Faust

Acquista su Ibs.it   Dvd Faust   Blu-Ray Faust  
Un film di Aleksandr Sokurov. Con Johannes Zeiler, Anton Adasinsky, Isolda Dychauk, Georg Friedrich, Hanna Schygulla.
continua»
Titolo originale Faust. Drammatico, durata 134 min. - Russia 2010. - Archibald Enterprise Film uscita mercoledì 26 ottobre 2011. MYMONETRO Faust * * * * - valutazione media: 4,04 su 62 recensioni di critica, pubblico e dizionari. Acquista »
   
   
   
writer58 domenica 30 ottobre 2011
eros e thanatos Valutazione 0 stelle su cinque
80%
No
20%

Il film "Faust" del regista russo Sokurov, opera conclusiva di una tetralogia dedicata al potere, mi ha lasciato impressioni contrastanti: mi è parso un lavoro eccezionale da un punto di vista pittorico, un insieme di quadri potenti che paiono mutuati dalla scuola fiamminga, con particolare riferimento a Peter Bruegel "il vecchio" -alcune sequenze appaiono riprese da composizioni come "Il trionfo della morte" e "La torre di Babele" sia nella rappresentazione degli ambienti, sia nell’affollamento dei corpi quasi sovrapposti e ammucchiati gli uni sugli altri- e che esprimono con straordinaria pregnanza una sensazione di disfacimento e morte incombenti. Tuttavia, al di là di questi meriti incontestabili, a cui va aggiunta la ricostruzione visionaria di una Germania tardo settecentesca che pare la parente stretta di quella medioevale e che contiene molteplici segni di dissoluzione –dalle foglie morte che tappezzano i sentieri di campagna, ai corpi straziati dalle autopsie, alle strade fangose e claustrofobiche-, la pellicola mi è parsa tuttavia una proposta difficilmente assimilabile, che oppone resistenza al piacere della visione. [+]

[+] ricambio... (di flavia58)
[+] concordo pienamente (di pepito1948)
[+] che fatica questo faust ! (di tittina)
[+] bravo!!!!!!!!! (di weach )
[+] lascia un commento a writer58 »
d'accordo?
osteriacinematografo giovedì 9 febbraio 2012
delirante viaggio nell'abisso dell'anima Valutazione 4 stelle su cinque
93%
No
7%

Il Faust di Sokurov è un’opera maestosa, devastante, che rimane incollata alle sinapsi di chi ne asseconda le mosse. Il film è l’ultima parte della tetralogia (Moloch-Taurus-Il sole-Faust) del regista russo, e, per quanto rappresenti probabilmente il minimo comune denominatore dell’opera nel suo complesso, ha una  vita e un respiro propri, peraltro intensissimi.

Faust è un dottore, uno scienziato ottocentesco di cui non si riconoscono i meriti; il suo studio è in realtà una lercia macelleria; vive e si muove nell’indigenza, nella sudicia lordura di tuguri freddi e cadenti, e la sua professione mal pagata non è sufficiente a sfamarlo e sopravvivere. [+]

[+] tanto spazio alla descrizione della trama (di weach )
[+] lascia un commento a osteriacinematografo »
d'accordo?
rosmersholm sabato 5 novembre 2011
inoltre... Valutazione 5 stelle su cinque
68%
No
32%

Il valore del film di Sokurov non sta nel "messaggio". E dubito fortemente che abbia senso analizzarerne in questo senso il plot. Qualcuno paragona il film ai suoi precedenti letterari che utilizzano il linguaggio scritto. Quello di Sokurov non è un libro ma un'opera d'arte audiovisiva che utilizza un linguaggio specifico che è il senso profondo dell'opera stessa. Se si cerca di decifrarlo da un punto di vista "filosofico" si commette un errore d'ingenuità. L'immagine e il suono dell'opera, i suoi colori, fotografia, montaggio, ecc. trasmettono un'emozione fisica, dire quasi espressionistica, che travalica la ricerca di un significato razionale. Ci si deve porre di fronte ad un'opera come questa, come di fronte ad un quadro o, se vuole, come all'ascolto di di una grande musica (magari contemporanea). [+]

[+] bravo!!!!!!!!!!!!!!! (di weach )
[+] lascia un commento a rosmersholm »
d'accordo?
flavia58 martedì 1 novembre 2011
ni Valutazione 3 stelle su cinque
68%
No
32%

Sokurov ha posto in essere tutta la sapienza di un ottimo regista : dal taglio raffinato dell'inquadratura, alla scelta dei personaggi, all'atmosfera volutamente sospesa, alla polvere del tempo su di un tempo senza confini : il che trova precisi contrappunti in ambienti dove il Medioevo si stempera nell'Ottocento, per finire nel grunge post-atomico dei dialoghi finali. Per scene ed inquadrature le critiche hanno scomodato Bosch e Bruegel, ma vi si ravvisa dell'ossianico e l'evocazione degli scritti di Tolkien... In realtà Sokurov è un intellettuale e, come tale, sa attingere, non v'è dubbio. Quel che, a parer mio, lascia perplessi è il target "filosofico" (il messaggio): tutto è reso alla perfezione,soprattutto il senso di affastellamento fisico e mentale, di cose, persone, idee, sensazioni, tempo, spazio, simboleggiante il "grande scherzo" che è la vita, l'affannosa ricerca, da parte dell'uomo, di risposte, punti fermi, verità ed ordine del sapere. [+]

[+] ottima recensione (di writer58)
[+] nichilismo e disperazione (di pepito1948)
[+] un mondo che si rispecchia in una lavagna oscura (di weach )
[+] è la terza volta che provo a lascirti un messaggio (di weach )
[+] lascia un commento a flavia58 »
d'accordo?
sblob venerdì 4 novembre 2011
un pippone sì ma magnifico Valutazione 3 stelle su cinque
65%
No
35%

 Comincia con il sesso maschile, un pene avvizzito e grigio di un cadavere nel cui corpo tra le viscere le mani di Faust scavano avidamente. Termina con il sesso femminile, una pallida vagina coperta da peluria dorata di una giovane vergine e di nuovo le mani di Faust che esplorano il candido ventre con insaziabile bramosia. Al centro sta il corpo sgraziato e privo di sesso appartenente a questa sottospecie di Mefistofele aguzzino e usuraio che si trascina dietro l'inconsolabile Faust in una lunga marcia, un pellegrinaggio, un'interminabile salita al Calvario le cui stazioni sono contrassegnate dalle pulsioni umane.

Il colore della pellicola è tutto sui toni freddi, è sinistro, sulfureo. [+]

[+] bravo!!!!!!!!!!!!!!!!!! (di weach )
[+] lascia un commento a sblob »
d'accordo?
omero sala giovedì 1 dicembre 2011
spiazzante, disagevole, inquietante, duro, livido, Valutazione 5 stelle su cinque
78%
No
22%

Fin dalle prime inquadrature l’impatto è sconcertante: la cinepresa spazia nel cielo infinito e plana  lentamente sopra una fumosa città annidata in un vallone compresso fra un mare grigio e una montagna ferrigna, scivola fra i muri scrostati di una strada tortuosa, penetra in un tugurio sordido e freddo, indugia sul dettaglio del pene bluastro di un cadavere in decomposizione che Faust sta dissezionando mentre spiega al suo importuno discepolo che fra quei visceri maleodoranti non può trovare spazio l’anima.
Tutto il film si snoda poi in spazi opprimenti, fra straducole strette, portici e sottopassi bui, piazze inclinate, passaggi angusti (con corpi che si accalcano), case sghembe, stanze strette e basse ingombre di masserizie inutili e popolate da un brulicume di topi, scale avvitate e ripide, porte sospese che si aprono nel vuoto. [+]

[+] splendidi aggettivi anche se nella loro negatività (di weach )
[+] lascia un commento a omero sala »
d'accordo?
g. romagna martedì 27 marzo 2012
faust Valutazione 5 stelle su cinque
83%
No
17%

Faust, medico indigente, è un uomo che si interroga su Dio, sulla morte, sull'essenza del bene e del male. Non sa trovare prospettiva in vita, non sa dare un senso a ciò che vede e nemmeno le Sacre Scritture riescono a dargli risposta. Un giorno, recatosi da un usuraio per dare in pegno un anello, conosce un uomo, che si rivela essere un demone inviato da Satana (Mefistofele, secondo il racconto di Goethe) per prendersi cura di lui. Incomincia qui il cammino di Faust lungo la via della scoperta del peccato e dell'esistenza di un senso e di una salvezza divina. In una rissa in osteria, Faust uccide inavvertitamente un soldato, poi si innamora della sorella. Ella viene a sapere che Faust è l'omicida, ma l'attrazione tra i due permane. [+]

[+] complimenti quoto (di weach )
[+] lascia un commento a g. romagna »
d'accordo?
maria cristina nascosi sandri martedì 13 dicembre 2011
un uhr-faust cinematografico Valutazione 5 stelle su cinque
78%
No
22%

Il FAUST di Sokurov, Leone d’oro 2011 a Venezia, finalmente nelle sale di Maria Cristina NASCOSI SANDRI Arriva finalmente nelle sale l’ultimo capolavoro, in ordine di tempo, di Aleksandr Sokurov, quello che chiude una tetralogia di grande valore, tema gli effetti corruttivi del Potere, iniziata con gli studi di Adolf Hitler ("Moloch", 1999), proseguita con Vladimir Lenin ("Il Toro", 2000) e l’imperatore giapponese Hirohito ("Il Sole", 2004). L’opera è ispirata, più o meno liberamente, all’uhr-Faust di Goethe, il Faust ‘primario, originale’, benché, in ordine di tempo, il primo grande testo sull’argomento, risalga a quasi due secoli prima, di mano di Christopher Marlowe, il grande antagonista (o alter ego? ) contemporaneo di Shakespeare: entrambi erano nati, infatti, nel 1564. [+]

[+] lascia un commento a maria cristina nascosi sandri »
d'accordo?
toro sgualcito domenica 13 novembre 2011
lento con strettoie, andante diabolico con fetori Valutazione 3 stelle su cinque
75%
No
25%

Entrare nel Faust di Sokurof è come entrare in una di quelle grigie budella che, nel film, il dr.Faust estrae da un cadavere per le sue ricerche sul corpo umano. Corpo, inteso come materia biologica orizzontale: il cervello al pari di una scoreggia sono elementi di pari dignità scientifica. Il dr.Faust di Sokurof attorciglia il pensiero scientifico illuminista allo slancio romantico della ricerca di un riscatto che possa dare senso alla misera condizione umana. Infatti la ricerca della conoscenza della vita attraversa il film fino alla fine e le ultime parole che nel finale Sokurof fa gridare al dr.Faust ne sono testimonianza. Wagner, l'aiutante del dr.Faust, che invece cerca l'anima tra le viscere del corpo umano rimane intrappolato nel pensiero illuminista e si avvia alla disperazione. [+]

[+] ciao toro sgualcito (di weach )
[+] toro sgualcito speciale (di weach )
[+] lascia un commento a toro sgualcito »
d'accordo?
weach venerdì 8 giugno 2012
àgàpe del yin e dello yang Valutazione 4 stelle su cinque
68%
No
32%

a danza avvelenata del male ?
Il viaggio?

S
eduti sui carboni ardenti?
Lontani dalla luce alla ricerca dell'anima
?
Il movimento energetico proposto, a tratti, si condensa in immagini surreali ; in altri  in  dialoghi intensi e struggenti;altrove   disperdendosi nelle  vibrazioni musicali che interrompono silenzi ingombranti; manche   in percorsi magici potenti. Opera da assaporare senza fretta , offrendo la nostra disponibilità , negandoci  eccessive distrazione.
Preferisco immaginare la pellicola come " il viaggio"!!!!!!!!!
ll nostro. [+]

[+] ringrazio il forum per l'assenza di condivisione (di weach )
[+] lascia un commento a weach »
d'accordo?
pagina: 1 2 3 »
Faust | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Marianna Cappi
Pubblico (per gradimento)
  1° | writer58
  2° | osteriacinematografo
  3° | rosmersholm
  4° | flavia58
  5° | sblob
  6° | omero sala
  7° | g. romagna
  8° | maria cristina nascosi sandri
  9° | toro sgualcito
10° | weach
11° | antonio canzoniere
12° | weach
13° | alexander 1986
14° | weach
15° | riccardo76
16° | riccardo76
17° | estonia
18° | paolo t.
19° | weach
20° | weach
21° | weach
22° | captainbeefheart
23° | weach
24° | weach
25° | nick castle
26° | renato volpone
27° | weach
Festival di Venezia (1)
Nastri d'Argento (1)


Articoli & News
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 |
Link esterni
Shop
DVD
Uscita nelle sale
mercoledì 26 ottobre 2011
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità