Class Enemy

Acquista su Ibs.it   Dvd Class Enemy   Blu-Ray Class Enemy  
Un film di Rok Bicek. Con Igor Samobor, NataÜa Barbara Gracner, Tjasa Zeleznik, Masa Derganc, Robert Prebil, Voranc Boh, DaÜa Cupevski, Doroteja Nadrah Titolo originale Razredni sovraznik. Drammatico, durata 112 min. - Slovenia 2013. - Tucker Film uscita giovedý 9 ottobre 2014. MYMONETRO Class Enemy * * * 1/2 - valutazione media: 3,78 su 29 recensioni di critica, pubblico e dizionari. Acquista »
   
   
   

l'uomo venuto dal freddo Valutazione 4 stelle su cinque

di pepito1948


Feedback: 125 | altri commenti e recensioni di pepito1948
mercoledý 15 ottobre 2014

Una scuola slovena. Una classe liceale, briosa e ben assortita nella sua varietà tipologica. Un corpo insegnante unito sulla scelta di metodologie formative moderne e “democratiche”. Una professoressa che deve assentarsi temporaneamente per gravidanza,  molto apprezzata dagli studenti per capacità di dialogo e  contraddittorio. Fin qui tutto scorre in modo lineare. Ma c’è un nemico in agguato.
La tragica morte di una delle studentesse per motivi ignoti rompe l’equilibrio. Un nuovo insegnante di tedesco, chiamato a sostituire la collega  incinta, si mostra portatore di una diversità che genera scompiglio, riluttanza, diffidenza: aspetto austero, metodo ispirato all’intransigenza, scarsa inclinazione alla facile negoziazione. Il microcosmo classe, scosso da improvvisi  ed inquietanti eventi, evidenzia le sue crepe ed i collanti si sciolgono, sicchè monta la ribellione; i ragazzi, non più così armoniosamente legati, mostrano i propri aspetti più ombrosi, le debolezze più profonde, la fragilità di una minuscola società che, come specchio della comunità di cui fa parte, esplode sotto la spinta di represse contraddizioni. Si cerca il capro espiatorio che giustifichi la rabbia, l’impotenza a capire, la frustrazione dell’imprevisto cambiamento: i coltelli vengono puntati su lui, sul diverso, sul nuovo che sa di vecchio, l’uomo che viene dal freddo, il nemico da abbattere. Il nazista dai modi ruvidi ed altezzosi. E così via crescendo. Ma l’alleanza contro qualcuno non basta a tenere uniti gi animi: i sottoinsiemi si sgretolano, i genitori litigano, gli insegnanti si sgranano, i leader della classe si azzuffano, gli studenti prendono posizioni sempre più differenziate. La ribellione diventa fine a se stessa e gli obiettivi sbiadiscono. La prova d’orchestra sbanda paurosamente, la bacchetta del direttore va a vuoto, amplificando le dissonanze. Nell’OK Corral finale resta il dubbio sull’esito della battaglia, perché questa ha rimesso in discussione tutti i valori in campo, senza un chiaro vincitore.
Tra i tanti film girati in “classe” nella storia del cinema, in genere orientati a seguire, secondo diverse angolazioni, le dinamiche di gruppo come fossero un test di psicologia sui rapporti di forza, questo del giovane sloveno Bicek si presenta come un’opera a tesi: nel piccolo mondo della scuola, oggi fortemente articolato socialmente, etnicamente, culturalmente come la società da cui proviene, tutto è tenuto insieme da un involucro posticcio di convenzioni, ipocrisie, falso spirito democratico e dialogante; basta un intervento esterno dotato di forza anticonformista per distruggere quell’impalcatura di consenso artificioso, con conseguente messa a nudo delle realtà umane più profonde e più vere e l’insorgere di spinte disgregatrici. I forti diventano deboli,  i pacifici violenti, i coraggiosi vigliacchi e via dicendo. Il prof. Zupan, contrariamente a quanto sembra a primo acchitto,  non è che un passivo deus ex machina, il cui anticonformismo, come un sasso gettato nel lago, mette in moto processi autodegenerativi che non risparmiano nessuno, né i ragazzi, né i docenti né i genitori. Ce n’è per tutti, e nessuno esce indenne da questa mutazione al ribasso. Come se ne esce? C’è sempre qualcuno che propone un nuovo compromesso che rimette in sintonia il gruppo, ricreando un nuovo involucro che reggerà fino a nuovi scossoni. La prima opera di Bicek, girata con telecamere mobili per dare più realismo alle fluttuazioni delle dinamiche in atto, è abile nello spiazzare le attese dello spettatore, togliendo certezze a ruoli che via via si sgretolano, e scoprendo la crescente vulnerabilità di un gruppo sociale -abituato ad arroccarsi nell’ipocrisia, nell’opportunismo, nel compromesso al ribasso- nell’ affrontare il diverso che irrompe bollandolo come nemico da abbattere per non soccombere davanti alla propria incapacità di tenuta identitaria. Un film che ha il pregio, tra gli altri, di lasciare una scia vischiosa di spunti di riflessione.

[+] lascia un commento a pepito1948 »
Sei d'accordo con la recensione di pepito1948?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
80%
No
20%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico

Ultimi commenti e recensioni di pepito1948:

Vedi tutti i commenti di pepito1948 »
Class Enemy | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
Pubblico (per gradimento)
  1░ | pepito1948
  2░ | flyanto
  3░ | no_data
  4░ | angelo umana
  5░ | luanaa
  6░ | emanuela
  7░ | cinebura
  8░ | zarar
  9░ | resca26
10░ | veritasxxx
11░ | peer gynt
Rassegna stampa
Boyd van Hoeij
Alissa Simon
Approfondimenti
il set in classe
Link esterni
Sito ufficiale
Shop
DVD
Uscita nelle sale
giovedý 9 ottobre 2014
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità