L'ultimo inquisitore

Acquista su Ibs.it   Dvd L'ultimo inquisitore   Blu-Ray L'ultimo inquisitore  
Un film di Milos Forman. Con Javier Bardem, Natalie Portman, Stellan Skarsgård, Randy Quaid, Michael Lonsdale.
continua»
Titolo originale Goya's Ghosts. Drammatico, durata 117 min. - Spagna 2006. - Medusa uscita venerdì 13 aprile 2007. MYMONETRO L'ultimo inquisitore * * * - - valutazione media: 3,40 su -1 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   

L'Inquisizione di Forman una tragedia "sovietica"

di Paolo D'Agostini La Repubblica

E' dall'incontro tra il grande regista di Qualcuno volò sul nido del cuculo e di Amadeus, formatosi nella Cecoslovacchia sovietizzata e poi emigrato in America, e cioè Milos Forman, con l'altrettanto grande sceneggiatore Jean-Claude Carrière, francese, a lungo collaboratore di Luis Buñuel, è dall'incontro tra due non spagnoli che nasce questo film sulla Spagna di Francisco Goya, tra l'ultimo decennio del 700 e il primo dell'800.
L'ultimo inquisitore non è una biografia del pittore e non è un film sull'Inquisizione. È un film sul mondo e sulla società di quel tempo, di cui Goya per un verso e l'Inquisizione per l'altro sono testimoni privilegiati. Da una parte c'è Goya, al tempo stesso celebrato artista di corte ma anche osservatore infallibile della miseria e dell'orrore. Dall'altra c'è l'istituzione repressiva della Chiesa, ancora ampiamente attiva nella Spagna di fine Settecento, incarnata da un monaco, padre Lorenzo, affidato alla star spagnola Javier Bardem.
Padre Lorenzo attraversa la storia e le vicende turbolente del suo tempo, cioè il passaggio dal regime oscurantista al capovolgimento rivoluzionario portato dalle armate di Napoleone, adattandosi alla storia sempre con lo stesso gelido opportunismo e sempre con la stessa proterva sicurezza di essere nel giusto. Di commettere le stesse infamie, sia pur secondo principi opposti, in nome del bene superiore. Goya è invece un uomo senza ideologia, diremmo oggi, ma guidato sempre dalla stessa vigile diffidenza verso i potenti e dalla medesima passione umana verso la realtà.
La lettura di Forman contiene in trasparenza un riferimento molto chiaro ad altri sfondi storici e ad altre tragedie, quelle delle ideologie novecentesche da lui personalmente conosciute e vissute. Nel cieco fideismo di padre Lorenzo il regista rappresenta il comunismo del XX secolo, la presunzione di sapere anche per gli altri che cosa è la libertà e quella d'imporla con la forza delle armi e del regime poliziesco. Questa è una caratteristica del film. L'altra è quella di servirsi della forma del feuilleton secondo l'inconfondibile spirito ironico e graffiante del suo regista.
Da La Repubblica, 13 aprile 2007


di Paolo D'Agostini, 13 aprile 2007

Sei d'accordo con la recensione di Paolo D'Agostini?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
80%
No
20%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
L'ultimo inquisitore | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 |
Link esterni
Sito ufficiale
Shop
DVD
Uscita nelle sale
venerdì 13 aprile 2007
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità