Contact

Un film di Robert Zemeckis. Con Jodie Foster, James Woods, Tom Skerritt, Matthew McConaughey, William Fichtner.
continua»
Fantastico, durata 150 min. - USA 1997. MYMONETRO Contact * * * 1/2 - valutazione media: 3,67 su 24 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   
weach lunedý 23 agosto 2010
sulle ali della consapevolezza Valutazione 5 stelle su cinque
93%
No
7%

è la storia   di chi ha la forza morale di sognore  per sondare l'imprescrutabile..
Gli occhi blu della Foster si pedono nel tentativo di "sentire" il  contatto con quello che cercava da sempre quello di una vita aliena intelligente nell'universo.
Senza entrare nella storia ,che vi lascio  anche perchè è vostra , vorrei rilevare che lo splendore di questo film sta  nell' aver saputo coinvolgerci tutti  ,in questo viaggio infinito nel tanto  grande.....quanto nell'infinitamente piccollo,  probabilmente all'interno dei nostri neuroni. [+]

[+] lascia un commento a weach »
d'accordo?
weach venerdý 28 gennaio 2011
salto dove l'essere si disperde . Valutazione 5 stelle su cinque
89%
No
11%

Contact ,del regista Robert Zemeckis ,basato sull’omonimo romanzo di Carl Sagan ,è sicuramente film messaggio  che supera il senso logico del pensiero per trascendere oltre l’”intelligibile”.
Robert Zemeckis è figlio di un   Lituano e di mamma Italo Americana , nasce a Chicago, viene , sovente accusato dai denigratori di  essere interessato solo a“ a state of the art”(effetti speciali), ma tale rilievo appare ingiustificato   visto che è stato in grado di concepire film come The cast Away e Forrest Gump . [+]

[+] lascia un commento a weach »
d'accordo?
achb68 lunedý 12 novembre 2007
fantafilosofia ? Valutazione 4 stelle su cinque
76%
No
24%

Ottima fantascienza o puro fantafuturo ? Difficile dare un giudizio su questo film magari enfatico, certamente prolisso, eppure visivamente stupendo. Recitato divinamente da una Jodie Foster in stato di grazia, il film cerca una visione per una volta non banale e stereotipata del possibile contatto con eventuali forme di vita aliene. Difficile dire se il messaggio di una pace universale, di un futuro basato sulla fratellanza cosmica raggiunga il segno. Certo Ŕ che veder recitare questa Jodie Foster, ora innamorata, ora decisa a raggiungere la meta della vita, ora estasiata di fronte alla realtÓ cosmica, Ŕ uno spettacolo nello spettacolo. Ci˛ ci porta anche a considerare la fantascienza non solo come mera fucina di effetti speciali, di recitazione esagerata e piatta, ma anche come splendido sfogo creativo, abile e grandioso esempio di come certe tematiche passate come di serie B, abbiano ben altre valenze creative.

[+] lascia un commento a achb68 »
d'accordo?
weach lunedý 27 settembre 2010
sulle ali della consapevolezza Valutazione 5 stelle su cinque
74%
No
26%

E'la storia   di chi ha la forza morale di sognore  per sondare l'imprescrutabile..
Gli occhi blu della Foster si perdono nel tentativo di "sentire" il  contatto con quello che cercava da sempre quello di una vita aliena intelligente nell'universo.
Senza entrare nella storia ,che vi lascio  anche perchè è vostra , vorrei rilevare che lo splendore di questo film sta  nell' aver saputo coinvolgerci tutti  ,in questo viaggio infinito nel tanto  grande.....quanto nell'infinitamente piccollo,  probabilmente all'interno dei nostri neuroni. [+]

[+] lascia un commento a weach »
d'accordo?
arnaco giovedý 29 maggio 2014
scienza e fede Valutazione 4 stelle su cinque
33%
No
67%

Qualcuno ha osservato che il film non mantiene il livello sublime del suo inizio. Anche se diventa un po' prolisso, io non credo che sia così, semmai è la vicenda che subisce quel tipo di evoluzione, ma non può che essere così. E' come i sogni che si fanno da bambini che prima o poi si ingrangono contro la "realtà" del business sempre pronto a fare mercato di tutto, delle religioni (non sto parlando di fede che è ben altra cosa) sempre pronte a schiacciare a qualsiasi costo tutto ciò che va contro ai propri dogmi e della politica che deve strizzare l'occhio agli uni e agli altri per non perdere consensi. Così è per la protagonista che viene sottoposta a interrogatori simili a quelli della Santa Inquisizione perché è una scienziata atea, intellettualmente onesta, che non può accettare che fede e scienza siano messe sullo stesso piano. [+]

[+] lascia un commento a arnaco »
d'accordo?
marco panichi giovedý 25 dicembre 2008
emozione e speranza tra fantasia e realtÓ Valutazione 5 stelle su cinque
38%
No
62%

Contact e' un film che affascina e commuove. Jodie Foster ci regala umanitÓ con incredibile convinzione. La colonna sonora si integra benissimo con le immagini. La trama e' sufficientemente complicata quanto basta a raccontare una storia che tiene svegli; eppure e' tanto semplice quanto la storia dell'umanitÓ stessa nel suo percorso nell'universo. I colpi di scena non mancano e tengono incollati al video. Delusione ed entusiasmo vengono calibrati perfettamente ed il mix fa aumentare il battito del cuore fin verso la fine, dove ci ritroviamo difronte ad una catarsi, una fine-non fine che ci compiace ma non ci completa. una parte di noi, com'e' giusto che sia, rimane un tassello vuoto e da lý si riconosce anche la generositÓ della storia nel lasciare al pubblico una sua possibilitÓ di ragionamento. [+]

[+] lascia un commento a marco panichi »
d'accordo?
renato c. mercoledý 1 dicembre 2010
scienza e fede alternativi? no! complementari! Valutazione 3 stelle su cinque
10%
No
90%

Robert Zemeckis ci ha regalato un altro bel film. Fantascienza, si ma con molti significati. E' fatto molto bene e ricorda un po' "Forrest Gump" nei ricordi della scienziata bambina col padre. Nell'incontro col mancato sacerdote si accende un po' il dibattito tra scienza e fede. Ma perchè dovrebbero essere alternative? Io scrivo da credente! Dio ha creato l'universo e l'uomo; ha inoltre fatto all'uomo un grande dono: l'intelligenza! Ed è naturale che l'uomo la usi anche per scoprire le origini del mondo, perchè siamo qua ecc. Però ciò che riguarda il creato è più o meno dimostrabile scientificamente, ma perchè l'uomo vorrebbe dimostrare scientificamente anche l'esistenza di Dio? Dio ha chiesto di credere in Lui per fede, quindi provarne l'esistenza scientificamente è una cosa che mi ricorda un po' la torre di Babele! Comunque alla fine la scienziata ad il mancato sacerdote ammettono che ciò che cercano entrambi, anche se da due punti di partenza diversi, è la ricerca della verità! In fondo anche la scienziata è proprio atea? Nell'incontro con l'alieno non vede forse il padre? Ed ammettere la sopravvivenza dopo la morte non è forse credere in Dio? Personalmente dissento molto da coloro che dicono di credere in Dio ma non della sopravvivenza spirituale dopo la morte del corpo! Se questi credono in Dio, non credono proprio in un Dio buono e giusto ma in un Dio cattivo, che ci ha creati e poi ha detto:"Arrangiati!". [+]

[+] lascia un commento a renato c. »
d'accordo?
Contact | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies

Pubblico (per gradimento)
  1░ | weach
  2░ | weach
  3░ | achb68
  4░ | weach
  5░ | arnaco
  6░ | marco panichi
  7░ | renato c.
Rassegna stampa
Lietta Tornabuoni
Premio Oscar (4)
Golden Globes (1)


Articoli & News
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 |
Shop
DVD
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità