Una settimana e un giorno

Acquista su Ibs.it   Dvd Una settimana e un giorno   Blu-Ray Una settimana e un giorno  
Un film di Asaph Polonsky. Con Uri Gavriel, Tomer Kapon, Sharon Alexander, Shai Avivi, Evgenia Dodina.
continua»
Titolo originale Shavua Ve Yom. Commedia drammatica, Ratings: Kids+13, durata 98 min. - Israele 2016. - ParthÚnos uscita giovedý 11 maggio 2017. MYMONETRO Una settimana e un giorno * * * - - valutazione media: 3,13 su 9 recensioni di critica, pubblico e dizionari. Acquista »
   
   
   

Ottimo esordio per l'israeliano Polonsky. Valutazione 4 stelle su cinque

di Great Steven


Feedback: 66594 | altri commenti e recensioni di Great Steven
sabato 2 maggio 2020

UNA SETTIMANA E UN GIORNO (ISR, 2016)
Diretto da ASAPH POLONSKY
Con Shai Avivi, Evgenia Dodina, Tomer Kapon, Uri Gavriel, Sharon Alexander, Carmit Mesilati Kaplan
Eyal e Vicky Spivak hanno appena perso il loro unico figlio, Ronnie. Terminata la Shiva (tradizionale settimana di lutto ebraica), devono ricominciare la vita di sempre. Devastati da un dolore palpabile, ciascuno reagirà a suo modo: Vicky tenterà di reinserirsi con impegno nella vita quotidiana e nel suo mestiere di insegnante di scuola elementare, mentre Eyal, uomo irascibile e dal temperamento leggermente immaturo, si sollazzerà con Zooler, lo scapestrato figlio degli odiati vicini di casa e amico di Ronnie, tra spinelli, partite di ping-pong, musica ad alto volume e una gita al mare. Eccoci dunque ad analizzare il film di debutto di un trentenne regista nato a Washington, ma cresciuto in Israele, che parte subito con un tema abbondante: l’elaborazione del lutto a seguito della scomparsa di una persona cara. Polonsky dimostra di avere le carte in regola per aprirsi e costruirsi un futuro cinematografico di tutto rispetto con questa commedia agrodolce già molto apprezzata al suo primo apparire, tanto da essere premiata sia al Jerusalem Film Festival che alla Semaine de la Critique di Cannes. I premi sono meritati, e lo attesta il tono costante con cui la pellicola comincia e prosegue, presentando personaggi psicologicamente molto ben descritti, ognuno motivato da uno scopo che ne esplica (non giustifica) i comportamenti. Da una parte abbiamo Vicky, irrigidita dalla sofferenza ma con l’intenzione ferrea di rimanere sempre e comunque imperscrutabile, che va dall’igienista, torna a scuola con la pretesa di allontanare senza preavviso il supplente e si tiene alla larga dai dirimpettai verso cui prova un astio irrisolto. Dall’altra troviamo Eyal che si muove nella direzione opposta, solidarizzando col figlio di questi ultimi e individuando in lui un perfetto compagno d’avventure, malgrado le sostanziali differenze caratteriali o proprio grazie a loro, per merito della loro capacità di compensazione e compenetrazione. Nel rapporto di amicizia che si crea fra Eyal e Zooler, la sceneggiatura, firmata dallo stesso Polonsky, evita con grazia e accortezza il rischio della caduta nella comicità demenziale, e in effetti un uomo alla sua prima esperienza col fumo e un ragazzo che fa il pony per un take-away di sushi ne avrebbero fornito un’occasione tradente. Con una coppia così stranamente assortita, si cerca allora di guardare alla vita nel tentativo di sorriderle, come si guarda una coppia di gattini che chiedono un sorriso. Ma i sorrisi tardano a manifestarsi, a meno che non li si vada a rintracciare sul volto di una bambina speciale la cui madre è ricoverata nella stessa clinica in cui stava Ronnie fino al giorno della sua morte. Possiamo pertanto assistere ad una delle più tenere scene di mimo che il cinema odierno ci abbia mai regalato, ponendo la nostra attenzione sul fatto che, in questo oceano di flussi mediatici, un momento da prendersi per fare silenzio e riflettere è doveroso e di un’utilità enorme. Un finale che abbraccia con semplicità il profondo significato dell’intera opera, mettendone in risalto l’umorismo tagliente e mai volgare nonché l’assurdità delle situazioni che, semmai anche nella vita reale, possono crearsi quando muore un figlio ad una coppia. Ricco di pathos, autoironia, malinconia e gag azzeccate nella loro metodica tranquillità, è un piacere da gustare insieme alla famiglia.

[+] lascia un commento a great steven »
Sei d'accordo con la recensione di Great Steven ?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
100%
No
0%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico

Ultimi commenti e recensioni di Great Steven :

Vedi tutti i commenti di Great Steven »
Una settimana e un giorno | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
Pubblico (per gradimento)
  1░ |
  2░ | vanessa zarastro
  3░ | great steven
  4░ | flyanto
Shop
DVD
Uscita nelle sale
giovedý 11 maggio 2017
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
mercoledý 25 novembre
High Life
Galveston
martedý 17 novembre
Gli anni amari
La vacanza
Gauguin
mercoledý 11 novembre
Volevo nascondermi
giovedý 5 novembre
L'amore a domicilio
Just Charlie - Diventa chi sei
Almost Dead
mercoledý 4 novembre
Una intima convinzione
mercoledý 28 ottobre
La partita
mercoledý 21 ottobre
L'assistente della star
mercoledý 7 ottobre
Gamberetti per tutti
L'anno che verrÓ
Nel nome della Terra
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità