Hunger

Acquista su Ibs.it   Soundtrack Hunger   Dvd Hunger   Blu-Ray Hunger  
Un film di Steve McQueen. Con Michael Fassbender, Liam Cunningham, Stuart Graham, Brian Milligan, Liam McMahon.
continua»
Drammatico, durata 96 min. - Gran Bretagna, Irlanda 2008. - Bim Distribuzione uscita venerdì 27 aprile 2012. MYMONETRO Hunger * * * * - valutazione media: 4,25 su 74 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   
writer58 martedì 1 maggio 2012
fino all'ultimo respiro... Valutazione 5 stelle su cinque
92%
No
8%


"Verrà il giorno in cui tutta la gente d'Irlanda potrà mostrare il desiderio di libertà. Sarà allora che vedremo sorgere la luna »
(The diary of Bobby Sands
)

Maze, NordIrlanda, 1981.
Il corpo di Bobby Sands scheletrito, pieno di ulcere, gli organi che cedono uno per uno, la vista che si annebbia,la coscienza tenuta vigile solo da una determinazione immensa, 66 giorni di digiuno totale fino alla morte. La morte come strategia di pressione per ottenere lo status di "prigioniero politico" ed estremo tentativo di riprendersi la propria libertà, il proprio diritto di scegliere. [+]

[+] due file parallele (di angelo umana)
[+] la pietà e la tatcher (di misesjunior)
[+] lascia un commento a writer58 »
d'accordo?
osteriacinematografo mercoledì 4 luglio 2012
l'agonia di bobby sands Valutazione 4 stelle su cinque
98%
No
2%

 Irlanda del nord, anni 70. Margaret Thatcher, primo ministro d’Inghilterra, ha abolito lo status di prigioniero politico, e i detenuti appartenenti all’IRA debbono sottostare al regime carcerario ordinario, subendo la sorte e la destinazione dei criminali comuni. In seguito a tal decisione, i membri della resistenza armata irlandese detenuti a Long Kesh –più noto come Maze (Labirinto)- decisero così di porre in essere una serie di atti di protesta eclatanti: nel 1976 diedero  vita alla protesta delle coperte (blanket protest), rifiutando di indossare l’uniforme carceraria ;  nel 1978 procedettero alla “protesta dello sporco “ (dirty protest), una sorta di sciopero dell’igiene in base al quale i detenuti rifiutavano ogni forma di pulizia, imbrattando i muri coi propri escrementi e inondando d’urina i corridoi. [+]

[+] lascia un commento a osteriacinematografo »
d'accordo?
tiamaster lunedì 30 aprile 2012
un film che resterà. Valutazione 5 stelle su cinque
77%
No
23%

"Hunger" è un film molto difficile da recensire,in quanto è praticamente impossibile parlarne senza prendere in considerazione il lato storico e politico.Di fatto hunger è un capolavoro,sia dal aspetto cinematografico (una pellicola che è puro cinema,memorabile il discorso tra il prete e Bobby Sands interpretato da un fassbender STRAORDINARIO) sia da quello emotivo (alcune scene sono talmente crude e feroci da risultare INSOPPORTABILI,e pensare che certi eventi siano accaduti VERAMENTE è TREMENDO);inutile dire a questo punto che è anche un magnifico ritratto di un intero momento storico,troppo delicato,importante e BARBARO per essere discusso in una recensione cinematografica. [+]

[+] lascia un commento a tiamaster »
d'accordo?
michele recchia martedì 24 aprile 2012
l'esordio del regista steve mcqueen Valutazione 4 stelle su cinque
89%
No
11%

 Esordio molto impegnativo del regista Steve McQueen. L’argomento trattato è la ribellione in carcere dei militanti dell’IRA negli anni ’80 e soprattutto del loro sciopero della fame che porterà alla morte di alcuni di essi, a cominciare dal loro capo, il purtroppo celebre Bobby Sands. E su di lui si impernia il film e l’intero racconto.
Opera divisa praticamente in tre parti.
La prima mostra gli arresti degli attivisti nordirlandesi e le violenze inferte loro dalle guardie carcerarie; quindi sequenze di scene dure e cruente, da stomaci forti. Ma anche i ribelli sono duri e resistono a qualsiasi massacro in nome della loro fede, perché non diversamente si può chiamare il loro credo politico che li spinge unitariamente a resistere a tutti i soprusi e punizioni che devono sopportare. [+]

[+] concordo (di fabrizio dividi)
[+] lascia un commento a michele recchia »
d'accordo?
diomede917 lunedì 30 aprile 2012
the passion of bobby sands Valutazione 5 stelle su cinque
85%
No
15%

Il cinema ci aveva già fatto conoscere le vicissitudini di Bobby Sands nel commovente Una Scelta d’amore dove la sua storia era rappresentata dal punto di vista di una madre orgogliosa e battagliera. Hunger invece entra dentro la storia sia quella con la s minuscola che quella con la S. Il debuttante Steve Mc Queen la prende alla larga, prima ci fa conoscere come si viveva nel 1980. Giustissima e coraggiosa la scelta di aprire con uno dei poliziotti più violenti del film, seguendolo nella sua quotidianità fatta di colazione preparata dalla moglie, controllo di bombe sotto la macchina e le mani (il suo vero attrezzo di lavoro) a mollo nell’acqua fredda per riposarle. Giustissima e coraggiosa la scelta di farci conoscere la protesta irlandese tramite due non protagonisti, seguire sia la protesta della coperta (ossia il rifiuto di indossare la divisa carceraria e restare nudi slo con una coperta addosso) che quella dello sporco (cospargendo di feci i muri e rovesciando l’urina nei corridoi del carcere moto di ribellione per le botte prese nei bagni durante i bisogni). [+]

[+] dettaglio non futile (di angelo umana)
[+] lascia un commento a diomede917 »
d'accordo?
ashtray_bliss giovedì 27 settembre 2012
film conturbante ma audace sulla resistenza morale Valutazione 4 stelle su cinque
82%
No
18%

Hunger significa ''fame'' ma il film non si limita a riferirsi alla fame come istinto umano, quella che Bobby Sandsha volutamente deciso di combattere, ma il film si riferisce anche alla fame per la giustizia e fame per quell'ideale di liberta' che Bobby vuole portare avanti a tutti i costi, anche, o forse sopratutto, al costo di sacrificarsi.
Hunger, e' la storia di un uomo, Bobby Sands, e di tutti gli altri uomini come lui, che essendo detenuti in una delle carceri piu' severe e controllate, essendo sempre esposti alla violenza e degrado, ritenuti sempre e solo dei terroristi che vanno repressi e umiliati, in primis a suon di violenza fisica. [+]

[+] lascia un commento a ashtray_bliss »
d'accordo?
pepito1948 giovedì 3 maggio 2012
thatcher e i suoi misfatti Valutazione 4 stelle su cinque
91%
No
9%

Un carceriere della prigione di Maze in Ulster conduce una vita normale, tra celie con i compagni, ordinari atti quotidiani in famiglia,  qualche misura di autodifesa (il controllo sotto la propria macchina), ma ha un problema; le sue nocche sanguinano perennemente, le ferite non si chiudono, come quelle delle vittime delle sue violenze, finchè qualcuno decide che è arrivata la sua ora. Questa volta è lui la vittima, ed il suo sangue inonda come in una tragedia greca il corpo inerte della madre. Questo il prologo che svela il vero protagonista del racconto, il sangue, quello che sgorga inesorabile dal corpo martoriato dalla violenza. A Maze i prigionieri irlandesi dell’IRA sono corpi nudi avvolti in una coperta in balia della brutalità senza limiti del Potere (del Governo Thatcher come dei carcerieri degli H Blocks, la sezione di massima sicurezza); corpi piagati, torturati, che tuttavia non rinunciano ad azioni di protesta anche terribilmente forti (come l’uso dimostrativo dello sporco) per riottenere lo status di prigioniero politico con gli annessi diritti. [+]

[+] lascia un commento a pepito1948 »
d'accordo?
donni romani martedì 1 maggio 2012
lo stile mc queen trasforma la cronaca in arte Valutazione 4 stelle su cinque
75%
No
25%

Prima collaborazione Mc Queen - Fassbender tre anni prima di Shame (Hunger è infatti del 2008), Camera d'Oro a Cannes e manifesto dichiarato dello stile Mc Queen, visivo, fisico, inquietante e spiazzante. Il film segue la storia di Bobby Sands, esponente della lotta per l'indipendenza irlandese, in carcere negli Anni Ottanta quando Margareth Thatcher abolì lo status di prigioniero politico equiparando di fatto tutti i detenuti appartenenti all'Ira a terroristi comuni. A questo seguì lo sciopero "dello sporco" represso dalle guardie carcerarie con una ferocia impressionante e un ben più definitivo sciopero della fame in cui morirono ben nove detenuti in sette mesi, fra cui Bobby Sands appunto. [+]

[+] lascia un commento a donni romani »
d'accordo?
claudiofedele93 lunedì 7 ottobre 2013
mcqueen ed il suo primo capolavoro! Valutazione 5 stelle su cinque
86%
No
14%

Il senso di concreto disturbo, accompagnato daldisgusto e dalla curiosità, che lascia Hunger nello spettatore è la dimostrazione che il messaggio che voleva mandare McQueen è arrivato dritto al cuore e che nulla è stato vano. [+]

[+] lascia un commento a claudiofedele93 »
d'accordo?
hidalgo mercoledì 9 maggio 2012
quando il cinema è arte Valutazione 5 stelle su cinque
78%
No
22%

Arrivato in Italia con 4 anni di ritardo, Hunger,  film d'esordio di Steve McQuenn, maniaco della cinepresa, è un capolavoro di stile, di tecnica cinematografica. Un'opera d'arte di cruda bellezza, estremamente realistico nella sua violenza fisica e mentale ma mai gratuita, mai fine a se stessa. Girato con un budget ridotissimo, "accompagnato" da una regia che è nello stesso tempo essenziale e minimalista ma geniale e ricercata, McQuenn usa le immagini al posto delle parole, il linguaggio del corpo (straziato) al posto del linguaggio vocale, "concedendo" in sostanza un unico, strepitoso dialogo nel magistrale piano sequenza dove Fassbender e Cunningham servono allo spettatore un ricco contorno di parole funzionali al prelibato pasto che è il film in se stesso. [+]

[+] lascia un commento a hidalgo »
d'accordo?
pagina: 1 2 3 »
Hunger | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
Festival di Cannes (1)


Articoli & News
Immagini
1 | 2 | 3 |
Link esterni
Sito ufficiale
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità