove l’outing è tuttora la tomba professionale per molti artisti. Muore di AIDS nel 1987, una delle prime star USA colpite dal siero HIV, cosa che fu peraltro negata fin dopo la sua morte dai suoi legali per molto tempo. Steven Soderbergh alla regia, Dietro I Candelabri racconta della relazione di Liberace (M. Douglas) con Scott Thorson (M. Damon) di 40 anni più giovane di lui, assunto per fargli da segretario, guardia del corpo, confidente, ed ovviamente amante. Se “eccessivo” era l’obiettivo che si era posto Soderbergh, allora c’è da dire che la sua opera lo ha senz’altro raggiunto. I costumi, le ambientazioni, la reggia di oro, marmi, e pietre preziose, le rolls royce, i barboncini, il lusso sfrenato, Las Vegas… Se Willy Wonka si fosse occupato di gioielli, invece che di cioccolato, probabilmente sarebbe vissuto a Villa Liberace. Così come eccessive sono le interpretazioni del film, su tutti ovviamente Michael Douglas, al quale si deve riconoscere un gran coraggio nell’affrontare, probabilmente a fine carriera, un ruolo non tanto omosessuale quanto “camp”, dopo esser stato negli anni 80 e 90 un sex symbol nei vari Basic Instict, Attrazione Fatale, Rivelazioni… L’impegno non solo è notevole, ma addirittura (rieccoci) eccessivo, visto che appare ancora più gay che nelle apparizioni dello showman, ancora visibili in rete; e ci regala un personaggio piuttosto odioso e petulante: un Elton John perennemente in crisi pre-mestruale. Idem per quanto riguarda Matt Damon, forse però meno bi-dimensionale dell’amante maturo, stallone cotonato, ignorante, palestrato, bigotto (!) e alla fine usato dall’altro. Un bel tocco del regista è far vedere la stessa scena due volte: la prima volta è il “vecchio” amante Billy che mangia al tavolo senza degnare di uno sguardo il nuovo Scott, la seconda volta è lo stesso Scott che riserva lo stesso trattamento al suo futuro successore Cary. La vita di Liberace come uno spettacolo che, meraviglioso e lucente da vicino, semplicemente è una scontata replica vista da abbastanza lontano… prevedibile (ogni) finale, col giovane amante scaricato che porta il vecchio artista in tribunale per spillargli soldi un’ultima volta. Giudizio finale? Poco convincente, soprattutto la prima ora che sembra veramente una parodia o una farsa. Tra tanti personaggi posticci, spicca Rob Lowe, che ci regala un chirurgo plastico (ovviamente gay) patetico come pochi… e alcune chicche mostruose, come Liberace che non potrà chiudere completamente gli occhi dopo i suoi terrificanti trattamenti in sala operatoria. Migliore la seconda parte, soprattutto il funerale finale, un trionfo del kitsch (ma riuscito, a differenza della maggior parte del film)ma non abbastanza per salvare il film. Curioso che , per un film dalle modalità così eccessive, il tutto sembra fin troppo insapido alla fine. Facciamo una metafora in linea col film? Se fosse un vino, Dietro i Candelabri sarebbe uno di quei rossi dal bouquet ricchissimo, ma che una volta aperto si rivela senza carattere. Dopo Magic Mike (e solo parzialmente riscattato da Danni Collaterali), Soderbergh appare in picchiata, lontanissimo da Traffic, Bubble, e persino Ocean’s Eleven. “Too much of a Good Thing … is Just Wonderful”. Non sempre, Lee. (www.versionekowalski.it)

[+] lascia un commento a jaylee »
Sei d'accordo con la recensione di jaylee?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
51%
No
49%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
francesco2 martedì 28 giugno 2016
io,invece,penso.........
0%
No
0%

...........che "Magic Mike" sia superiore ad "Effetti collaterali", film forse troppo stroncato da certuni, e che "Traffic" sia un film non ECCELLENTE. Il miglior Sorderbergh è quello indipendente, visto in "Sesso, bugie e videotape" ed in "Bubble", che tu citi.

[+] lascia un commento a francesco2 »
d'accordo?

Ultimi commenti e recensioni di jaylee:

Vedi tutti i commenti di jaylee »
Dietro i candelabri | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
SAG Awards (3)
Golden Globes (6)
BAFTA (5)


Articoli & News
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 |
Link esterni
Sito ufficiale
Shop
DVD
Uscita nelle sale
giovedì 5 dicembre 2013
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2023 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità