Il ponte sul fiume Kwai

Acquista su Ibs.it   Soundtrack Il ponte sul fiume Kwai   Dvd Il ponte sul fiume Kwai   Blu-Ray Il ponte sul fiume Kwai  
Un film di David Lean. Con William Holden, Jack Hawkins, Alec Guinness, Sessue Hayakawa, James Donald.
continua»
Titolo originale The Bridge on the River Kwai. Guerra, Ratings: Kids+13, durata 161 min. - USA 1957. MYMONETRO Il ponte sul fiume Kwai * * * * - valutazione media: 4,08 su 15 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   

Un'impresa eroica che contrappose i due eserciti. Valutazione 4 stelle su cinque

di GreatSteven


Feedback: 61479 | altri commenti e recensioni di GreatSteven
lunedý 6 marzo 2017

 

IL PONTE SUL FIUME KWAI (USA, 1957) diretto da DAVID LEAN. Interpretato da WILLIAM HOLDEN, ALEC GUINNESS, JACK HAWKINS, JAMES DONALD, SESSUE HAYAKAWA, GEOFFREY HORNE

Un reparto di prigionieri britannici, nel 1943, viene inviato in un campo di lavoro in Thailandia, comandato dal perfido colonnello Saito. Dovranno costruire un ponte sul fiume Kwai che permetta il passaggio di un treno che viaggia sulla ferrovia che congiunge Bangkok a Rangoo. Inizialmente la disciplina e l’atmosfera all’interno del lager sono all’insegna della crudeltà, ma in seguito, grazie al sacrificio eroico del colonnello Nicholson, comandante del distaccamento inglese imprigionato, vengono concesse ai detenuti lavoranti condizioni migliori e più rispettose della loro dignità. Nel tentativo di fuggire, il maggiore statunitense Shears (in realtà un semplice marinaio di seconda classe che ha assunto l’identità di un ufficiale morto rubandogli l’uniforme) viene creduto morto perché ferito e annegato nel Kwai, ma in realtà sopravvive grazie all’aiuto degli abitanti di un vicino villaggio. Ripresosi, viene contattato da un superiore dell’Esercito Americano che lo convince a tornare al campo per far saltare il ponte con un’abbondante carica di esplosivo, scortato da tre commilitoni e, successivamente, anche da un gruppo di donne autoctone. I lavori procedono regolarmente, con gli ufficiali che dapprima amministrano l’operato dei soldati e poi, per necessità, li aiutano materialmente a costruire il ponte, finché l’infrastruttura in legno viene terminata ed appare maestosa. Ma il progetto americano di sabotare il ponte provocandone l’esplosione non andrà secondo i piani previsti, e a rimetterci la pelle ci saranno Nicholson, Saito e lo stesso Shears. Uno dei più bei film di guerra di tutti i tempi. Un’opera magnifica e imponente che si propone di denunciare la guerra pur conservando una notevole ammirazione per coloro che la fanno, inserendo un dialogo tutt’altro che moralistico o manieristico sulla necessità dei conflitti armati e sulla responsabilità tanto dei soldati semplici quanto degli ufficiali, i primi comandati per condurre a compimento le missioni dal punto di vista strettamente diretto e pragmatico e i secondi animati da ragionevoli dubbi sull’etica e sul dovere di guerreggiare contro altri uomini. È soprattutto un film di attori: con una prevalenza, ma non invasiva, di Holden, eccezionale nel ritrarre il falso maggiore che cerca di ottenere la sua redenzione di pace interiore attraverso l’esecuzione di un incarico pericolosissimo, brillano anche A. Guinness (premiato con l’Oscar), colonnello pragmatico e attento alle esigenze di chi comanda, e il suo contraltare/omologo avvelenato e (in un primo momento) malvagio Saito, feroce e inflessibile per adempiere con fedeltà al suo compito, ma tutto sommato aperto al bisogno di umanità mostrato dai lavoratori per poter faticare nel modo più proficuo possibile. Grande protagonista è poi il ponte stesso: impalcatura ben costruita e svettante sul fiume che apre un bacino nel folto della giungla, anch’essa con un ruolo non indifferente nel mosaico simbolico della pellicola, si rivela il motivo fondante che contrappone da una parte i giapponesi invasori, intenzionati all’approvvigionamento di viveri e munizioni per il loro lager, agli americani, che mirano a insabbiarne la costruzione e, non riuscendoci, programmano di smantellarlo con le bombe, e dall’altra ai britannici, all’inizio restii e resistenti al lavoro forzato ma poi motivati a terminarlo. E ci trovano anche una ragione di vita e una ragione per essere orgogliosi del proprio impegno, e in tal senso è esemplificativo il colloquio del colonnello Nicholson col medico della base Clifton (J. Donald coerente e straordinario, altro attore straordinario in questo cast che non ha nemmeno una pecca né un’imperfezione). Ambientazione impeccabile e colonna sonora molto asciutta ma ricompensata dal motivo che il plotone di soldati fischietta allegramente e con perseveranza durante la marcia, divenuto ormai oggetto di culto legato alla storia, sempre più favolosa, de Il ponte sul fiume Kwai. Un altro Oscar andò alla sceneggiatura, ritirato da Pierre Boulle, autore del romanzo cui il film è ispirato, perché gli autentici sceneggiatori, Carl Foreman e Michael Wilson, si trovavano sulla lista nera del maccartismo in quanto filocomunisti. Contrariamente a come può sembrare ad una prima occhiata, non è un film maschilista o misogino: le donne, per quanto poco compaiano, svolgono un ruolo di capitale importanza, e per almeno un paio di ragioni: l’atto di carità a favore di Shears quando è ferito per aiutarlo a rinsavire e la preparazione della missione offensiva contro il ponte, ordinata dal capitano che crede nelle possibilità di Shears, come si evince dalla densa e fruttuosa conversazione che hanno nel suo ufficio, col bellissimo panorama tropicale che si vede fuori. Ha infine il merito di non prendere posizioni ideologiche: né l’esercito statunitense né quello nipponico vengono presi di mira o boicottati. Soltanto la guerra, nella sua disarmante e immensa mostruosità, è al centro di una polemica lucida e intelligente.

[+] lascia un commento a greatsteven »
Sei d'accordo con la recensione di GreatSteven?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
33%
No
67%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico

Ultimi commenti e recensioni di GreatSteven:

Vedi tutti i commenti di GreatSteven »
Il ponte sul fiume Kwai | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies

Stefano Lo Verme
Pubblico (per gradimento)
  1░ | il cinefilo
  2░ | greatsteven
  3░ | filippo catani
Premio Oscar (15)


Articoli & News
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità