Le grand bleu

Film 1988 | Avventura 120 min.

Anno1988
GenereAvventura
ProduzioneUSA, Francia, Italia
Durata120 minuti
Regia diLuc Besson
AttoriJean Reno, Jean-Marc Barr, Rosanna Arquette, Sergio Castellitto .
MYmonetro 2,92 su 11 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Luc Besson. Un film con Jean Reno, Jean-Marc Barr, Rosanna Arquette, Sergio Castellitto. Genere Avventura - USA, Francia, Italia, 1988, durata 120 minuti. - MYmonetro 2,92 su 11 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi
Le grand bleu
tra i tuoi film preferiti.




oppure

Regia di Luc Besson, è la storia di due uomini, Jacques Mayol ed Enzo Molinari i quali gareggiano fino all'ultimo respiro ad un campionato subacqueo. La prova è quella di calarsi in profondità per il tempo più lungo.

Consigliato sì!
2,92/5
MYMOVIES 2,50
CRITICA N.D.
PUBBLICO 2,88
CONSIGLIATO NÌ
Fino all'ultimo respiro. Finalmente in Italia il film di Luc Besson..
Recensione di Giancarlo Zappoli
Recensione di Giancarlo Zappoli

Due ragazzi, Jacques e Enzo, che hanno la stessa passione: l'immersione subacquea. Anche il padre di Jacques partecipa alle loro immersioni finché un giorno non riemerge più. A vent'anni di distanza il figlio ha ancora nel sangue quella morte... Non va detto molto di più di un film culto in Francia, datato 1988 con uscita in Italia targata 2002 dopo che è finalmente finita l'annosa querelle che oppose il campione italiano di immersione in apnea Enzo Majorca alla produzione. Majorca si era riconosciuto nel personaggio di Enzo e non aveva apprezzato alcuni passaggi ritenuti offensivi. Solo dopo il suicidio nel 2001 di un altro grande campione, Jacques Mayol, la causa si è ricomposta con l'accettazione da parte di Besson del taglio di alcune scene. Un film da vedere anche perché consente di fare un salto indietro nella filmografia di due grandi attori come Jean Reno e Jean-Marc Barré.

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?
a cura della redazione

Dietro il film, datato 1988, c'è un'idea originale di Luc Besson (regista allora in ascesa per gli osanna francesi a Le dernier combat e Subway): intrecciare nella finzione cinematografica le vite parallele del francese Mayol e del siciliano Maiorca, protagonisti di una sfida infinita a colpi di record mondiali, quando le immersioni in apnea erano imprese eroiche poco supportate dalla tecnologia. Ma la rappresentazione surreale della rivalità tra i due, e soprattutto il ritratto sopra le righe nel quale l'italiano non si ritrovò (il film indugia perlopiù sul rapporto simbiotico dell'uomo-delfino Mayol con il mare), spinsero Maiorca a impedire la distribuzione italiana del film. Accompagnato da un'aura mitica (sarà stato il tema con i suoi protagonisti, sarà stato lo sviluppo bessoniano così sintonico con la musica ossessiva di Eric Serra e con la fotografia fredda di Carlo Varini), Le grand bleu ammaliò l'Europa, ma, dato il boicottaggio nazionale, Besson si vide negare la consacrazione italiana, che arrivò solo con Nikita. ll grande blu mi appare oggi un film meno bello del suo ricordo: è invecchiato assai meglio del suo autore, ma mostra limiti di scrittura e di regia. Che passavano quasi inosservati un tempo (allo sguardo di chi scrive), travolti da una gamma di sensazioni blu profondo e dalla capacità di trasmettere, sia pure con una messa in scena tradizionale, le suggestioni dell'intesa tra uomo e mare, elementi in apparenza irriducibili. Probabilmente fu proprio la scelta di Besson di escludere Enzo da questa relazione amorosa con l'elemento marino, che invece riconosceva a Mayol, a scatenare l'ira del siciliano. Ragionevole: con modalità diverse, era in fondo la stessa passione che muoveva i due rivali a una pratica di cui Mayol esaltava la componente spirituale mentre in Majorca spiccava quella fisica. L'uscita del film in Italia dopo quattordici anni (di cui almeno due, gli ultimi, quando l'opera era ormai "sdoganata", passati a cercare il momento propizio per un improbabile lancio) ha il sapore di un risarcimento tardivo che arriva fuori tempo massimo: Mayol non c'è più, spazzato via dalla depressione senile, quando lo sport della sua vita ha preso strade di ipertecnologizzazione (nel film, il regista gli regalava ben altra uscita di scena, una poetica fusione con il mare); mentre Maiorca ha lasciato spazio ad atleti più giovani. Ma anche il cinema ha riservato sorprese ai protagonisti di Le grand bleu: Besson ha smesso i panni del genio casalingo ispirato dai fumetti per tuffarsi nel chiasso hollywoodiano, con esiti poco felici; Jean Reno, a cui il regista aveva cucito addosso il ruolo di Enzo (il personaggio più caricato ma anche il più divertente) è ora un divo transcontinentale, mentre con il declino fisico sono cadute le stelle di Jean-Marc Barr (riciclatosi come regista, e contagiato dal virus "dogmatico") e Rosanna Arquette (relegata a comparsate nei tv-movie). Resta immutato solo il mare, che nella storia (e pure nella vita dei due protagonisti, dentro e fuori lo schermo) non accettò un ruolo di confine, esigendo la parte principale. Avergliela concessa, fin dal titolo, è forse l'intuizione migliore di Besson: Le grand bleu, nonostante i segni del tempo, appare ancora il suo film più compiuto.
Da Duel, 1 settembre 2002

PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
domenica 18 luglio 2010
nick castle

Ovvio che Enzo Molinari simboleggia Enzo Maiorca, ma era un motivo valido per intentare una causa per diffamazione? Io non credo almeno. Besson arriva al suo terzo lavoro, e dopo "Le dernier combat" e "Subway" sviluppa una profonda concezione opera cinematografica, che più che un film risulta essere un sogno ad occhi aperti.

venerdì 1 novembre 2013
THEOPHILUS

LE GRAND BLEU     Racconto fantastico della vicenda di Enzo Majorca e Jacques Mayol, che negli anni ‘80 infransero ogni limite pensabile della capacità umana di discesa nelle profondità marine in apnea. Troppo idealizzata la figura di Mayol e eccessivamente materiale quella di  Majorca? Oppure, al contrario, a Majorca non andò a genio il fatto di morire [...] Vai alla recensione »

lunedì 30 luglio 2012
gianleo67

Due amici, un italiano e un francese, crescono insieme nella passione per le immersioni nelle acque scintillanti dell'Egeo. Da adulti misureranno la loro amicizia e la loro passione sportiva in una competizione al limite per il campionato mondiale in apnea. Un quasi biopic quello di Besson che mette a confronto in forma romanzata l'epopea umana e agonistica di due giganti delle immersioni in [...] Vai alla recensione »

sabato 2 aprile 2011
ipno74

Luc Besson ci regala un film tra sogno e realtà, con immagini, stupende del mare della sicilia e della gracia. Alla fine avrete voglia di conoscere di più i personaggi veri di questa storia, ovvero Enzo Maiorca e Mayol. Quello che più mi ha colpito di questa storia è differenza tra Molinari e Mayol; uno più umano, verace, l'altro sembra davvero di un altro, [...] Vai alla recensione »

Frasi
Perché è proprio in questo che consiste l'amore: è una gran rottura di coglioni! Ma continua a tenerci uniti.
Una frase di Enzo Molinari (Jean Reno)
dal film Le grand bleu
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Enrico Danesi
Quotidiano.net

Dietro il film, datato 1988, c'è un'idea originale di Luc Besson (regista allora in ascesa per gli osanna francesi a Le dernier combat e Subway): intrecciare nella finzione cinematografica le vite parallele del francese Mayol e del siciliano Maiorca, protagonisti di una sfida infinita a colpi di record mondiali, quando le immersioni in apnea erano imprese eroiche poco supportate dalla tecnologia.

Lietta Tornabuoni
La Stampa

Luc Besson, il regista e produttore francese che adesso ha quarantatrè anni ( Nikita, Il quinto elemento, Giovanna d´Arco), è figlio di due sub professionisti addetti ai Club Méditerranée tra Grecia e Jugoslavia. È cresciuto con il mare, sul mare, nel mare: Le grand bleu (il grande azzurro) è un film mitizzante, una storia del mare, una epopea degli abissi che l´uomo si illude di violare, ed ha avuto [...] Vai alla recensione »

Aldo Fittante
Film TV

Meglio tardi che mai? Ci sono voluti quattordici anni per vedere Le grand bleu in un cinema italiano, malgrado l'edizione doppiata fosse pronta dal 1988, anno in cui fu presentata in pompa magna come opera d'apertura al Festival di Cannes. Gli appassionati sottomarini e i bessoniani della prima ora andavano a Lugano per vederlo. E, qualche mese dopo, in Francia, per comprare la videocassetta.

Tullio Kezich
Il Corriere della Sera

Quattordici anni di attesa fra la solenne inaugurazione di Cannes (11 maggio 1988) e l'uscita sui nostri schermi è il record che stabilisce Le grand bleu, opera a tre dell'allora ventinovenne Luc Besson, con il quarantenne Jean Reno nella parte dell'immersionista Enzo (Maiorca?) rivale di Jacques Mayol (interpretato con nome e cognome da Jean Marie Barr).

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati