Ritratto della giovane in fiamme

Un film di CÚline Sciamma. Con NoÚmie Merlant, AdŔle Haenel, LuÓna Bajrami, Valeria Golino, CÚcile Morel Titolo originale Portrait de la jeune fille en feu. Drammatico, Ratings: Kids+13, durata 120 min. - Francia 2019. - Lucky Red uscita giovedý 19 dicembre 2019. MYMONETRO Ritratto della giovane in fiamme * * * - - valutazione media: 3,41 su 24 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   

Lente emozioni Valutazione 3 stelle su cinque

di vanessa zarastro


Feedback: 32238 | altri commenti e recensioni di vanessa zarastro
domenica 16 giugno 2019

Il film “Portrait of a Lady on Fire” ha ottenuto il premio per la migliore sceneggiatura a Céline Sciamma, oltre al Queer Palm, al Festival di Cannes 2019. Lo sguardo femminile della regista è delicato e attento, non tralascia alcun dettaglio della villa, grande ma spartana, dove la vicenda ha luogo. Siamo nel 1770 in un’isola sulla costa normanna, dove approda Marianne (interpretata da Noémie Merlant), una giovane pittrice figlia d’arte, che deve fare un ritratto a Héloïse (un’intensa Adéle Haenel), senza però farsene accorgere. La ragazza, uscita da pochissimo dal convento, deve andare in sposa a un nobile italiano, destinatario del ritratto, che non conosce affatto. Héloïse pertanto è molto contrariata perché non ha la possibilità di scegliere, lei che ama solo la musica e cantare in chiesa. E pensare che conosce solo la musica per organo! La sorella più grande – era lei che sarebbe dovuta andare in sposa – era appena morta accidentalmente cadendo (ma probabilmente buttandosi…) dalle alte scogliere.
Nella villa si trova anche la contessa (Valeria Golino), madre di Héloïse, che va e viene e l’unica donna di servizio (Luàna Bajrami)che lavora lì già da tre anni.
Così Marianne si finge dama di compagnia, e accompagna Héloïse nelle passeggiate. La scruta di nascosto cercando di memorizzarne ogni dettaglio, dai lobi delle orecchie alle nocche delle mani. La sera a casa inizia a dipingerla a memoria. Ma in questo rapporto in crescendo nasce man mano qualcosa: curiosità reciproca, confronto, desiderio? Ne nasce innanzitutto una relazione di complicità e comprensione reciproca che si trasformerà in un forte legame affettivo.
Lo scenario mostrato dalla regista è un “coro di donne” – come quelle che cantano nella festa paesana - dove vigono la collaborazione e la solidarietà. Di notevole impatto è la scena dell’aborto, a opera di una mammana, di Sophie sdraiata sul letto tra due bambini piccolissimi.
Un film di sentimenti al femminile dunque dove le riprese, ad eccezione delle immagini di scogliere, sono tutte nell’interno della casa dove le donne, per definizione, sono destinate a vivere. Un film di sole donne, mentre gli uomini sono fuori, di là, da un’altra parte.
In effetti una volta era così - fino a mezzo secolo fa - le scuole dalle suore e il convento erano i mondi tutti al femminile dove, specialmente le adolescenti, poi giovani ragazze, crescevano e vivevano le proprie pulsioni sessuali ed emotive.
Un ruolo importante nella vicenda lo svolge la musica come fonte di grande emozione, ed è citato in particolare Vivaldi – la regista è di padre italiano e spesso fa riferimento all’Italia – con le sue Quattro Stagioni.
La prima parte del film è coinvolgente ed è diretto quasi fosse un thriller, lo si segue con suspense, che però purtroppo svanisce nella seconda parte dove il lentissimo scorrere dei giorni di amore dichiarato, non riesce ad entusiasmare più di tanto.
Comunque, dopo aver visto recentemente tutti film sull’amore omosessuale maschile (“Rocketman”, “Dolor y gloriaThe marriage”) qui, nella rappresentazione dell’amore saffico si apprezza la mano leggera di Céline Sciamma che preferisce alludere più che mostrare, rendendo espliciti i sentimenti con estrema naturalezza e sensibilità. La regista, che è anche sceneggiatrice, è al suo quarto lungometraggio, tutti concentrati sulla ricerca di un’identità sessuale.
 

[+] lascia un commento a vanessa zarastro »
Sei d'accordo con la recensione di vanessa zarastro?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
54%
No
46%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico

Ultimi commenti e recensioni di vanessa zarastro:

Vedi tutti i commenti di vanessa zarastro »
Ritratto della giovane in fiamme | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
Spirit Awards (1)
Goya (1)
Golden Globes (1)
Festival di Cannes (1)
European Film Awards (5)
Critics Choice Award (1)
Cesar (7)
BAFTA (1)


Articoli & News
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 | 20 | 21 | 22 |
Uscita nelle sale
giovedý 19 dicembre 2019
Distribuzione
Il film Ŕ oggi distribuito in 16 sale cinematografiche:
Showtime
  2 | Emilia Romagna
  2 | Lazio
  6 | Lombardia
  2 | Marche
  1 | Piemonte
  2 | Trentino Alto Adige
  1 | Veneto
Scheda | Cast | Cinema | News | Trailer | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità