Non lasciarmi

Acquista su Ibs.it   Soundtrack Non lasciarmi   Dvd Non lasciarmi   Blu-Ray Non lasciarmi  
Un film di Mark Romanek. Con Carey Mulligan, Andrew Garfield, Keira Knightley, Izzy Meikle-Small, Ella Purnell.
continua»
Titolo originale Never Let Me Go. Drammatico, durata 103 min. - USA, Gran Bretagna 2010. - 20th Century Fox Italia uscita venerdì 25 marzo 2011. MYMONETRO Non lasciarmi * * * 1/2 - valutazione media: 3,72 su 100 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   

La scomparsa della libertà Valutazione 4 stelle su cinque

di SticksAndStones


Feedback: 15 | altri commenti e recensioni di SticksAndStones
giovedì 9 agosto 2012

 

“Nessuno di voi andrà in America. Nessuno lavorerà in un supermarket. Nessuno farà niente tranne vivere la vita che è già stata determinata per lui. Diventerete adulti, ma solo per poco. Prima di invecchiare, prima ancora di raggiungere la mezza età comincerete a donare i vostri organi vitali e alla terza o quarta donazione la vostra breve vita sarà conclusa. Dovete sapere chi siete e cosa siete. E’ l’unico modo per condurre una vita decente.”

Queste le parole con cui Miss Lucy, la nuova insegnante del college per cloni di Hailsham, spezzerà l’apparente normalità della vita dei suoi piccoli allievi senza che a ciò faccia seguito da parte loro alcuna ribellione.  Verrà allontanata per quello che risulterà l’unico atto d’insubordinazione dell’intero film. Nessun altro, tanto meno i cloni stessi, tenterà di infrangere l’ordine in-naturale delle cose che consente all’umanità di questo distopico fine millennio di superare i cento anni di vita grazie ai trapianti.

Le vite di Kathy, Ruth e Tommy si intrecciano e si consumano in un’atmosfera di dolente rassegnazione alla quale fanno da sfondo ideale sia i paesaggi che i metodi educativi inglesi. Come in una tragedia greca i tre amici non possono fare altro che assistere impotenti agli eventi che un fato cinico e imperscrutabile ha già deciso per loro. Il ruolo del fato è giocato qui dal tipo di educazione ricevuta che impedisce loro sia di maturare che di ribellarsi. Sapientemente traslocati dal college ai cottage per prolungarne sia il controllo che l’isolamento ai tre ragazzi non resta che adeguarsi al compito loro assegnato. Urlare contro il cielo la propria rabbia è tutto ciò che Tommy può fare prima di rientrare in clinica.

Il film, tratto dall’omonimo romanzo di Kazuo Ishiguro, si rifà alla lezione del Mondo Nuovo di Aldous Huxley. Il condizionamento mentale subìto fin dalla prima infanzia si rivela una gabbia tanto invisibile quanto infrangibile. L’uomo si comporta in base ai propri convincimenti e così è sufficiente agire su questi per determinarne anche il comportamento. E’ così che si creano i kamikaze e i fondamentalisti religiosi ma anche i comportamenti sociali ritenuti accettabili nonché quelli che la Heller chiamava bisogni indotti e che servono a trasformare i bravi cittadini in bravi consumatori.

Il film si (e ci) interroga sul prezzo da pagare ad una società del benessere dove lo stesso progresso scientifico che dovrebbe salvarci finisce per condannarci ad un’arida esistenza priva di quei valori che ci piace definire umani quali l’amore per il prossimo, la pietà, la solidarietà. Lo stesso interrogativo si estende a temi filosofici e politici ben più ampi quali il limite della libertà, il libero arbitrio, l’uguaglianza, il valore dei sentimenti contro la logica, il senso della vita.

 “Tutti completiamo un ciclo. Forse nessuno capisce veramente la propria vita e pensa di aver avuto abbastanza tempo.” Le parole con cui la protagonista chiude il film suonano come una condanna senza appello al modello di vita occidentale, un modello che sacrifica le ricchezze dello spirito alle apparenti certezze della tecnologia, l’evoluzione individuale all’appiattimento mentale operato da un’organizzazione sociale rigida e pervasiva che non lascia spazio né per la solidarietà né per il dissenso.

Le considerazioni terminali di Kathy sulla brevità della vita umana, qualunque ne sia la durata, e sull’impossibilità di darle un senso compiuto fanno venire in mente i versi finali della canzone Time dei Pink Floyd:

Hanging on in quiet desperration is the English way
The time is gone, the song is over,
Thought I’d something more to say.

[+] lascia un commento a sticksandstones »
Sei d'accordo con la recensione di SticksAndStones?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
100%
No
0%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico

Ultimi commenti e recensioni di SticksAndStones:

Non lasciarmi | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Andreina Sirena
Rassegna stampa
Kenneth Turan
Pubblico (per gradimento)
  1° | paola di giuseppe
  2° | writer58
  3° | gumbus
  4° | unknown_soldier
  5° | renato volpone
  6° | riccardo76
  7° | algernon
  8° | hidalgo
  9° | valerr
10° | federicolippi
11° | pan....
12° | starwitness
13° | pepito1948
14° | claudiofedele93
15° | filippo catani
16° | max ferrarini
17° | antonio madonna
18° | gianluca78
19° | riccardo76
20° | sticksandstones
21° | lomax
22° | iankenobi
23° | federicolippi
24° | laura93
25° | domiu.u
26° | solo un'opinione
27° | ultimoboyscout
28° | molenga
29° | max ferrarini
30° | reservoir dogs
31° | francesco2
32° | stefano pariani
33° | critika.altervista.org
Rassegna stampa
David Denby
Piera Detassis
Poster e locandine
1 | 2 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 |
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 | 20 | 21 | 22 | 23 | 24 | 25 | 26 | 27 | 28 | 29 | 30 | 31 | 32 | 33 | 34 | 35 | 36 | 37 | 38 | 39 | 40 | 41 | 42 | 43 | 44 |
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità