Crimson Peak

Acquista su Ibs.it   Soundtrack Crimson Peak   Dvd Crimson Peak   Blu-Ray Crimson Peak  
Un film di Guillermo Del Toro. Con Mia Wasikowska, Jessica Chastain, Tom Hiddleston, Charlie Hunnam, Jim Beaver.
continua»
Titolo originale Crimson Peak. Horror, Ratings: Kids+13, durata 119 min. - USA 2015. - Universal Pictures uscita giovedì 22 ottobre 2015. - VM 14 - MYMONETRO Crimson Peak * * 1/2 - - valutazione media: 2,91 su 56 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   

Il ruggito dell'horror gotico Valutazione 3 stelle su cinque

di Paolo Salvaro


Feedback: 8278 | altri commenti e recensioni di Paolo Salvaro
domenica 25 ottobre 2015

CONTIENE SPOILER.  

Ohibò ... dunque è ancora possibile girare un film horror senza che vi siano fontane di sangue,  una finta presa diretta,  effetti speciali invadenti e jump scares inutili ogni minuto?   Pensavo che ormai il mercato fosse riservato a prodotti di quel tipo.    Invece ecco che Guillermo Del Toro mi smentisce, facendo uscire nelle sale questo Crimson Peak che è il suo ritorno al genere, esattamente 14 anni dopo La spina del diavolo girato in Spagna e recitato in lingua locale.    Lodevole inanzitutto la scelta di far recitare la parte del baronetto inglese ad un vero "Sir"  come Tom Hiddleston.  Dall'Australia con amore arriva Mia Wasikowska, un'attrice con una filmografia già di tutto rispetto e che di recente si era cimentata nei panni di Madame Bovary in un riadattamento non del tutto riuscito del celebre romanzo di Flaubert.   

Il film, ambientato all'inizio del XX secolo se non prima,  inzia con l'abc dei clichè dei film horror:  una bambina nel cuore di una notte piovosa  (!)   viene messa in guardia dal fantasma di  sua madre che le intima di non recarsi a Crimson Peak ...  ed ovviamente lei poi finirà a Crimson Peak, anche se a sua insaputa, che altro non è che un'antica magione colma di mistero e segreti al cui confronto la Manderley di Rebecca (1940)  era un posto accogliente.  Probabilmente l'arredatore del posto è uscito direttamente da Bettlejuice.  Mi aspettavo di veder comparire Winona Ryder dietro ogni angolo, a levitare in divisa da scolaretta al ritmo di "Shake, shake, shake, Senora, shake your body line!".    La nostra protagonista si innamora di un gentiluomo inglese di professione inventore, venuto nel nuovo continente in cerca di finanziamenti per una sua nuova creazione e questo amore la porterà al centro del letale turbine di avvenimenti che si susseguiranno fino alla fine del film.  

Ora, il solo vero difetto di questa pellicola è l'essere molto (forse troppo)  prevedibile, sia nell'evoluzione che nella risoluzione.  Era ad esempio palese che il rapporto tra il gentleman inglese e la sorella che si porta sempre accanto fosse molto più che affettivo.   Giuro, per quanto Game Of Thrones mi stia sulle balle e non lo possa soffrire,  la prima cosa che ho pensato dopo averli visti per la prima volta sullo schermo è stata:   "ehi, ehi, ehi ... qualcuno ha lasciato dei Lannister in giro?".   Poi, che ad uccidere il padre di lei fosse stata la "sorella cattiva" e perversa era talmente ovvio che ad un certo punto avevo sperato in un plot twist:  "in realtà ad ucciderlo è stato il dottor McMichael perchè è un folle omicida", così, a caso.   Sarebbe stato decisamente più forzato, ma anche meno scontato.  Sa di già visto anche il trucco del veleno nel thè, o almeno, a chiunque ha già visto Rosemary's Baby (1968), ma in ogni caso è anch'esso un passaggio assai facile da intuire, perchè nel momento in cui la narrazione insiste sempre su quella determinata bevanda per due, tre, quattro, cinque volte almeno, qualche sospetto verrebbe anche al più ottuso fra gli spettatori;  mentre invece il "ti rubo la chiave- lei lo scopre ma fa finta di niente- la rimetto al suo posto facendo il tuo gioco"  sa tanto di Notorious  (1946).   Insomma, ho trovato tante citazioni più o meno volontarie ad alcuni capolavori di genere e non, ma a grandi linee si può definire Crimson Peak come un infilare un film di Tim Burton ed uno di Alfred Hitchcock nel frullatore e farlo poi azionare da Roman Polanski,  il che non è assolutamente una cosa negativa, anzi, a me il film è piaciuto.  

I fantasmi però non mi hanno molto convinto, voglio dire, senza dubbio visivamente inquietanti ed ammirabili per realizzazione, ma perchè gli spiriti delle varie vittime assumono all'istante, a distanza di pochissimo tempo, un aspetto così deformato?  Ovviamente è per suscitare sgomento e panico nello spettatore, ma mi è sembrato a tratti eccessivo vincolare le varie apparizioni solo a questo aspetto e per il resto lasciare i fantasmi del tutto fuori dalla storia.   Ero sicuro che alla fine la "sorella cattiva"  avrebbe avuto a che fare con i fantasmi delle tre ex mogli di suo fratello incazzate come tre vespe, invece Del Toro ha scelto una strada del tutto diversa, affidando alla protagonista il compito di rifilarle la .. ehmn ... badilata di grazia.  Ed anche questa non è assolutamente una cosa negativa, anzi, il finale è la parte migliore del film.   Quando la protagonista di avvicina al fantasma del suo amato ecco che Guillermo cala l'effetto speciale migliore del film, con il sangue che rimane a fluttuare nell'aria sebbene la ferita da cui sgorga appartenga al corpo di un defunto, come si era già visto anche ne La spina del diavolo, ma ancor più spettacolare.  

Nel complesso, una fusione degna di nota tra le atmosfere dell'horror gotico e le migliori tecnologie odierne, mix rinvenibile anche nella colonna sonora composta da Fernando Velàzquez, semplicemente perfetta.   Del Toro ha diretto il film con grande personalità e dato un'impronta precisa alla sceneggiatura che ogni volta, nel momento in cui sembra rivolgersi più alla componente romantica che a quella horrorifica, colpisce lo spettatore alle spalle con una forza impressionante.   Buona anche la prova dell'intero cast.   La forza dei due personaggi femminili della storia è ottimamente resa dalle due attrici coinvolte nel progetto:  Mia Wasikowska si trasforma in tutto e per tutto in una raffinata ed indipendente dama di un'epoca lontana, mentre Jessica Chastain impressiona ancora una volta per la duttilità con cui interpreta i ruoli più disparati, stavolta una psicopatica corrosa fin nell'animo da una morbosa passione amorosa, distruttiva sia per sè stessa che per chiunque le sta intorno.  

Film non eccelso ma sicuramente buono.  Tre stelle meritate.    

[+] lascia un commento a paolo salvaro »
Sei d'accordo con la recensione di Paolo Salvaro?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
20%
No
80%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico

Ultimi commenti e recensioni di Paolo Salvaro:

Vedi tutti i commenti di Paolo Salvaro »
Crimson Peak | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Gabriele Niola
Pubblico (per gradimento)
  1° | claudiofedele93
  2° | laurence316
  3° | corazzata potiomkin
  4° | parieaa
  5° | marezia
  6° | armando bonacci
  7° | jacopo b98
  8° | ladyanair�96
  9° | iris 29
10° | tmpsvita
11° | asdrubale03
12° | noia1
13° | juri moretti
14° | eleonora panzeri
15° | alexmanfrex
16° | iuriv
17° | suburro
18° | mickey97
19° | tatiana micaela truffa
20° | morganakam
21° | themaster
22° | kleber
23° | ludwigzaller
24° | gael t.
25° | paolo salvaro
26° | midnightmoonlight
27° | compos sui
28° | hammerman2
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità