Totò contro Maciste

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (n.d.)
 dizionari * * * - -
 critican.d.
 pubblicon.d.
Totò
Totò 15 Febbraio 1898 Interpreta Totokamen; Sabakis, suo padre
Nino Taranto
Nino Taranto 28 Agosto 1907 Interpreta Tarantenkamen
Samson Burke
Luigi Pavese
Luigi Pavese 25 Ottobre 1897 Interpreta Il proprietario del locale notturno di Tebe
Nadia Sanders
Nadia Sanders (87 anni) 12 Agosto 1931 Interpreta Faraona
Nerio Bernardi
Nerio Bernardi 23 Luglio 1899 Interpreta Faraone Ramsis
Un commediante si spaccia per semidio ed è costretto dal faraone a guidare le armate contro i nemici.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast
primo piano
Brillante parodia del genere storico-mitologico
Jleana Cervai     * * * - -
Questo film è disponibile in versione digitale, scopri il miglior prezzo:
TROVASTREAMING
Locandina Totò contro Maciste

Un antico Egitto moderno è lo sfondo di questa avventurosa vicenda in cui Totò si trova a vestire i panni di Totokamen, un giocoliere che si esibisce nelle taverne in coppia con il compare Tarantenkamen. Totokamen finisce per diventare vittima dei suoi stessi trucchi, dal momento che la sua (chiaramente infondata) fama di uomo più forte del mondo giunge fino al Faraone d'Egitto che, chiamatolo a corte, gli affida il comando dell'esercito per fronteggiare l'arrivo di Maciste alla guida delle truppe assire. Considerato dal popolo egiziano niente meno che il figlio del dio Amòn, Totokamen tenterà invano la fuga e dovrà poi fare ricorso a tutta la sua astuzia per sostenere l'improponibile duello che si trasformerà in uno scontro marionettistico. Appesantito da un travestimento troppo finto per catturare l'ingenuità dello spettatore, il film riesce comunque a strappare qualche risata, grazie all'impareggiabile abilità di Totò nel riprodurre le fragilità umane con quello stesso atteggiamento bonario e comprensivo del Boccaccio novelliere. E così sullo schermo si assiste al buffo Totokamen che, una volta alloggiato alla corte del Faraone, pieno di paure e un po' sperduto, sa però subito approfittare della situazione e sentirsi "divino" di nome e di fatto a spese del povero Tarantenkamen che deve accontentarlo in tutto e per tutto. Ma Totokamen ha anche le sue buone qualità e un cuore tenero, tanto che si preoccupa per Nefertiti, la figlia del faraone innamorata di Maciste. Il ruolo del giocoliere offre a Totò la possibilità di esibirsi in una serie di acrobazie degne di un esperto ginnasta, da salti di varia natura a capovolte che richiamano la flessibilità delle carte da gioco di Alice nel paese delle meraviglie. La trama resta inevitabilmente esile e un po' infantile nel ridurre la Storia a pagine quasi da fumetto e gli scontri militari a scene da teatrino. Ad abbassare il livello contribuiscono anche i troppi riferimenti all'attualità che sottraggono definitivamente la vicenda a uno sfondo di riferimento coerente: dalle Millebolleblu a «pronto chi parla» al sindacato delle vedove a un corredo di oggetti cronologicamente stonati come il termometro... Simpatica la scena finale di un Totokamen vagabondo in cui dietro la maschera sembra di poter intravvedere un Totò destinato a vagabondare in eterno di avventura in avventura e fra i vizi e le virtù dell'umanità.

Stampa in PDF

TROVASTREAMING
TOTÒ CONTRO MACISTE
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
CHILI
-
-
TheFilmClub
-
-
iTunes
-
-
-
-
* * - - -

Totò e i colossal

domenica 18 luglio 2010 di Luca Scialò

Totokamen è un giocoliere che nell'antico Egitto si esibisce nelle taverne in coppia con la spalla Tarantenkamen. Tra i suoi trucchi, c'è anche quello dell'uomo più forte del Mondo, e un quiproquò farà credere al Faraone d’Egitto che la sua fama sia dovuta davvero ad una forza sovrumana, tanto da spingerlo a convocarlo per giudare l'esercito per fronteggiare l’arrivo di Maciste alla guida delle truppe assire. Il popolo egiziano lo ritiene continua »

* * * - -

L'arte del prendere in giro

lunedì 24 aprile 2017 di alberto

 "A me Maciste mi fa un baffo": con questa frase Totò riassume la sua poetica del prendersi gioco di tutto, questa volta di Maciste, un uomo forzuto non realmente esistito e mai citato nella mitologia, ma nato dalla pellicola "Cabiria" del 1914 e identificato con il greco Ercole o, più in generale, con un fusto indistruttibile e capace di uccidere con un colpo solo 32 uomini. Il principe della risata anche qui è un truffatore che, affiancato dal "conduttore" continua »

Totò
Con ventidue mogli mi dovrò fare un letto a ventitré piazze. A me gli sceicchi mi hanno sempre fatto schifo.
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Totò
È una bella faraona. E pensare che l'avevo presa per una padovana.
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Totò
Non sono brutto, ma mi arrangio.
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5

di Leo Pestelli

Comicità di casa nostra e di grana grossa, con questo film, dove il nostro comico più popolare, valendosi di una "spalla" d'eccezione come Nino Taranto, fa una sorta di parodia alle egizianerie con muscoli. È materia di facile divertimento per chi a Totò chiede soltanto i consueti lazzi mimici e verbali. Ha diretto Fernando Cerchio, tentando di mettere in burletta un genere da lui stesso coltivato: ma è difficile fare la parodia della parodia. Da La Stampa, 1 settembre 1962 »

di Matilde Amorosi

Totò interpreta Totokamen Sabachi. Totokamen, insieme al suo compare Tarantenkamen (Nino Taranto), si esibisce in un locale di Tebe, facendosi passare per l'uomo più forte del mondo, in quanto figlio del dio Ammon. I suoi trucchi sono talmente efficaci da trarre in inganno persino il gran dignitario di corte, il quale gli propone di battersi contro Maciste. Il gigante, innamorato di Nefertiti, la figlia del Faraone, è diventato nemico della sua gente per aver bevuto un filtro magico che gli ha stravolto la personalità e sembra invincibile. »

di Morando Morandini

Potevano i produttori italiani lasciarsi sfuggire un'occasione d'oro come quella di fare indossare a Totò i panni di un antico egizio?. Nonostante Totò si ride poco e male: per la semplice ragione che come parodia sono molto più divertenti quelle avventure che pretendono di essere serie. Ma perché Totò non sceglie meglio i soggetti da interpretare? Tanto i buoni film glieli pagano come quelli brutti. Da La Notte, 14 giugno 1962 »

Totò contro Maciste | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Jleana Cervai
Pubblico (per gradimento)
  1° | elgatoloco
  2° | alberto
  3° | luca scialò
Shop
DVD
Scheda | Cast | News | Foto | Frasi | Pubblico | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità