Il traditore

   
   
   

didattico e retorico Valutazione 3 stelle su cinque

di carloalberto


Feedback: 4817 | altri commenti e recensioni di carloalberto
venerdì 24 maggio 2019

 L’atmosfera cupa delle prime sequenze, girate in una villa antica e decadente, in cui si svolge la scena della temporanea pax mafiosa tra personaggi immersi nell’ombra, affacciata su un mare scuro ed ostile in una notte buia illuminata soltanto dalle fiaccole, simbolo di luce catacombale, e dai fuochi pirotecnici della festa religiosa, mentre si inneggia a Santa Rosalia, comunica icasticamente con immediatezza il senso di oppressione e la pesantezza della vita claustrofobica dei mafiosi, rappresentati metaforicamente come topi, come animali sotterranei e parassiti della vita urbana, che fuggono dinanzi alla giustizia, costretti alla clandestinità o nel caso di Buscetta, all’esilio, sebbene dorato, del Brasile. Le scene degli assassinii per il predominio nella commissione al vertice di cosa nostra, nella lotta tra la vecchia e la nuova mafia dei corleonesi, quella che sarà stragista ed ambiguamente compromessa con gli apparati deviati dello Stato, che si susseguono in modo incalzante, rievocando le cronache del tempo, ricordano lo stesso ritmo narrativo degli omicidi tra fazioni rivali, nello scontro tra la vecchia e la nuova camorra organizzata, del Camorrista di Tornatore. Ottima l’interpretazione di Favino, Lo Cascio e Ferracane, rispettivamente Buscetta, Contorno e Calò, anche se con risultati diversi. Si preferisce rappresentare l’uomo Buscetta nella sua forza vitale e animalesca mentre consuma rapporti sessuali con la moglie o con una prostituta nel carcere dell'Ucciardone, piuttosto che approfondire il personaggio dal punto di vista psicologico nelle sue relazioni familiari, eppure ebbe otto figli, o nel rapporto con Falcone, che è, invece, appena abbozzato e si riduce allo scambio di qualche battuta e all’offerta di un pacchetto di sigarette del giudice al pentito. Nonostante la rassomiglianza impressionante tra Favino e Buscetta, il personaggio non comunica niente di essenziale, nulla di più rispetto a quello che si può leggere in un articolo di giornale, resta appiattito e conforme alla copia dell’originale che le cronache ci hanno consegnato, mentre Lo Cascio, cui è riservato un ruolo minore, riesce a trasmettere qualcosa di profondo dell’animo del personaggio che interpreta, la pervicacia e la violenza attraverso lo sguardo, l’orgoglio della propria sicilianità con l’utilizzo sfrontato davanti alla corte, che lo sta interrogando come pentito, di un dialetto stretto ed incomprensibile, così come Ferracane rende efficacemente la mellifluità del criminale di alto livello che è stato a contatto con i colletti bianchi ed ha imparato il politichese. Se non fosse per qualche visione onirica, Andreotti che esce in mutande dall’atelier del sarto, o l’apparizione dei fantasmi dei figli evocati dai sensi di colpa, il film sarebbe cronaca pura. Bellocchio voleva forse rifare il Joe Valachi - I segreti di Cosa Nostra diTerence Young, ma, con tutto il rispetto, Favino non è paragonabile a Charles Bronson, e non si comprende, alla fine, se sia a causa dei limiti attoriali del protagonista, forse troppo buono per impersonare un boss di cosa nostra, o di una sceneggiatura cronachistica, prigioniera dei dialoghi stereotipati, ripresi dai giornali o dai libri scritti sull’argomento, che il film, più utile strumento didattico che opera d’arte, idoneo ad una proiezione nelle scuole per fornire i primi rudimenti sul fenomeno mafioso, rimane in superficie, sulla superficie di quel mare nero ed ostile, rappresentazione di una società civile che lambisce minacciosa la malavita nascondendo nelle sue profondità il malaffare.

[+] lascia un commento a carloalberto »
Sei d'accordo con la recensione di carloalberto?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
46%
No
54%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
giannaccio domenica 26 maggio 2019
cronache da non ignorare...
0%
No
100%

Condivido l'opinione di Carloalberto sull' impronta prettamente didascalica impressa al film da Marco Bellocchio. Ritengo che comunque una certa aderenza alle cronache del periodo debba essere necessaria: quanti di noi conoscono i meccanismi legati della criminalità organizzata gestita da Buscetta e dai Corleonesi all'epoca?
Magistrale l'interpretazione di Favino, il cui accento siciliano forse è discutibile?... Datemi riscontro. Ancor più efficace, a mio avviso, Lo Cascio, con la sua interpretazione grintosa di sempre ( indimenticabile Peppino Impastato de ' I cento passi ') e quel dialetto siciliano stretto, segno ulteriore dello strenuo attaccamento alle origini del personaggio interpretato. [+]

[+] lascia un commento a giannaccio »
d'accordo?

Ultimi commenti e recensioni di carloalberto:

Vedi tutti i commenti di carloalberto »
Il traditore | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
Nastri d'Argento (12)


Articoli & News
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 |
Link esterni
Uscita nelle sale
giovedì 23 maggio 2019
Distribuzione
Il film è oggi distribuito in 232 sale cinematografiche:
Showtime
12 | Abruzzo
  4 | Basilicata
  5 | Calabria
17 | Campania
17 | Emilia Romagna
  5 | Friuli Venezia Giulia
31 | Lazio
  7 | Liguria
31 | Lombardia
  6 | Marche
18 | Piemonte
18 | Puglia
  7 | Sardegna
25 | Sicilia
11 | Toscana
  1 | Trentino Alto Adige
  5 | Umbria
12 | Veneto
Scheda | Cast | Cinema | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità