Orwell 1984

Un film di Michael Radford. Con John Hurt, Richard Burton, Suzanna Hamilton, Cyril Cusack, Gregor Fisher.
continua»
Titolo originale Nineteen Eighty-Four. Drammatico, Ratings: Kids+16, durata 110 min. - Gran Bretagna 1984. - VM 14 - MYMONETRO Orwell 1984 * * * - - valutazione media: 3,31 su 24 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   
carloalberto sabato 31 ottobre 2020
la nostra oceania Valutazione 4 stelle su cinque
0%
No
0%

La voce monotona di un perenne cinegiornale che declama cantilenante  ininterrottamente le vittorie militari ed i successi economici ed industriali del sistema ed il volto del grande fratello onnipresente che sorveglia da ogni luogo risultano volutamente, nella loro ossessionante ripetitività, disturbanti ed opprimenti fino alla noia.
A scapito di una facile fruibilità dell’opera,Michael Radford raggiunge l’obiettivo di suscitare nello spettatore la medesima insofferenza o al contrario lo stesso torpore che i protagonisti vivono distanti nella realtà parallela proiettata sullo schermo creando una inconsapevole empatia con i personaggi. [+]

[+] lascia un commento a carloalberto »
d'accordo?
giulio andreetta martedì 28 luglio 2020
ottimo film Valutazione 4 stelle su cinque
0%
No
0%

Ottima pellicola che si basa sullo struggente ed epico racconto di George Orwell, 1984. Come non vedere nella parabola orwelliana preoccupanti segni di consonanza con il nostro presente? La sceneggiatura del film appare abbastanza rispondente alla trama del libro, anche se a dire il vero l'apparato scenografico mi sembra troppo simile al nostro presente o al nostro passato prossimo per rappresentare al meglio quello scenario futuribile che probabilmente aveva in mente Orwell. L'attore protagonista è indubbiamente stato selezionato a partire da una somiglianza prodigiosa con lo stesso Orwell. [+]

[+] lascia un commento a giulio andreetta »
d'accordo?
m.raffaele92 mercoledì 9 ottobre 2013
mediocre trasposizione di un capolavoro Valutazione 2 stelle su cinque
0%
No
100%

 Il secondo adattamento (il primo era "Nel 2000 non sorge il sole" di Michael Anderson, 1956) dell'omonimo romanzo do George Orwell ("Brazil" e affini erano adattamenti che vi si scostavano nettamente), é un film povero e scarno. Non rende minimamente il senso di oppressione e l'angoscia derivante dal controllo sovrano e onnipresente del Grande Fratello (comunque ottimamente interpretato da Richard Burton). L'atmosfera futuristico-decadente viene qui riprodotta in modo trascurato, così come é trascurata (o almeno riprodotta in modo sbrigativo e semplicistico) la relazione tra Winston e Julia, perno centrale del romanzo. Michael Radford (regista che altrove ha dato buoni risultati, si veda ad esempio l'adattamento de "Il mercante di Venezia" di Shakespeare) non sa esattamente che strada prendere, nè sa con certezza su quale/i aspetto/i del romanzo concentrarsi e quello che ne viene fuori é un'opera che dà l’impressione (pessima) di essere affrettata e tirata via. [+]

[+] lascia un commento a m.raffaele92 »
d'accordo?
paride86 martedì 4 settembre 2012
insomma... Valutazione 2 stelle su cinque
57%
No
43%

Fedelissimo al libro da cui è tratto, "1984" è, però, un film poco coinvolgente sotto ogni punto di vista.
Richard Burton e Suzanna Hamilton sono adatti ai propri ruoli, mentre John Hurt, pur essendo bravo, risulta troppo vecchio per la parte di Winston.
Deludente e noioso, resta pur sempre un'amara e cruda critica ai totalitarismi di ogni colore, com'era lo spirito orweliano. [+]

[+] lascia un commento a paride86 »
d'accordo?
scottish venerdì 8 luglio 2011
2+2=5 Valutazione 4 stelle su cinque
100%
No
0%

Confesso che, da appassionato orwelliano quale sono, le mie aspettative nei confronti del film erano molto alte.
Il timore di imbattersi in un grottesco "liberamente tratto da..." c'era, ma la curiosità ha preso il sopravvento sulle mie remore da purista.
Sono sollevato nell'affermare che ne è davvero valsa la pena!
Chi non ha letto il libro difficilmente può apprezzare fino in fondo l'opera di Radford: la ricostruzione della Londra da medioevo postnucleare di Orwell è da almanacco della cinematografia, raramente penna dello scrittore e camera del regista hanno trovato una tale corrispondenza.
Non capisco chi demolisce il film definendolo "senza vita, ripetitivo, predicatorio", perchè il senso di straniamento e azzeramento della dimensione temporale era esattamente ciò che sia lo scrittore sia (in seconda battuta) il regista volevano riprodurre!
La scena in cui Winston è davanti allo specchio nel Ministero dell'amore non può non smuovere qualcosa nelle viscere dello spettatore. [+]

[+] complimenti (di weach )
[+] lascia un commento a scottish »
d'accordo?
marco glerean giovedì 10 febbraio 2011
1984 e dintorni Valutazione 4 stelle su cinque
77%
No
23%

Questo film è la trasposizione cinematografica del romanzo 1984 di George Orwell.
Si immagina che nell’anno 1984 il mondo sia diviso geograficamente e politicamente fra tre superpotenze in perenne conflitto fra di loro. Nel caso in questione ci si occupa di una di queste e attraverso le vicende del protagonista si viene a conoscere una società totalitaria i cui leader si garantiscono la perpetuazione del potere tramite l’inganno e la falsità e attuano ciò con gli strumenti della disinformazione di massa e della disumanizzazione degli individui. Uomini e donne sono semplici ingranaggi del meccanismo produttivo e di quello del consenso e non viene loro concesso l’uso del pensiero, della coscienza e delle emozioni, vivono in un mondo virtuale preordinato e predeterminato nel modo più assoluto. [+]

[+] bene (di weach)
[+] lascia un commento a marco glerean »
d'accordo?
weach venerdì 13 agosto 2010
manca la consapevolezza ma "orwell 1984" è tra noi Valutazione 5 stelle su cinque
86%
No
14%

Il film dI Michael Radford  del 1984 , transposizione libera   dell'omonimo film del 1950, è grande film    per avere rappresentato in tempi già sospetti" una societa futuribile" esatutorata da ogni libertà ; completamente dipedente da un potere centralizzato che tutto vede e tutto controlla liberando l'uomo dal diritto dovere di "pensare ed essere".
Echeggiano gli solgana del film con la propaganda del potere :
"la guerre è liberta ";
w la neutralizzazione dell' orgasmo;
w il partito  e l' eliminazionazione della famiglia... "
Il  terrorismo idelogico è soprattutto elimiazione dll'autocoscienza dell'uomo che vorrebbe essere ma non può perche prima c'è il sistema. [+]

[+] lascia un commento a weach »
d'accordo?
giorpost venerdì 29 gennaio 2010
straordinaria trasposizione dell' incubo di orwell Valutazione 4 stelle su cinque
59%
No
41%

George Orwell nel lontano 1948 scrisse (per poi pubblicarlo l' anno dopo) il romanzo distopico più riuscito nonchè quello più vicino alla realtà di quell' epoca, "1984", dando vita ad una storia che fonde lo stalinismo al  nazi-fascismo con l' aggravante della manipolazione della Storia. E proprio nell' 84 Redford ha diretto quello che senza dubbio, per chi vi scrive, rimarrà la migliore trasposizione cinematografica del '900: "Orwell 1984". Sbalorditiva la ricostruzione del continente Oceania, con strade ridotte ai minimi termini, enormi casermoni che ospitano milioni di persone denominate Prolet, proletariato, in un mondo suddiviso in 3 blocchi in perenne guerra tra loro con l' unico reale obiettivo di annullare quanto di più prezioso ci possa essere, il Pensiero. [+]

[+] lascia un commento a giorpost »
d'accordo?
dandy giovedì 11 giugno 2009
fedele ma purtroppo freddo Valutazione 3 stelle su cinque
100%
No
0%

Secondo film tratto dal romanzo di Orwell dopo"Nel 2000 non sorge il sole".Il cast è ottimo,l'ambientazione da incubo notevole,e l'ultima mezz'ora dove il protagonista viene torturato non si dimentica(sebbene non sia assolutamente cruenta).Ma nel complesso si avverte una quasi totale mancanza di vera emozione.Tra le musiche figurano anche gli "Eurythmics".Ultimo film per Richard Burton.

[+] lascia un commento a dandy »
d'accordo?
enimret martedì 9 dicembre 2008
il film "1984" Valutazione 5 stelle su cinque
100%
No
0%

Finalmente dopo tanti anni sono riuscito a rivedere questo film, trovo che sia veramente speciale, anche se il libro è molto meglio. La sua attualità mi ha sconvolto. Confesso che non sono riuscito a vederlo fino alla fine perché mi ha messo una grande tristezza. Mi guardo in giro e mi accorgo che quelli che verranno perderanno tante cose tra cui certi valori come l'amore. Non solo quello tra i sessi ma anche quello tra genitori e figli. Animali, piante, dialetti, mestieri ed altro ancora si stanno estinguendo ma per fortuna avremo nuovi gadget tecnologici che ci permetteranno di non pensare, e tutti potranno andare in TV. Questo film lo si apprezza dopo averlo visto almeno un paio di volte. [+]

[+] lascia un commento a enimret »
d'accordo?
pagina: 1 2 3 »
Orwell 1984 | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
MYmovies

Pubblico (per gradimento)
  1° | weach
  2° | mazzaferro edoardo
  3° | marco glerean
  4° | giorpost
  5° | paride86
  6° | carloalberto
  7° | giulio andreetta
  8° | m.raffaele92
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
mercoledì 22 settembre
Un altro giro
Maledetta Primavera
Peter Rabbit 2 - Un birbante in fuga
giovedì 16 settembre
Freaky
mercoledì 15 settembre
100% Lupo
Adam
martedì 14 settembre
Black Widow
giovedì 9 settembre
Rifkin's Festival
Corpus Christi
Morrison
mercoledì 8 settembre
Il cattivo poeta
Il sacro male
martedì 31 agosto
Amazing Grace
giovedì 26 agosto
The Conjuring - Per ordine del dia...
mercoledì 25 agosto
Crudelia
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità