La prima notte di quiete

Acquista su Ibs.it   Dvd La prima notte di quiete   Blu-Ray La prima notte di quiete  
Un film di Valerio Zurlini. Con Giancarlo Giannini, Alain Delon, Lea Massari, Alida Valli, Renato Salvatori.
continua»
Drammatico, durata 132 min. - Italia 1972. MYMONETRO La prima notte di quiete * * * - - valutazione media: 3,44 su 37 recensioni di critica, pubblico e dizionari. Acquista »
   
   
   
brancaleone venerdì 19 gennaio 2007
deh...vieni dolce morte a cullarmi... Valutazione 5 stelle su cinque
91%
No
9%

La desolazione e la tristezza di una città di mare in pieno inverno è MAGISTRALMENTE illustrata da Valerio Zurlini(pochi ma ottimi films).Dei"Vitelloni" più cinici e spregiudicati cercano di vincere la noia di una Rimini invernale... Una ingenua dolce ragazza da un passato torbido e sfruttata da torbidi elementi. Un disilluso professore che cerca in un cinismo malcelato di dimenticare un dolore dell'adolescenza... Il suo arrivo scuote le loro coscienze...

[+] il grande cinema italiano (di amenic)
[+] lascia un commento a brancaleone »
d'accordo?
paride86 venerdì 23 gennaio 2009
molto bello Valutazione 4 stelle su cinque
94%
No
6%

Film come "La prima notte di quiete" sono molto rari e preziosi. Hanno una bellezza malinconica e dura, senza che manchi, però, una vena di romanticismo che non scade mai nel sentimentalismo, ma resta sempre concreto e drammatico. Il protagonista della storia è un giovane e indolente professore che arriva a Rimini, mai vista così fredda e iniqua come in questo film. In crisi con la moglie, si innamorerà di una sua giovane allieva. Si tratta di un film sentimentale, ma girato come un noir nelle ambientazioni, nella costruzione delle scene e nelle interpretazioni. Propone, inoltre, un ritratto spietato dei figli di papà degli anni '70, ipocriti e vanesi ma anche bonari e solidali.

[+] lascia un commento a paride86 »
d'accordo?
giorgio sabato 15 marzo 2008
il "vizio assurdo" di dominici Valutazione 4 stelle su cinque
79%
No
21%

Per la prima volta nella mia vita, oggi ho visto "la prima notte di quiete". Non c'è che dire: convince. Premetto che non sono propriamente un amante del cd "cinema dell'alienazione", o di certo cinema introspettivo, magari bello esteticamente ma che, scavando troppo nel personale, sembra chiedere al pubblico un'attitudine più prossima a "novella 2000" che alla riflessione cd "impegnata". Al contrario, il film convince sia sul versante dei contenuti che sul versante estetico. Dal punto di vista dei contenuti, colpisce molto la rappresentazione cruda e realistica della Provincia: senza voler fare moralismi facili (e scontando anche certo spirito "antiborghese" che indubbiamente ha condizionato il film: siamo nel 1972!), il film è molto efficace nel restituire il ritratto di un contesto sociale decomposto, fatto di ricatti, e di espedienti equivoci, di complicità corrive. [+]

[+] lascia un commento a giorgio »
d'accordo?
brabcaleone lunedì 19 marzo 2007
deh...vieni dolce morte a cullarmi... Valutazione 4 stelle su cinque
88%
No
13%

La desolazione e la tristezza di una città di mare in pieno inverno è MAGISTRALMENTE illustrata da Valerio Zurlini(pochi ma ottimi films). Daniele Dominici,nipote dell'eroe di El Alamein...Un disilluso professore senza molte speranze per il suo futuro che cerca,in un cinismo malcelato,di dimenticare un dolore dell'adolescenza,arriva in una Rimini invernale solo per lasciarsi vivere... Trova un mondo provinciale,becero e retrivo con dei"Vitelloni" più cinici e spregiudicati che cercano di vincere la noia di una Rimini invernale tra illegalità e orgie... Vanina...Una ingenua dolce ragazza è stata ed è sfruttata da questi torbidi elementi.Ha un passato contorto ma ha ancora voglia di amare. [+]

[+] ti ringrazio (di micheleminsk)
[+] lascia un commento a brabcaleone »
d'accordo?
parsifal lunedì 10 aprile 2017
esistenzialismo e furore Valutazione 4 stelle su cinque
90%
No
10%

Diretto da Valerio Zurlini e scritto dallo stesso con Valerio Medioli, il film , girato in una Rimini atipica,fuori dai clamori dell' alta stagione con le sue vacuità, narra le vicende del Prof. Daniele Dominici, amante della letteratura e del gioco d'azzardo. Al suo ingresso nella scuola in cui insegnerà , sino alla fine dell' anno scolastico, viene accolto da un preside torvo ed autoritario, interpretato da Salvo Randone , doppiato da Corrado Gaipa. Mentre incontra i suoi allievi per la prima volta, rimane colpito dalla grazia e dal distacco di Vanina, apparentemente fredda e disinteressata a tutto. Ella convive con un boss locale, arrogante e violento, interpretato da Adalberto Maria Merli, che si circonda di una corte d'amici dediti al gioco , all'alcool ed alle feste dove tutto può accadere. [+]

[+] lascia un commento a parsifal »
d'accordo?
venerdì 3 gennaio 2014
vanina, bella e infelice... Valutazione 4 stelle su cinque
73%
No
27%

Straordinario questo film di Zurlini girato in una Rimini fredda e nebbiosa, un'ambientazione atipica che si integra alla perfezione con il personaggio di Daniele Dominici (Alain Delon), tormentato professore di lettere. Dotato in più del fascino dell'uomo "vissuto", sempre vestito con un cappotto color cammello, dimesso e con la sigaretta in bocca, la barba non rasata e la vecchissima Citroen che perde anche benzina. Un sognatore e accanito giocatore, non si preoccupa più di tanto se perde al gioco, se sta perdendo la compagna (Lea Massari), se il preside lo giudica subito male e poi... malissimo. La politica non gli interessa, lui deve solo spiegare perché i versi del Petrarca sono belli. Però quando incontra Vanina (Sonia Petrova) qualcosa in lui si accende. [+]

[+] lascia un commento a »
d'accordo?
xantoflores lunedì 22 maggio 2017
tempus fugit Valutazione 4 stelle su cinque
100%
No
0%

Ho rivisto ieri il film dopo la bellezza di 45 anni! Mi è piaciuto adesso come mi piacque allora quando lo vidi in sala. Una bella storia d'amore di due disperati che cercano l'una tra le braccia dell'altro, un rifugio ai propri fallimenti. La vita è stata dura per entrambi, entrambi non sono certo stinchi di santi, ma la solitudine che hanno dentro è come una calamita che inesorabilmente li tiene legati nonostante tutto e tutti congiurino contro la loro relazione.
Zurlini è sicuramente riuscito a mostrare la faccia nascosta della luna, ambientando il suo film in una RImini invernale e nebbiosa, con un mare costantemente agitato e grigio. Una Rimini ben diversa dalla città chiassosa e ridanciana, capitale del divertimento estivo. [+]

[+] lascia un commento a xantoflores »
d'accordo?
fedeleto mercoledì 13 febbraio 2013
la quiete e la morte Valutazione 5 stelle su cinque
75%
No
25%

Daniele Dominici e' un professore di filosofia,che si trasferisce a Rimini per fare una supplenza.Solitario e introverso,vive un rapporto di coppia ormai in crisi,si innamora della giovane studente Vanina.Inizieranno i problemi,tra la famiglia della ragazza che non lo sopporta,e il ragazzo truffatore e losco che la rivuole indietro.Ma nonostante tutto l'amore riesce a superare questi ostacoli,ma non la morte,causata dal pensiero di rimorso verso la moglie lasciata.Valerio Zurlini,oltre alla regia,firma anche il soggetto e la sceneggiatura,quest'ultima insieme a Medioli.L'opera di Zurlini affonda le sue radici nei temi cari al regista,ovvero la solitudine e l'abbandono. [+]

[+] lascia un commento a fedeleto »
d'accordo?
faucau giovedì 1 dicembre 2016
presunta serietà Valutazione 1 stelle su cinque
100%
No
0%

Delon ce la mette tutta, pure troppo, ma Zurlini è irritante. Le storie estreme fanno sempre fatica a stare in piedi e non basta, non serve sciorinare qualche frasetta filosofeggiante per riscattartte un film che non rivedrei mai una seconda volta, che si trascina a fatica nell'incredibilità di fatti e personaggi. Monotono nello scenario, la rappresentazione della scuola è pressocchè cimiteriale. Il tema del professore che si mette con una allieva transita inosservato... Avrebbe potuto fornire qualche utile e realistico spunto di inquietitudine...nulla di nuulla. Tutto prevedibile e scontato. Falsi innamoramenti o quantomeno poco credibili, false rappresentazioni di festini e balere, si sciviola sul sesso estremo per poi costruirci siopra (contro?) facili giudizi, e condannarne la vacuità. [+]

[+] lascia un commento a faucau »
d'accordo?
dario venerdì 23 ottobre 2015
stiracchiato Valutazione 2 stelle su cinque
33%
No
67%

L'impegno è notevole, il risultato meno, causa un fondo intellettualoide che rende il tutto un mezzo pasticcio. Troppi squilli (di tromba) e troppe concessioni al patimento irrazionale. Zurlini altrove ("La ragazzo con la valigia", il suo capolavoro) sa fare cinema com pochi, qui invece si perde in compacimenti mentali. I personaggi sono di legno (tranne la Massari), Delon intellettuale macerato non regge.

[+] lascia un commento a dario »
d'accordo?
La prima notte di quiete | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
MYmovies

Pubblico (per gradimento)
  1° | brancaleone
  2° | paride86
  3° | giorgio
  4° | brabcaleone
  5° | parsifal
  6° |
  7° | xantoflores
  8° | fedeleto
  9° | faucau
10° | dario
Shop
DVD
Scheda | Cast | News | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
mercoledì 25 novembre
High Life
Galveston
martedì 17 novembre
La Gomera - L'isola dei fischi
Gli anni amari
La vacanza
Gauguin
mercoledì 11 novembre
Volevo nascondermi
giovedì 5 novembre
L'amore a domicilio
Just Charlie - Diventa chi sei
Almost Dead
mercoledì 4 novembre
Una intima convinzione
mercoledì 28 ottobre
La partita
mercoledì 21 ottobre
L'assistente della star
mercoledì 7 ottobre
Gamberetti per tutti
L'anno che verrà
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità