Il cliente

Acquista su Ibs.it   Dvd Il cliente   Blu-Ray Il cliente  
Un film di Asghar Farhadi. Con Shahab Hosseini, Taraneh Alidoosti, Babak Karimi, Farid Sajadi Hosseini, Mina Sadati.
continua»
Titolo originale Forushande. Drammatico, Ratings: Kids+13, durata 124 min. - Iran, Francia 2016. - Lucky Red uscita giovedì 5 gennaio 2017. MYMONETRO Il cliente * * * 1/2 - valutazione media: 3,53 su 30 recensioni di critica, pubblico e dizionari. Acquista »
   
   
   

Teheran noir... Valutazione 3 stelle su cinque

di Writer58


Feedback: 52528 | altri commenti e recensioni di Writer58
martedì 14 febbraio 2017

Nelle ultime settimane, ho visto una pluralità di film che non mi hanno invogliato a recensire. Da "Allied" (un omaggio a "Casablanca" poco ispirato e poco trascinante, a eccezione della prima mezz'ora ambientata in un  Marocco "di maniera" ma, tutto sommato, avvincente) ad "American Pastoral" (un dramma famigliare in cui la psicologia dei personaggi appare artificiosa e sopra le righe, travisando l'impostazione del romanzo di Roth a cui si ispira), da "Cafè Society" (molto celebrato e  ambientato negli anni '30,  l'ennesimo esercizio di stile di Woody Allen, una proposta la cui perfezione formale procede di pari passo con la ripetizione dei moduli abituali del regista e la scarsa forza  della narrazione) a "Ma Loute" (un film interessante, ma interpretato in modo così grottesco e caricaturale da generare nello spettatore il sospetto che gli attori fossero colti durante una crisi isterica non simulata). Per ultimo, ieri sera, l'orrido "Smetto quando voglio: Masterclass", un prodotto così scadente che bisognerebbe avviare una class action nei confronti del regista per richiedergli il risarcimento dei  danni.

"Il cliente", film del regista iraniano Farhadi, è una discreta proposta, lontana  dagli stilemi di Hollywood, ma vicina all'impianto teatrale occidentale contemporaneo. La vicenda si svolge in una Teheran sconvolta dall'urbanizzazione selvaggia, quartieri affollati di case costruite caoticamente che si specchiano in costruzioni analoghe. Un edificio minaccia di collassare, obbligando i residenti a una fuga precipitosa. I due protagonisti (Emad e Rana) - attori di teatro, appartenenti alla borghesia “liberal” della capitale- sono costretti a cercare un'altra casa. La troveranno, grazie all'aiuto di un collega della compagnia, ma finiscono nell'appartamento di una prostituta che ha lasciato i suoi  effetti personali in una stanza. Una sera Rana sente il suono del citofono, apre pensando che si tratti del marito, ma viene aggredita da uno dei clienti della precedente inquilina. Da quel momento, si mette in moto una valanga emotiva che rischia di seppellire l’equilibrio della coppia. I due protagonisti interpretano l’opera di Miller “Morte di un commesso viaggiatore”  La finzione teatrale si salda con quella cinematografica creando un gioco di rimandi e allusioni molteplici . Primo tra tutti, la transizione delicata che attraversa l’Iran da stato teocratico ai tentativi di riformismo che vede nel blocco sociale dei giovani e delle donne residenti nelle città i loro principali sostenitori. Come nella  piece di Miller (il commesso viaggiatore avverte la sua inadeguatezza rispetto al “sogno” americano,  vede la sua vita andare in pezzi perché è incapace di adattarsi all’ideologia del successo e dello “status symbol”) anche i protagonisti rischiano di perdere il controllo sulla loro vita, di nregredire verso condizioni che pensavano di avere superato definitivamente. Rana ha pura di stare da sola, teme il buio, vive nel terrore di essere nuovamente aggredita, Emad sente affiorare dentro di sé pulsioni  aggressive e un desiderio di vendetta “primitivo”, da orgoglio virile ferito, che mettono in pericolo la sua relazione di coppia.
La ricerca e l’identificazione  del cliente  comporta un’accelerazione dei ritmi e uno slittamento della pellicola verso il thriller. Il film è efficace nel proporre  uno spaccato di un paese che conosciamo quasi esclusivamente tramite il punto di vista dell’Occidente, ma pecca, a mio giudizio, di alcuni squilibri che lo rendono, a tratti, poco convincente.  La parte finale – compreso lo scioglimento che richiama alla lontana la fatalità e la catarsi delle tragedie classiche- appare un po’ forzata e introduce una notazione dissonante rispetto all’impianto generale della pellicola. Le analogie tra la quotidianità dei personaggi e la piece teatrale, pur suggestive, risultano imperfette e poco immediate.
Sul film, inoltre, grava lo spettro della censura: la narrazione è reticente, allusiva, sfiora i temi senza  affrontarli direttamente. Non si capisce se Rana è stata aggredita o anche violentata, i protagonisti non si rivolgono alla polizia per timore di uno scandalo, o forse la polizia è  corrotta, ma non si  può dire.
In sintesi: un film interessante, ma un po’ squilibrato strutturalmente e non compiutamente risolto. Gli elementi non sempre si integrano tra di loro  e la narrazione a volte scricchiola e perde fluidità.

[+] lascia un commento a writer58 »
Sei d'accordo con la recensione di Writer58?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
77%
No
23%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
gian carlo costadoni venerdì 10 novembre 2017
lo stile allusivo del regista
0%
No
0%

Mi sembra che la narrazione allusiva sia lo stile caratteristico, che mi piace molto, di questo regista, così come è tipico da parte sua proporci personaggi che sono tutti un impasto di chiari e di scuri. Non penso che ciò sia dovuto alla necessità di aggirare la censura, ma se ciò lo fosse bisognerebbe dire che si tratta di uno di quei numerosi casi in cui le difficoltà create all'artista favoriscono la nascita di un'opera d'arte.

[+] lascia un commento a gian carlo costadoni »
d'accordo?

Ultimi commenti e recensioni di Writer58:

Vedi tutti i commenti di Writer58 »
Il cliente | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
Pubblico (per gradimento)
  1° | writer58
  2° | vanessa zarastro
  3° | maurizio d
  4° | angelo umana
  5° | flyanto
  6° | filippo catani
  7° | enrico danelli
  8° | maurizio meres
  9° | catcarlo
10° | fabiofeli
11° | lbavassano
12° | lamoreaitempidelcolera
13° | giorgio
14° | goldy
15° | antonio ruggiero
16° | vincenzo ambriola
Premio Oscar (2)
Golden Globes (1)
Festival di Cannes (2)
Critics Choice Award (1)
BAFTA (1)


Articoli & News
Link esterni
Shop
DVD
Uscita nelle sale
giovedì 5 gennaio 2017
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità