Perez.

Acquista su Ibs.it   Dvd Perez.   Blu-Ray Perez.  
Un film di Edoardo De Angelis. Con Luca Zingaretti, Marco D'Amore, Simona Tabasco, Gianpaolo Fabrizio, Massimiliano Gallo Drammatico, durata 94 min. - Italia 2014. - Medusa uscita giovedý 2 ottobre 2014. MYMONETRO Perez. * * * - - valutazione media: 3,16 su 58 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   
maldinipaolo venerdý 3 ottobre 2014
idee e metodo per rilanciare il cinema italiano Valutazione 5 stelle su cinque
79%
No
21%

Non Ŕ uscito nelle sale pi¨ commerciali, almeno nella Modena in cui vivo, ma questo film si propone come rivelazione dell'anno cinematografico. La sceneggiatura, ben scritta e facilmente interpretabile, fa da collante per una rappresentazione di una Napoli inedita nei luoghi e nelle psicologie. Luca Zingaretti si conquista la prima fila nella "classifica degli attori top" dimostrando di essere a dir poco credibile anche in ruoli diversi da quelli a cui ci ha abituato, facendoci vivere con passione ed empatia la solitudine del suo personaggio. Non si pu˛ e non si deve sminuire il resto del cast, di primissimo livello, che permette al regista di articolare le vicende attraverso personalitÓ capaci di sopportare il peso degli snodi della storia. [+]

[+] d'accordo (di maripi75)
[+] lascia un commento a maldinipaolo »
d'accordo?
maria cristina nascosi sandri mercoledý 1 ottobre 2014
perez, da domani 2 ottobre nelle sale italiane Valutazione 3 stelle su cinque
79%
No
21%

E' appena stato presentato alla 71a Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia ed esce domani nelle sale italiane PEREZ, opera seconda di Edoardo De Angelis, dopo "Mozzarella Stories", polar-noir tutto metropolitano di matrice italiana.
Perez, interpretato dal nostro ottimo Zingaretti che l'ha voluto anche produrre, tanto ha creduto nel progetto fin dall'inizio, è un avvocato d'ufficio a Napoli. La sua ignavia gli ha impedito di divenire un grande leguleio, la paura e la viltà l'han fregato, non solo nel lavoro, ma pure negli affetti: la moglie l'ha abbandonato ed il rapporto con la figlia che vive con lui, è, per certi versi, pure di 'vassallaggio'. [+]

[+] lascia un commento a maria cristina nascosi sandri »
d'accordo?
valentino giorgi mercoledý 8 ottobre 2014
camorra e paura Valutazione 4 stelle su cinque
69%
No
31%

Demetrio, un avvocato sulla quarantina dal carattere mite e riservato, viene coinvolto in una situazione difficile che sconvolge la sicurezza della piccola famiglia: la sua unica figlia Tea ha una relazione con Francesco Corvino, un giovane ragazzo legato in maniera indissolubile con la camorra. Per allontanare il giovane Corvino da sua figlia, Demetrio, con l’aiuto del suo unico amico Merolla, è pronto a infrangere ogni regola arrivando anche a complottare con il cinico Buglione detto “Centopercento”. Ma le cose non andranno secondo i piani.
Perez. è un dramma dai tratti noir che narra con grande realismo e introspezione i tormenti, le ansie, le paure di un uomo onesto costretto a immischiarsi con la camorra. [+]

[+] lascia un commento a valentino giorgi »
d'accordo?
vincenzo ambriola venerdý 3 ottobre 2014
napoli down town Valutazione 4 stelle su cinque
75%
No
25%

Perez Ŕ un avvocato d'ufficio. Difende chi non ha soldi, immigrati, ladruncoli, poveri cristi. La sua vita si interseca con quella di un camorrista pentito che lo coinvolge in un losco affare. A complicare la vicenda si aggiunge la figlia Tea, fidanzata con un altro camorrista. Film noir dal forte coinvolgimento emotivo, girato nel Centro Direzionale di Napoli e a Castel Volturno, colpisce per la nitidezza e la crudezza sia delle immagini che dei personaggi. Perez non parla e non agisce, subisce la sua storia di debolezze ed errori. I camorristi, al contrario, sono efficienti, operativi, conoscono i meccanismi e le regole della societÓ, impongono senza pudore la loro cultura e le loro decisioni. [+]

[+] lascia un commento a vincenzo ambriola »
d'accordo?
filippo catani lunedý 6 ottobre 2014
personaggi senza speranze Valutazione 4 stelle su cinque
86%
No
14%

Napoli. Dopo un passato felice e prestigioso a cui ha fatto seguito un presente buio e privo della moglie, un avvocato tratta ora pericolosi casi d'ufficio. Una scossa alla sua vita arriverà a causa della figlia fidanzatasi con l'appartenente al clan rivale di quello dell'attuale assisstito del padre.
I tre protagonisti della storia formano un triangolo senza speranza intorno al quale ruotano altri personaggi anch'essi privi di prospettive. Al centro di tutto, all'interno di una Napoli triste e buia, troviamo l'avvocato Perez. Un uomo decaduto e ormai dedito solamente al bere e che ha come unica compagnia quella di un collega irrimediabilmente segnato dal passato. [+]

[+] lascia un commento a filippo catani »
d'accordo?
catcarlo martedý 14 ottobre 2014
perez. Valutazione 3 stelle su cinque
75%
No
25%

Una delle lamentele ricorrenti riguardo al cinema italiano è che manca il prodotto medio: vuoto che questo apprezzabile noir napoletano va in qualche modo a riempire, anche se è facile credere che una rondine non faccia primavera. Presentato alla Mostra di Venezia fuori concorso, si tratta della rielaborazione non banale di temi conosciuti (la pervasività mafiosa, l’uomo che è caduto e cerca di risorgere, la donna in pericolo) che prende corpo in una Napoli diversa di solito, rappresentata grazie alla bella intuizione di utilizzare i piani verticali e futuristici del Centro Direzionale di Kenzo Tange riprendendoli di preferenza di notte o alle prime luci dell’alba. [+]

[+] lascia un commento a catcarlo »
d'accordo?
marydeleo venerdý 10 ottobre 2014
indissolubile legame tra storia e regia Valutazione 5 stelle su cinque
67%
No
33%

Edoardo De Angelis in Perez. utilizza una tecnica di regia perfettamente integrata con la storia. Un linguaggio asciutto, una sintesi sublime che si manifesta in un segno limpido, di grandezza estetica inequivocabile. Una regia che nel nascondere la complessità della macchina cinematografica, nel rendere invisibile la tecnica rivela la sua estrema qualità. 

[+] lascia un commento a marydeleo »
d'accordo?
aristoteles mercoledý 30 dicembre 2015
l'amore per i figli Valutazione 3 stelle su cinque
100%
No
0%

Bravo il regista,ancora di più Zingaretti.
La storia non mi ha particolarmente convinto,troppi intrallazzi.
Tuttavia si respira un'aria di tensione veramente efficace e il ritmo è quello giusto.
La fotografia asciutta e fredda sostiene la disperazione di fondo.
L'amore verso i figli è il tema conduttore della pellicola,la luce nell'oscurità generale del terribile cinismo in chiave camorristica.
Anche l'avvocato Pérez ai sporcherà le mani,allo spettatore l'arduo compito di giudicare se la sua scelta sia lecita o meno.
Con una sceneggiatura più accurata sarebbe stato un piccolo capolavoro, ma si può accettare tranquillamente quanto visto. [+]

[+] lascia un commento a aristoteles »
d'accordo?
fabio57 mercoledý 21 ottobre 2015
buono per˛ non se ne pu˛ pi¨ Valutazione 3 stelle su cinque
100%
No
0%

Inquietante e riuscito quanto insolito film di malavita,l'ambientazione poi  è  personalmente interessante, visto che io al centro direzionale di Napoli ci ho lavorato per vent'anni.Luca Zingaretti da vita ad un personaggio ben diverso dal Montalbano cui ci ha abituati,è indeciso,pavido,passivo e perdente ma ritrova nel finale un sussulto di dignità che gli salva la vita e l'amore nonchè il rispetto della figlia.Scrivere e girare  film sulla criminalità di Napoli è diventata un'abitudine molto consueta,ho rispetto e ammirazione  per chi  fa cinema di denuncia, tuttavia sarebbe ora dopo Gomorra, e i suoi  infiniti sequel con tutte le variabili del caso, di prendere in considerazione altri temi, ricordando e ricordandoci che Napoli  è anche tanto altro. [+]

[+] lascia un commento a fabio57 »
d'accordo?
enzo70 sabato 29 agosto 2015
inutile piagnisteo Valutazione 1 stelle su cinque
100%
No
0%

Edoardo De Angelis dirige questo film sulla scia dei successi di Gomorra, una volta era vedi Napoli e poi muori, oggi il comandamento del messia Saviano è distruggi Napoli e poi vinci. Al centro delle attività dell’avvocato Perez la decadenza del centro direzionale di Napoli, il segnale della ripresa che sarebbe arrivata, il simbolo delle difficoltà di una città per un futuro che non ci sarà. Detto questo è un film sconclusionato, tutto scontato, c’è poco da dire, se non che Perez è un film di una noia mortale, anzi prevale la rabbia per l’incapacità di andare oltre semplici stereotipi. Le interpretazioni dei protagonisti non cambiano le sorti di un film che semplicemente pone seri dubbi sulla capacità del cinema italiano contemporaneo di rompere con il piagnisteo privo di struttura. [+]

[+] lascia un commento a enzo70 »
d'accordo?
pagina: 1 2 3 »
Perez. | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Marzia Gandolfi
Pubblico (per gradimento)
  1░ | maldinipaolo
  2░ | maria cristina nascosi sandri
  3░ | valentino giorgi
  4░ | vincenzo ambriola
  5░ | filippo catani
  6░ | catcarlo
  7░ | marydeleo
  8░ | nino pell.
  9░ | aristoteles
10░ | fabio57
11░ | enzo70
12░ | cinecinella
13░ | darkglobe
14░ | giorpost
15░ | greatsteven
16░ | greatsteven
17░ | nico74ur
18░ | flyanto
19░ | alile
20░ | dario
21░ | melvin ii
Nastri d'Argento (1)
Globi d'oro (4)


Articoli & News
Shop
DVD
Uscita nelle sale
giovedý 2 ottobre 2014
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità